Valori Normali

Valori di QT

Maschi adulti (ms)

Femmine adulte (ms)

Normale

inferiore a 430

inferiore a 450

Borderline

431-450

451-470

Prolungato

superiore a 450

superiore a 470

Fonte: FDA

La sindrome del QT breve è invece caratterizzata da intervalli inferiori ai 300 ms (Fonte: Wikipedia).

 

(Attenzione, gli intervalli di riferimento possono differire da un laboratorio all'altro, fare quindi riferimento a quelli presenti sul referto in caso di esami del sangue ed urina.)

Descrizione

Il cuore batte circa 100.000 volte al giorno per far circolare il sangue in tutto il corpo, per farlo le camere cardiache in cui è suddiviso il cuore si contraggono e si rilassano continuamente in modo rigoroso e controllato.

Dopo ogni battito cardiaco il sistema elettrico del cuore si ricarica in preparazione per il battito successivo e questo processo è noto come ripolarizzazione e può essere studiato attraverso l’elettrocardiogramma (ECG), il test che rileva e registra l’attività elettrica del cuore.

Questo esame registra i segnali elettrici mentre si muovono attraverso il cuore, i dati vengono quindi mappati su un grafico in modo che il medico possa studiali ed in particolare ogni battito viene descritto da cinque onde elettriche distinte: P, Q, R, S e T.

Esempio di elettrocardiogramma ed onde QT

Elettrocardiogramma ed onde QT

Il termine “intervallo QT” si riferisce ad una misurazione del tempo che intercorre tra l’onda Q e l’onda T, che descrive l’attività elettrica nelle camere inferiori del cuore, i ventricoli; è un valore che dipende da quanto velocemente si susseguono i battiti cardiaci, più veloce è la frequenza cardiaca minore è l’intervallo QT.

I tempi che scandiscono questo andamento sono controllati con scrupolosa precisione dal corpo e normalmente questo intervallo dura circa un terzo di ogni ciclo di battito cardiaco; esiste una condizione chiamata Sindrome del QT lungo in cui invece questo intervallo dura di più del normale, provocando un battito alterato e pericoloso per il paziente.

Meno comune è invece la Sindrome del QT breve, una malattia genetica in cui invece il tempo è diminuito rispetto ai valori normali.

Interpretazione

È stato dimostrato che intervalli QT troppo lunghi o corti sono associati ad un aumentato rischio di aritmie ventricolari pericolose per la vita e a morte cardiaca improvvisa.

Cause genetiche

Un prolungamento anomalo dell'intervallo potrebbe essere dovuto alla Sindrome del QT lungo, mentre un intervallo inferiore potrebbe essere dovuto alla sindrome del QT corto.

Reazioni avverse da farmaci

Il prolungamento dell'intervallo QT può essere causato da un farmaco, in quanto sono numerosi quelli in grado di alterarne i valori (vedi paragrafo "Fattori").

Malattie

Alcune condizioni di salute possono aumentare l'intervallo, ad esempio ipotiroidismo e ipocalcemia, mentre l'ipercalcemia può accorciare il valore.

Valori Bassi

  • Ipercalcemia
  • Sindrome del QT corto

Valori Alti

  • Ipocalcemia
  • Ipotirodismo
  • Sindrome del QT lungo

(Attenzione, elenco non esaustivo. Si sottolinea inoltre che spesso piccole variazioni dagli intervalli di riferimento possono non avere significato clinico.)

Fattori che influenzano l'esame

I farmaci che possono alterare il tempo tra l'onda Q e l'onda T sono decine, tra i principali.

  • aloperidolo,
  • vemurafenib,
  • ziprasidone,
  • metadone,
  • sertindolo,
  • alcuni antiaritmici (amiodarone, sotalolo),
  • alcuni antistaminici,
  • interazione tra inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e diuretici tiazidici,
  • antibiotici macrolidi (come l'azitromicina),
  • (per ulteriori farmaci consultare la pagina Farmaci e prolungamento dell'intervallo QT).

Anche l'alcol, se assunto in grandi quantità, può prolungare l'intervallo QT.

Quando viene richiesto l'esame

Il parametro viene misurato tutte le volte che si effettua un elettrocardiogramma, ma in base alla presenza di eventuali fattori di rischio possiamo stilare le seguenti indicazioni.

Livello di rischio Definizione Screening ECG Follow-up ECG Consulenza cardiologica Monitoraggio sec. Holter
Molto basso Maschi senza fattori di rischio Non necessario Non necessario Non necessaria Non necessario
Basso Donne senza fattori di rischio Non necessario Non necessario Non necessaria Non necessario
Medio Patologie cardiache Consigiabile Consigiabile Consigiabile Non necessario
Alto Interazioni tra farmaci Necessario Necessario Necessaria Discutibile
Molto alto Storia di LQTS Obbligatorio Obbligatorio Obbligatoria Obbligatorio

Fattori di rischio

  • Sesso femminile,
  • Patologie cardiache,
  • Ipokaliemia,
  • ipocalcemia,
  • ipomagnesemia,
  • sovradosaggio farmaci,
  • uso di farmaci in grado di alterare l'intervallo QT,
  • bradicardia
  • uso di diuretici
  • famigliarità per la sindrome congenita del QT lungo.

Preparazione richiesta

Per la preparazione all'elettrocardiogramma:

  • Non è necessario il digiuno,
  • Non è necessario astenersi da particolari attività,
  • È invece indispensabile evitare di applicare creme sul torace, che per gli uomini dev'essere depilato.

Per comodità è consigliabile l'uso di vestiti comodi per lasciare passare i fili dello strumento.

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro (fonti principali utilizzate per le analisi http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill).

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.
  1. Anonimo scrive il

    nell’ultimo cardiogramma effettuato il 21.04.2015 mi è stato riscontrato un valore del qt di 482. tale valore anomalo si è rilevato solo in occasione di questo esame, mentre i cardiogrammi effettuati nel corso della mia vita (ora ho 52 anni) non hanno mai riscontrato valore anomali.
    Volevo chiedere se tale valore è molto pericoloso e se avendo nel 2013 assunto per circa 3 mesi un antibiotico per la cura di una sepsi che provoca un allungamento del qt, questo potrebbe aver causato il problema.
    Grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Escluderei che la causa possa essere l’antibiotico.
      Al momento sta assumendo farmaci di qualunque genere?

  2. Anonimo scrive il

    Dott.buonasera interessandomi dell argomento e da poco tempo aver fatto un ecg.volevo riferirle i miei valori freq.1freq.122 Pr122 qrsd92 qt294 QTc415 asse P73 T19 mi potrebbe dire se e tutto ok? La ringrazio anticipatamente

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Mi dispiace, ma non sono in grado di valutare questi referti.

  3. Anonimo scrive il

    Mi scusi se insisto…avere Qt294 e QTc 415 come valori la mia domanda…Sono nella norma? Anche se sottoponendomi a questo Ecg ls mia frequenza cardiaca si elevo’ a 122bpm( per ansia)…grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      La ringrazio per la fiducia, ma non essendo cardiologo ritengo che sia mio dovere farmi da parte quando sento di non avere le competenze per formulare giudizi.

  4. Anonimo scrive il

    Vorrei sapere se i valori:

    Frequenza 142 bpm
    Intervallo PR 98 ms
    Durata QRS 62 ms
    QT/QTc 296/455 ms
    ASSI P-R-T 58 74 60

    In un bimbo di due mesi e mezzo sono corretti

    grazie infinite

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Mi dispiace davvero, ma sono valori che non mi sento in grado di giudicare, a maggior ragione in un lattante.

  5. Anonimo scrive il

    Salve, mia figlia ha 43 giorni e hanno riscontrato il qtc lungo… mi hanno detto che è normale nei neonati e mi hanno fissato una visita fra 20 giorni… il qt è di 290 e il qtc di 450… è grave?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Mi dispiace, ma per scelta non esprimo mai giudizi per bambini e neonati.

  6. Anonimo scrive il

    Sto assumendo claritromicina, ho letto un articolo su eventuali rischi e sono andata nel panico pur avendo già assunto questo farmaco in passato. Può causare realmente un infarto in un persona che non ha problemi cardiaci?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Eventuali rischi cardiaci sono legati alla presenza pre-esistente di specifici problemi (prolungamento dell’intervallo QT o aritmia cardiaca ventricolare, inclusa torsione di punta).

  7. Anonimo scrive il

    Salve , mio figlio adhd ha cominciato da poco a prendere lo speridone un farmaco che lo aiuta in questo caso …ha cominciato con una dose di 0,25 mg 2 volte al di..prima di cominciare abbiamo fatto l’ecg ed i valori del q erano 443, adesso a 15 giorni di distanza il valore e salito a 460…luioprende anche il salbutamolo e leggevo su internet che è un farmaco che influisce in questo caso …siccome lo risperidone e più che importante in questo periodo penso di rinunciare ad fargli assumere il salbutamolo. .lei cosa ne pensa?? Intanto il 14 abbiamo la visita cardiologica e sentiremo il parere del cardiologo ..grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Temo che l’eventuale influenza dello spray sia pressoché trascurabile.

  8. Anonimo scrive il

    Buon Giorno ,

    volevo chiederle una cosa se io prendo il farmaco Serenase con principio attivo aloperidolo, il qt che io ho basso di 352, si alzerà per forza oppure può alzarsi per l’effetto di questo farmaco.
    e che rischi provoca questo alzamento

    Grazie per la risposta
    Alessandro

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Non si alzerà per forza, ma potrebbe succedere, quindi è probabile che il medico consigli di verificarlo dopo l’inizio della terapia.

La sezione commenti è attualmente chiusa.