Esami del Sangue

Digita le prime lettere dell'esame che stai cercando nella casella di ricerca qui sopra, filtrerai così gli esami fino a trovare quello che cerchi.

  • 17 beta estradiolo:

    Il 17 beta estradiolo (E2) e l’estrone (E1) sono i due principali estrogeni biologicamente attivi in uomini e donne, gravidanza a parte in cui assume un ruolo predominante l’estriolo (E3). Oltre al loro ruolo nello sviluppo e nel mantenimento dei caratteri femminili, nella regolazione del ciclo mestruale e nella gravidanza, gli estrogeni hanno un ruolo importante (Continua a leggere)

  • ACTH:

    L’ACTH (corticotropina o ormone adrenocorticotropo) è un ormone prodotto dall’ipofisi, una ghiandola che si trova accanto al cervello e che è deputata al controllo dell’apparato endocrino, ossia l’insieme delle strutture che si occupano della regolazione delle diverse funzioni dell’organismo grazie alla produzione e immissione nel sangue degli ormoni. L’ACTH in particolare è spesso prodotto in (Continua a leggere)

  • Albumina:

    L’albumina è una proteina plasmatica sintetizzata dal fegato. È la proteina più abbondante nel plasma (la parte fluida del sangue) infatti, da sola, ne costituisce circa i due terzi del contenuto proteico totale. Proprio perché è la proteina principale nel sangue, la sua carenza dovuta a una diminuzione della sintesi o per causa diversa, provoca problemi (Continua a leggere)

  • Aldosterone e Renina:

    L’aldosterone è un ormone steroideo prodotto dalla corticale del surrene; è il principale ormone mineralcorticoide e, in quanto tale, riveste un importante ruolo nel mantenimento delle concentrazioni normali di sodio e potassio nel sangue, nel controllo del volume del sangue e della pressione sanguigna. La renina è un enzima che controlla la produzione dell’aldosterone. È prodotta (Continua a leggere)

  • Alfa globuline:

    Le alfa globuline sono proteine sintetizzate nel fegato circolanti nel sangue e si dividono in due gruppi: Alfa globuline 1 Alfa1-antitripsina Alfa1-antichimotripsina Alfa1-acido glicoproteina Siero amiloide A Alf 1-lipoproteina Alfa globuline 2 Aptoglobina Proteine urinarie maggiori Alfa2-macroglobulina Ceruloplasmina globulina legante gli ormoni tiroidei – TBG Alfa2-antiplasmina Proteina C Alfa2-lipoproteina Angiotensinogeno Sono separate dalle altre proteine (Continua a leggere)

  • Alfafetoproteina:

    L’alfa-feto proteina (AFP) è una proteina prodotta soprattutto dal fegato del feto e, nelle donne in gravidanza, dal sacco vitellino, la parte dell’embrione simile al tuorlo delle uova degli uccelli. Nell’uomo e nelle donne non incinte l’AFP è presente nel sangue solo in quantità minime, mentre nelle donne in gravidanza i valori crescono gradualmente fino (Continua a leggere)

  • Amilasi:

    Le amilasi sono un gruppo di enzimi e servono per degradare i carboidrati complessi. All’interno del pancreas, che è una ghiandola esocrina, l’enzima è sintetizzato dalle cellule acinari per poi attraversare i dotti pancreatici e raggiungere l’apparato digerente. Sono anche prodotte dalle ghiandole salivari, dalla mucosa dell’intestino tenue, dalle ovaie, dalla placenta, dal fegato e (Continua a leggere)

  • ANA (anticorpi antinucleo):

    Una delle migliori risorse che ha disposizione il nostro sistema immunitario per difenderci da minacce esterne sono gli anticorpi, proteine prodotte dai globuli bianchi in grado di attaccare specifici bersagli. Quando un anticorpo riconosce proteine estranee di un organismo infettivo, è in grado di richiamare e reclutare altre proteine e cellule per combattere l’infezione, dando (Continua a leggere)

  • Anticorpi anti AChR:

    La miastenia gravis è una malattia autoimmune neuromuscolare caratterizzata da debolezza muscolare e severa affaticabilità. La debolezza deriva dalla presenza di autoanticorpi, ossia proteine di difesa dell’organismo che per errore attaccando l’organismo stesso, diretti contro specifici bersagli (recettori e proteine) del muscolo ed impedendone così la normale funzione. È fortunatamente una malattia poco comune, che colpisce entrambi (Continua a leggere)

  • Anticorpi anti muscolo liscio:

    Gli anticorpi sono proteine prodotte dal nostro sistema immunitario che vengono liberate in caso di aggressione da parte di minacce esterne, come per esempio microrganismi patogeni (batteri, virus, …). In alcuni casi vengono erroneamente prodotti anticorpi in grado di attaccare il nostro stesso organismo, scambiando alcune utili proteine con un pericolo da combattere. Ogni anticorpo (Continua a leggere)

  • Anticorpi anti-cardiolipina (aCL):

    La cardiolipina è un fosfolipide (un acido grasso con un gruppo fosfato) che rappresenta da solo un quarto delle molecole che formano la membrana interna dei mitocondri,  organello che è di fatto la centrale energetica delle cellule. Il suo nome è dovuto al fatto che fu scoperta per la prima volta nelle cellule cardiache, ma è (Continua a leggere)

  • Anticorpi anti-endomisio:

    L’endomisio è il sottile tessuto connettivo che copre le singole fibre muscolari. Gli anticorpi anti-endomisio si sviluppano in reazione alle lesioni croniche della mucosa intestinale. La totalità dei pazienti affetti da celiachia e il 70% circa dei pazienti affetti da dermatite erpetiforme (un altro tipo di intolleranza al glutine che provoca un’eruzione cutanea con prurito, (Continua a leggere)

  • Anticorpi anti-gliadina:

    La gliadina è una delle proteine principali del glutine. L’esame degli anticorpi anti-gliadina è usato per la valutazione della celiachia, una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario si sbaglia e tratta il glutine, una proteina presente in frumento, farro, orzo, segale e avena (in quest’ultimo spesso come contaminazione), come corpo estraneo. Il sistema immunitario (Continua a leggere)

  • Anticorpi anti-MuSK:

    Gli anticorpi anti-MuSK (anti tirosinchinasi muscolo-specifica) sono autoanticorpi prodotti dal sistema immunitario e diretti contro le proteine MuSK presenti nella giunzione neuromuscolare: questi anticorpi impediscono la stimolazione dei muscoli dovuta al neurotrasmettitore acetilcolina. L’esame misura la quantità di questi anticorpi nel sangue. Gli anticorpi anti-MuSK impediscono la comunicazione tra i nervi e i muscoli scheletrici, (Continua a leggere)

  • Anticorpi anti-tireoglobulina:

    La tireoglobulina è una proteina che si trova nelle cellule della tiroide. L’esame degli anticorpi anti-tireoglobulina è quindi usato per valutare le patologie autoimmuni della tiroide, ossia quelle in cui il sistema immunitario attacca per errore la propria tiroide. La misurazione degli anticorpi anti-perossidasi ha una maggiore sensibilità e specificità rispetto agli anticorpi anti-tireoglobulina (anti-Tg), (Continua a leggere)

  • Anticorpi anti-transglutaminasi:

    L’esame delle IgA e/o delle IgG anti-transglutaminasi viene usato per valutare alcune malattie autoimmuni ed in particolare la celiachia. Le malattie autoimmuni si verificano quando il sistema immunitario scambia una sostanza non pericolosa per un corpo estraneo e la attacca. Nel caso della celiachia la sostanza responsabile è il glutine, una proteina che si trova (Continua a leggere)

  • Anticorpi anticitrullina:

    Gli anticorpi sono molecole prodotte dal sistema immunitario in risposta ad aggressioni esterne, ad opera di batteri, virus e altri microrganismi. In caso di malfunzionamento il corpo potrebbe mettersi a produrre anticorpi diretti conto sé stesso, verso specifiche proteine del nostro stesso organismo; si parla in questo caso di autoanticorpi, che possono diventare cause di (Continua a leggere)

  • Antiperossidasi tiroidea:

    Gli anticorpi sono proteine prodotte dal nostro sistema immunitario, che vengono rilasciate contro vari bersagli per difenderci da infezioni e malattie; per ogni singolo bersaglio (virus, batterio, …) viene prodotto uno specifico anticorpo che si occuperà solo e soltanto di quella minaccia. In alcuni pazienti il sistema immunitario può manifestare problemi e, per errore, iniziare la produzione (Continua a leggere)

  • Autoanticorpi tiroidei:

    La tiroide La tiroide è una piccola ghiandola a forma di farfalla che si trova nella gola ed è appoggiata contro la trachea. I due principali ormoni prodotti dalla tiroide, la tiroxina (T4) e la triiodotironina (T3) sono fondamentali per la regolazione del metabolismo, cioè della velocità con cui il nostro organismo usa l’energia. Anticorpi (Continua a leggere)

  • Azotemia:

    L’esame denominato azotemia è in realtà la misurazione della quantità di urea nel sangue che, soprattutto nei Paesi anglosassoni, viene poi espresso come B.U.N. (Blood Urea Nitrogen, o azoto ureico) a seguito di un semplice calcolo matematico che tiene in considerazione il peso dell’azoto rispetto a quello totale della molecola di urea che lo contiene. (Continua a leggere)

  • Basofili:

    I granulociti basofili sono dei globuli bianchi, ossia cellule deputate alla difesa dell’organismo e, insieme ai mastociti, alle risposte allergiche. Vengono prodotti dal midollo osseo partendo da cellule staminali  comuni agli altri globuli bianchi, rossi e piastrine. La loro funzione prevede per esempio il rilascio di istamina, bradichinina, serotonina in caso di  infortunio od infezione: (Continua a leggere)

  • Beta globuline:

    Le beta globuline sono un gruppo di proteine globulari che si cercano nel sangue attraverso il procedimento di elettroforesi; tra le molecole appartenenti a questa categoria ricordiamo per esempio beta-2 microglobulina, plasminogeno, angiostatine, properdina, globulina legante gli ormoni sessuali, transferrina. L’elettroforesi è una tecnica di laboratorio in cui il la frazione del siero del sangue (Continua a leggere)

  • Beta HCG:

    La gonadotropina corionica umana (hCG) è un ormone glicoproteico composto da 2 sub-unità: la sub-unità alfa è sostanzialmente identica a quella dell’ormone luteinizzante (LH), dell’ormone follicolo-stimolante (FSH) e dell’ormone stimolante la tiroide (TSH). Gli esami del sangue comunemente usati per la gravidanza cercano invece la sub-unità beta, in quanto nei diversi ormoni viene trascritta da (Continua a leggere)

  • Bicarbonato:

    L’anidride carbonica (CO2) è un gas che viene prodotto come sostanza di rifiuto dal metabolismo; il sangue si occupa di raccoglierla da ogni cellula dell’organismo e di trasportarla ai polmoni, dove verrà eliminata attraverso l’espirazione. La maggior parte dell’anidride carbonica nell’organismo è sotto forma di bicarbonato (HCO3) e sono i reni e i polmoni a (Continua a leggere)

  • Bilirubina:

    L’esame della bilirubina misura il livello di questa sostanza nel sangue; si tratta di un pigmento di colore giallastro che è per la maggior parte un prodotto di scarto della normale disgregazione della dell’emoglobina (proteina presente nei globuli rossi) ed è uno dei costituenti della bile. A seguito della sua produzione la sostanza arriva nel (Continua a leggere)

  • BNP:

    Il BNP (peptide natriuretico cerebrale o peptide natriuretico di tipo B) è una sostanza prodotta dai ventricoli (camere inferiori del cuore) in risposta agli sbalzi di pressione che si verificano in caso di insufficienza cardiaca (anche chiamata scompenso cardiaco). Il livello nel sangue aumenta quando i sintomi dello scompenso cardiaco congestizio peggiorano e viceversa diminuisce (Continua a leggere)

  • CA 15-3:

    Il carcinoma della mammella è il tumore più comune nelle donne. Ogni anno viene diagnosticato a più di un milione di donne nel mondo e nei soli Stati Uniti è causa di 40000 morti l’anno circa. Con l’uso della mammografia come strumento di screening e un continuo miglioramento delle cure disponibili i tassi di mortalità sono in (Continua a leggere)

  • CA 19-9:

    Il CA 19-9 (antigene carboidratico 19-9 o GICA) è una proteina presente sulla superficie di alcune cellule tumorali. Il CA 19-9 non causa il tumore, ma è presente nelle cellule tumorali, quindi è utile come marcatore per seguire il decorso della malattia. Di per sé non è sufficientemente specifico (ossia è possibile rilevarne un aumento (Continua a leggere)

  • CA 125:

    L’esame del CA 125 misura la quantità di questa proteina presente nel sangue. Non si sa con certezza quale sia la funzione, ma è stato dimostrato che si trova sia nei tessuti benigni sia in quelli maligni. L’aumento può essere causato da molte patologie e situazioni diverse, tra cui ricordiamo: fibromi uterini, endometriosi, malattia infiammatoria (Continua a leggere)

  • Calcio:

    L’organismo di una persona adulta contiene più di un chilo di calcio, pari al 2% circa del peso corporeo. Il 99% del calcio si trova nelle ossa, mentre meno dell’1% si trova nello spazio intracellulare o extracellulare fuori dalle ossa, in equilibrio dinamico con la frazione scambiabile della parte contenuta nelle ossa. La quantità presente (Continua a leggere)

  • Calcitonina:

    La calcitonina è un ormone prodotto dalle cellule parafollicolari (cellule C) della tiroide, una piccola ghiandola a forma di farfalla che si trova nel collo, appoggiata contro la trachea. La tiroide produce la calcitonina e diversi altri ormoni che controllano il metabolismo, in particolare la tiroxina (T4) e la triiodotironina (T3). Le funzioni principali dell’ormone (Continua a leggere)

  • CEA:

    Un marcatore tumorale è una sostanza che può essere isolata nel sangue o nell’urina di un paziente affetto da tumore, perchè prodotta del tumore stesso, oppure prodotta dall’organismo in risposta alla presenza delle cellule cancerose. Sono sostanze utili per: Screening e diagnosi del cancro, Stadiazione del tumore, Scelta e pianificazione del trattamento, Dopo l’intervento chirurgico, (Continua a leggere)

  • Chetoni:

    I chetoni (anche detti corpi chetonici) sono sottoprodotti del metabolismo dei grassi. L’organismo li produce quando non ha a disposizione il glucosio (o quando non riesce a utilizzarlo), ma ha bisogno di energia. Se durante il metabolismo gli acidi grassi vengono metabolizzati in elevata quantità, i chetoni si accumulano nel sangue, provocando la chetosi, che può (Continua a leggere)

  • Citomegalovirus:

    I cytomegalovirus (spesso abbreviato come CMV) sono membri della famiglia degli herpesviridae che di norma causano infezioni prive di sintomi; al termine della malattia, che passa quindi inosservata, il virus rimane latente nell’organismo (soprattutto all’interno del midollo osseo). Sono estremamente comuni e diffusi (negli Stati Uniti risultano positivi dal 50% all’85% degli adulti, a seconda (Continua a leggere)

  • CK (o CPK):

    La creatinchinasi (CK), chiamata anche creatinfosfochinasi (CPK), è un enzima prodotto in diversi tessuti che si occupa della produzione di energia nell’organismo, principalmente a livello di: cervello, cuore, muscoli striati (ossia quelli che controlliamo volontariamente). A seguito di una lesione ad un muscolo oppure al cuore, come avviene per esempio durante un infarto, il CPK (Continua a leggere)

  • Cloro:

    Lo ione cloro (simbolo chimico Cl–) è un elettrolita, cioè uno ione con carica negativa che, insieme agli altri elettroliti come il potassio, il sodio e la CO2 totale (sotto forma di ione bicarbonato), serve per regolare la quantità di liquidi presente nell’organismo (attraverso una fine regolazione della pressione osmotica), mantenere l’equilibrio acido-base (pH), mantenere (Continua a leggere)

  • Colesterolo Totale:

    Il colesterolo è una sostanza essenziale per la vita: è un costituente delle membrane cellulari in tutti gli organi e tessuti del corpo. Viene usato dall’organismo per la sintesi degli ormoni, sostanze indispensabili per lo sviluppo, la crescita e la riproduzione e permette la sintesi degli acidi biliari che sono necessari per assorbire le sostanze (Continua a leggere)

  • Cortisolo:

    Il cortisolo è un ormone steroideo, facente parte della classe degli ormoni glucocorticoidi. Quando viene utilizzato come un farmaco, prende il nome di idrocortisone e viene talvolta chiamato “ormone dello stress”. Poiché la maggior parte delle cellule del corpo ha recettori per questa molecola, l’effetto si manifesta attraverso moltissime funzioni diverse. Il cortisolo può aiutare a controllare (Continua a leggere)

  • Creatinina:

    L’esame della creatinina serve per scoprire informazioni importanti sullo stato di salute dei reni. La creatinina è una sostanza chimica di rifiuto prodotta dal metabolismo muscolare (dalla disgregazione della creatina, una sostanza fondamentale per il metabolismo energetico dei muscoli) e, in misura minore, quando si mangia la carne. I reni sani riescono a filtrare la (Continua a leggere)

  • Curva glicemica in gravidanza:

    Il diabete gestazionale si sviluppa durante la gravidanza (gestazione). Come gli altri tipi di diabete, anche quello gestazionale riguarda il modo in cui le cellule dell’organismo usano gli zuccheri (il glucosio), la nostra principale fonte di energia. Il diabete gestazionale fa aumentare la quantità di zucchero nel sangue (glicemia) e questo può caure problemi per (Continua a leggere)

  • D-dimero:

    Il D-dimero è un prodotto di degradazione della fibrina e la  sua misurazione nel sangue è utile per verificare meccanismi di coagulazione alterati in grado di causare pericolose condizioni e malattie. La coagulazione si verifica quando specifiche proteine ​​vengono attivate, normalmente per riparare il danno ai vasi sanguigno dovuti per esempio ad una ferita;  il (Continua a leggere)

  • DHEA:

    Il DHEA (diidroepiandrosterone) è un ormone steroideo a 19 atomi di carbonio ed è uno dei tre androgeni (DHEA, DHEA-S, androstenedione) prodotto dalle ghiandole surrenali. Nel sangue è presente anche sotto forma di solfato come riserva circolante, mentre nei tessuti periferici viene convertito in un altro androgeno (testosterone, o diidrotestosterone) oppure in un estrogeno. Negli (Continua a leggere)

  • eGFR (Tasso presunto di filtrazione glomerulare):

    La stima del tasso di filtrazione glomerulare (eGFR) è una misura della salute dei reni. I reni sono due organi a forma di fagiolo, ciascuno delle dimensioni di un pugno. Si trovano appena sotto la gabbia toracica, su ciascun lato della colonna vertebrale. Ogni giorno filtrano circa 120-150 litri di sangue per la produzione di circa (Continua a leggere)

  • Ematocrito:

    L’esame che rileva l’ematocrito permette di conoscere la percentuale del volume sanguigno occupata dai globuli rossi, le cellule responsabili del trasporto di ossigeno in tutto il corpo. A seguito del prelievo un tecnico di laboratorio inserisce il campione in un dispositivo chiamato  centrifuga che fa girare la provetta contenente il campione in modo molto rapido; (Continua a leggere)

  • Emogasanalisi:

    L’emogasanalisi (o emogas) è un esame condotto sul sangue prelevato da un’arteria (mentre normalmente gli esami del sangue vengono effettuati sul sangue venoso); permette la misurazione della concentrazione di specifici gas (come ossigeno e anidride carbonica) disciolti nel torrente circolatorio. Tecnicamente prevede il prelievo di sangue dall’arteria radiale del polso o dall’arteria femorale all’inguine, anche (Continua a leggere)

  • Emoglobina:

    L’emoglobina una proteina solubile di colore rosso che troviamo nei globuli rossi del sangue; la sua funzione è quella di trasporto dell’ossigeno in tutti i tessuti dell’organismo. A volte viene indicata con il simbolo Hb e, quando deposita l’ossigeno richiesto in una cellula, diventa in grado di prelevare l’anidride carbonica di scarto per riportarla ai (Continua a leggere)

  • Emoglobina glicata:

    Il diabete mellito è una malattia cronica connessa a un disturbo del metabolismo dei carboidrati e caratterizzato dall’iperglicemia (elevate quantità di zucchero nel sangue). È una delle malattie più diffuse al mondo e colpisce 24 milioni di persone solo negli Stati Uniti. La terapia sul lungo periodo mira a controllare la concentrazione di glucosio (glicemia) (Continua a leggere)

  • Eosinofili:

    I granulociti eosinofili sono un tipo di globuli bianchi il cui contenuto contiene granuli che legano fortemente l’eosina, una sostanza in grado di conferire loro un tipico colore rosso-arancio; hanno funzione di difesa dell’organismo, anche per esempio verso i parassiti intestinali come i vermi. Vengono prodotti dal midollo osseo, partendo da cellule staminali comuni agli (Continua a leggere)

  • Marker Epatite B:

    Il virus dell’epatite B (HBV) è un virus a DNA appartenente alla famiglia degli Hepadnavirus. Ogni anno nel mondo circa 350-400 milioni di persone soffrono di epatite cronica e da 500.000 a 1 milione muoiono a causa di questo virus. Nel corso della malattia la quantità di bilirubina e di enzimi epatici nel sangue può (Continua a leggere)

  • Marker epatite C:

    L’epatite A, l’epatite B e l’epatite C sono malattie causate da tre diversi virus. Sebbene ciascuno di essi possa causare sintomi simili, a essere molto diversi sono le modalità di di trasmissione e soprattutto la prognosi (ossia le potenziali conseguenze). Il virus A causa si manifesta in genere solo come un’infezione acuta e non cronicizza. (Continua a leggere)

  • Fattore reumatoide:

    Gli anticorpi sono proteine prodotte dal sistema immunitario per aiutare a distruggere ed eliminare i microrganismi che minacciano l’organismo, ad esempio batteri e virus. Nei pazienti con malattie autoimmuni questo meccanismo va incontro a errori e vengono prodotti autoanticorpi, ossia molecole che scambiano per bersagli da eliminare anche importanti molecole del nostro stesso organismo; nel (Continua a leggere)

  • Ferritina:

    La ferritina misurata attraverso l’omonimo esame del sangue è una proteina che contiene ferro e la sua misurazione aiuta il medico a capire il livello di scorta del metallo nell’organismo. Si trova principalmente nel fegato, nella milza, nel midollo osseo e nei muscoli scheletrici e di fatto è la principale proteina responsabile dell’immagazzinamento del ferro; (Continua a leggere)

  • Ferro (sideremia):

    Il metabolismo di qualsiasi organismo vivente richiede la presenza di ferro per numerosi processi metabolici e biochimici. Quello che ingeriamo attraverso l’alimentazione viene assorbito a livello intestinale e temporaneamente immagazzinato grazie alla ferritina; nel momento in cui l’organismo lo richiede, il metallo viene rilasciato legato alla transferrina, una proteina di traporto prodotta dal fegato Quando (Continua a leggere)

  • Fibrinogeno:

    Il fibrinogeno è una glicoproteina sintetizzata dal fegato necessaria al meccanismo di coagulazione del sangue; la sua emivita (cioè il tempo in cui si dimezzano le concentrazioni circolanti a meno di nuova immissione) è di 3-5 giorni. Quando un vaso sanguigno subisce una lesione si innesca un processo chiamato emostasi, che serve a riparare la (Continua a leggere)

  • Fosfatasi alcalina (ALP):

    Le fosfatasi sono una classe di enzimi che contribuiscono a velocizzare specifiche reazioni biochimiche all’interno del nostro organismo (rimozione di gruppi fosfato, ossia la defosforilazione). In relazione al pH in cui operano, si distinguono due tipi di fosfatasi: la fosfatasi acida (ACP), la fosfatasi alcalina (ALP). Della ALP si conoscono quattro varianti diverse: epatica (fegato), (Continua a leggere)

  • Fruttosaminemia:

    La fruttosamina è una proteina glicata, cioè un composto chimico che si forma dalla combinazione tra il glucosio e una proteina. Questo esame si rivela utile nella gestione del paziente diabetico, anche se in realtà è poco usato; si tratta infatti di un esame simile alla molto più comune emoglobina glicata, ossia utile per avere (Continua a leggere)

  • FSH:

    L’ormone follicolo-stimolante (FSH, follicle-stimulating hormone), conosciuto anche come follitropina, è un ormone sintetizzato dall’adenoipofisi che ha la funzione di stimolare l’ovulazione nella donna e la spermatogenesi (formazione di nuovi spermatozoi) nell’uomo; si tratta quindi di un valore fondamentale nella valutazione della fertilità. Più nel dettaglio, l’ormone è in grado nella donna di favorire la crescita (Continua a leggere)

  • T3 e T4 (FT3 e FT4):

    Gli ormoni tiroidei regolano diverse attività dell’organismo sviluppo, metabolismo neuralogico. I due ormoni principali prodotti dalla tiroide, stimolata dall’ormone tireostimolante (TSH), sono la tiroxina (T4), la triiodotironina (T3). L’esame del T4 di solito viene usato come esame di seconda linea dopo quello del TSH (ormone tireostimolante); il T4 totale e il T4 libero (FT4) sono (Continua a leggere)

  • Gamma GT:

    La gammaglutamil transferasi (GGT, o Gamma GT) si trova principalmente nel rene, fegato e nelle cellule pancreatiche, mentre altri tessuti ne contengono quantità decisamente inferiori; fa eccezione il tessuto renale che ha il più alta concentrazione di enzima, anche se la presenza nel sangue sembra essere legata , l’enzima presente nel siero sembra provenire principalmente (Continua a leggere)

  • Glicemia:

    In campo medico la quantità di glucosio (zucchero) nel sangue prende il nome di glicemia ed è in genere il primo esame che viene richiesto quando si sospetta un possibile diabete. Il glucosio è la principale fonte di energia per la maggior parte delle cellule del corpo, comprese quelle del cervello. I carboidrati (o glucidi) (Continua a leggere)

  • Globuli rossi (eritrociti):

    Il sangue è costituito da diversi tipi di cellule in sospensione in un liquido chiamato plasma; oltre ai globuli rossi (eritrociti) ci sono i globuli bianchi (che negli esami del sangue sono indicati come WBC) e le piastrine. Tutte queste cellule sono prodotte dal midollo osseo ed entrano in circolo una volta mature. La conta degli eritrociti (Continua a leggere)

  • Gruppo sanguigno:

    Il corpo umano di un adulto contiene indicativamente da quattro a sei litri di sangue, che veicola  tra l’altro globuli rossi, che trasportano l’ossigeno in tutto il corpo e rimuovono l’anidride carbonica e di altri prodotti di scarto, sono inoltre responsabili del tipico colore rosso; globuli bianchi, che sono cellule di difesa (sistema immunitario), e (Continua a leggere)

  • HDL (Colesterolo):

    Il colesterolo è una sostanza che si trova in ogni cellula dell’organismo ed è utile nello svolgimento di numerose funzioni; viene distribuita nel sangue attaccata a delle proteine di trasposto (lipoproteine). Le lipoproteine ad alta densità, conosciute anche come HDL o colesterolo buono, possiamo immaginarle come spazzini in grado di estrarne l’eccesso dal sangue per (Continua a leggere)

  • HE4:

    L’HE4 (Human Epididymis Protein 4) è una proteina identificata per la prima volta nell’epididimo, la parte del testicolo che fa da serbatoio per gli spermatozoi. Ricerche successive hanno tuttavia scoperto che l’HE4 è prodotto anche nell’apparato riproduttore femminile, da alcuni tipi di tumore all’ovaio, e da lì raggiunge il sangue. Il tessuto ovarico sano non (Continua a leggere)

  • IgG e IgM Herpes simplex:

    L’esame per l’herpes simplex viene eseguito per identificare l’infezione acuta o per individuare gli anticorpi dell’herpes che indicano che il paziente in passato è stato esposto al virus. Il virus può colpire principalmente in due zone del corpo, bocca e viso (herpes labiale), genitali, glutei e zona anale (herpes genitale). Più raramente il virus può (Continua a leggere)

  • IgE:

    Le immunoglobuline E (IgE) sono un gruppo di anticorpi (proteine del sistema immunitario) connesse alle reazioni allergiche e ai meccanismi di difesa verso alcuni parassiti intestinali. Negli individui allergici queste molecole, quando vengono in contatto con l’allergene (sostanza verso cui si manifesta l’allergia), sono in grado di dare il via alla cascata di reazioni responsabile (Continua a leggere)

  • Inibina:

    L’inibina B è un ormone prodotto, nell’uomo, dalle cellule del Sertoli dei testicoli e, nella donna, in particolare durante l’età fertile, dalle cellule della membrana granulosa delle ovaie: in entrambi i sessi l’ormone inibisce la produzione dell’ormone follicolostimolante (FSH) secreto dall’ipofisi. Se il livello dell’inibina B diminuisce, aumenta quello dell’ormone FSH, e viceversa. L’ormone FSH (Continua a leggere)

  • Insulina:

    L’insulina è un ormone prodotto nel pancreas, un organo situato dietro lo stomaco. Il pancreas contiene ammassi di cellule chiamate isole: le cellule beta contenute all’interno di queste isole producono insulina e la rilasciano nel sangue. Gli organi del tratto digestivo rompono le lunghe catene di carboidrati assunte con la dieta (per esempio attraverso pane e (Continua a leggere)

  • LDH:

    La lattato deidrogenasi (L-lattato deidrogenasi, LDH o LD) è un enzima che si trova in quasi tutte le cellule dell’organismo ma, se il paziente è sano, è presente nel sangue solo in minime quantità. La sua funzione è quella di coadiuvare il processo di trasformazione dello zucchero in energia che possa essere usata dalla cellula; (Continua a leggere)

  • LDL (colesterolo):

    Senza il colesterolo non esisterebbe la vita così come la conosciamo, in quanto risulta indispensabile per la costruzione della parete delle cellule e per la sintesi di numerose altre sostanze come gli ormoni. Per essere trasportato dove serve viene legato a specifiche proteine di trasporto presenti nel sangue e con queste distribuito in tutto l’organismo: (Continua a leggere)

  • Leucociti (globuli bianchi):

    I leucociti, conosciuti anche con il nome di globuli bianchi, sono cellule presenti nel sangue la cui funzione principale è proteggere l’organismo attraverso l’attuazione di meccanismi di difesa contro microorganismi di varia natura (virus, batteri, miceti, parassiti) e contro corpi estranei penetrati nell’organismo in qualche modo nel corpo; rappresentanto di fatto uno dei fattori più (Continua a leggere)

  • LH:

    L’ormone luteinizzante (LH) una glicoproteina prodotta dall’adenoipofisi che ha la funzione di regolare le gonadi (rispettivamente ovaie e testicolo in uomini e donne). È costituito da due sub-unità ed una delle due è in comune anche ad altri ormoni (TSH, FSH, HCG), mentre l’altra è quella responsabile dell’azione specifica. Tanto negli uomini quanto nelle donne (Continua a leggere)

  • Linfociti:

    I linfociti sono cellule presenti nel sangue che svolgono un ruolo molto importante nel sistema immunitario, in quanto specifici per ogni tipo di aggressione esterna; sono prodotti nel midollo osseo e sono divisi in due grandi categorie in base al tessuto dove avviene la loro maturazione finale: linfociti B (maturazione nel midollo osseo), linfociti T (Continua a leggere)

  • Lipasi pancreatica:

    Le lipasi sono enzimi coinvolti nel metabolismo dei lipidi, quelle pancreatiche sono rilasciate nell’intestino per aiutare a digerire cibi grassi; affinchè l’attività biochimica sia completa e per la massima specificità sono necessari i sali biliari e un cofattore detto colipasi. Il pancreas è la fonte principali della lipasi circolante nel sangue, presenti in quantità molto (Continua a leggere)

  • Litiemia:

    Il litio (per esempio Carbolithium®) è un farmaco usato per il trattamento di malattie psichiatriche come il disturbo bipolare, mania acuta e altri disturbi dell’umore. Questo esame viene utilizzato per trovare la dose adatta al paziente, soprattutto all’inizio della terapia e periodicamente durante il trattamento. La molecola sembra avere diversi meccanismi d’azione, anche se non è ancora stato chiarito (Continua a leggere)

  • Macroprolattina:

    La prolattina è un ormone presente nel plasma, la parte liquida del sangue, e serve per stimolare la produzione del latte. La prolattina circolante può assumere tre forme: l’85-95% circa è costituito da molecole monomeriche. Sono molecole leggere, formate da una sola catena di aminoacidi; il 10% circa è costituito da molecole leggermente più grandi (Continua a leggere)

  • Magnesio:

    Il magnesio è un elemento metallico essenziale per la vita che si trova nel nostro corpo principalmente accumulato nelle ossa. La sua carenza è molto comune e stimata in 2,5-15% della popolazione generale a causa di un ridotto apporto con la dieta. È un minerale fondamentale per la produzione di energia, la contrazione muscolare, il funzionamento dei nervi , (Continua a leggere)

  • Monociti:

    Questo esame misura la quantità di monociti nel sangue, che sono i globuli bianchi più voluminosi. Il risultato viene in genere espresso sia in termini percentuali (ossia quanti monociti ci sono rispetto a tutti i globuli bianchi) sia in termini assoluti (ossia quanti monociti ci sono per ogni litro di sangue). Fanno parte del sistema (Continua a leggere)

  • Mononucleosi (Epstein-Barr):

    Il virus di Epstein-Barr (EBV) è il microrganismo responsabile della mononucleosi, una malattia contagiosa che colpisce soprattutto bambini e adolescenti (è spesso chiamata “malattia del bacio”, per la facilità di diffusione attraverso questo tipo di contatto). Secondo il CDC (Centers for Disease Control and Prevention), negli Stati Uniti il 95% di persone sono contagiate dal (Continua a leggere)

  • MPV:

    L’esame del sangue riportato sui referti come MPV, è una misurazione del volume medio delle piastrine. Le piastrine, o trombociti, sono frammenti di megacariociti, cellule che si trovano nel midollo osseo. Sono indispensabili per l’emostasi e la coagulazione del sangue; quando un vaso sanguigno viene danneggiato, le piastrine aderiscono alla sua parete e si aggregano, (Continua a leggere)

  • Neutrofili:

    I granulociti neutrofili sono un tipo di leucocita (globulo bianco) con funzioni di difesa dell’organismo contro infezioni batteriche e fungine. Vengono chiamati neutrofili perché in laboratorio non incorporano alcun tipo di colorante (rimangono cioè neutri). Rappresentano circa il 50-70% dei globuli bianchi e sono prodotti dal midollo osseo; quotidianamente ne vengono prodotti circa 100 miliardi, (Continua a leggere)

  • NSE:

    L’enolasi è un enzima glicolitico che catalizza diverse reazioni chimiche. L’enolasi neurone specifica (NSE) è il tipo di enolasi più diffuso nei tessuti neuronali e neuroendocrini: negli altri tessuti dell’organismo è praticamente inesistente, quindi si può dire che è specifico per questi due tipi di tessuti. Proprio per questa specificità, la concentrazione dell’NSE nel siero (Continua a leggere)

  • Omocisteina:

    L’omocisteina è un amminoacido solforato che si forma attraverso una reazione chimica a partire dalla metionina, un aminoacido essenziale (da introdurre quindi con la dieta);  l’aumento della concentrazione nel sangue è considerato un fattore di rischio cardiovascolare, anche se in realtà negli ultimi anni le ricerche pubblicate non sempre hanno confermato questa ipotesi. La sua (Continua a leggere)

  • Ormone antimulleriano (AMH):

    L’ormone antimulleriano è una glicoproteina prodotta dai testicolo nell’uomo e dalle cellule ovariche (follicoli) nelle donne. Le concentrazioni sieriche di AMH sono elevate nei maschi al di sotto di 2 anni e poi diminuiscono progressivamente fino alla pubertà, quando si registra un forte calo. Al contrario, le concentrazioni di AMH sono basse nelle bambine fino (Continua a leggere)

  • Ormone della crescita:

    L’esame misura la percentuale di ormone della crescita (GH, dall’inglese growth ormone, od anche somatotropina) nel sangue. Si tratta di un ormone prodotto dall’ipofisi, una ghiandola grande come un chicco d’uva situata alla base del cervello, dietro il ponte nasale. In condizioni normali il rilascio dell’ormone nel sangue avviene con una frequenza regolare giorno e (Continua a leggere)

  • Paratormone (PTH):

    L’ormone paratiroideo (PTH), chiamato anche paratormone, è un ormone secreto dalle ghiandole paratiroidi che svolge un ruolo fondamentale nel rimodellamento osseo, un processo continuo in cui alternativamente il tessuto osseo viene riassorbito e ricostruito nel corso del tempo. La sua funzione è quella di aumentare i livelli di calcio nel sangue. Le ossa fungono di (Continua a leggere)

  • PCR:

    La proteina C-reattiva (PCR) è una proteina prodotta dal fegato la cui quantità può essere misurata nel sangue; appare in concentrazioni elevate quando c’è una qualche infiammazione nell’organismo, diversamente non si trova se non in tracce. Il medico può controllarne i valori dopo un intervento chirurgico, un trattamento per infezioni o altre condizioni mediche, in (Continua a leggere)

  • Peptide C:

    Il peptide C (o peptide di connessione) è una catena formata da 31 amminoacidi, apparentemente priva di funzioni fisiologiche (anche se da questo punto di vista diverse ricerche negli ultimi anni stanno incrinando l’ipotesi). Viene rilasciato dalle cellule beta del pancreas durante la scissione della proinsulina a liberare insulina e, è importante notare, per ogni molecola di (Continua a leggere)

  • Piastrine:

    Le piastrine (o trombociti) sono le cellule più piccole e leggere delle tre principali presenti nel sangue (le altre sono globuli rossi e bianchi) e la loro funzione principale è quella di intervenire in caso di sanguinamento. Osservate al microscopio appaiono come piccoli piatti e la produzione avviene nel midollo osseo sotto l’effetto della trombopoietina, (Continua a leggere)

  • Potassio (potassiemia):

    Il potassio (simbolo chimico K) è uno dei più importanti ioni presenti nel nostro corpo; alterazioni della quantità presente nel sangue possono causare conseguenze anche gravi, in quanto si tratta di una sostanza chimica (elettrolita) fondamentale per il corretto funzionamento delle cellule nervose e muscolari, in particolare di quelle del cuore. È ingerito attraverso il (Continua a leggere)

  • Procalcitonina:

    La procalcitonina (PCT) è una proteina composta da 116 amminoacidi cheviene prodotta per la maggior parte dalle cellule C della tiroide; è di per sé una molecola inattiva finchè non viene trasformata in calcitonina, un ormone tiroideo che si occupa di regolare le quantità circolanti di calcio e il relativo riassorbimento osseo. In caso di gravi (Continua a leggere)

  • Progesterone:

    Il progesterone è un ormone femminile che viene prodotto dalle ghiandole surrenali, dal corpo luteo e dalla placenta. Ghiandole surrenali La frazione sintetizzata dalle ghiandole surrenali viene convertita in altre molecole ed androgeni (ormoni maschili), quindi non figura tra i principali fattori in grado di aumentare il livello di ormone in circolo, a meno che (Continua a leggere)

  • Prolattina:

    La prolattina è un ormone secreto dall’ipofisi dietro stretto controllo dell’ipotalamo. È chimicamente simile all’ormone della crescita (GH), ma ha effetti quasi completamente diversi. La produzione è regolata da diversi stimoli, ma tra i più importanti ricordiamo la dopamina, che ne riduce la produzione. I principali e meglio studiati effetti dell’ormone sono la regolazione della (Continua a leggere)

  • Proteine totali:

    Le proteine (o protidi) sono grandi molecole formate da lunghe catene di amminoacidi, che attraverso sofisticati meccanismi di piegano su sé stesse fino a formare complicate strutture tridimensionali. Si tratta di uno dei più importanti mattoni per la Vita come la conosciamo, perchè svolgono un’infinito numero di funzioni: coadiuvano le reazioni chimiche che avvengono nell’organismo, (Continua a leggere)

  • PSA free e ratio:

    Di norma richiesto insieme al PSA totale, il free PSA (o PSA libero o fPSA) rappresenta una parte dell’antigene prostatico specifico circolante, in particolare la frazione che non risulta essere legata a proteine di trasposto. L’utilità di questo test nasce dall’osservazione per cui in condizioni benigne, come l’ipertrofia prostatica, aumenta prevalentemente la quota libera, mentre (Continua a leggere)

  • PSA totale:

    Il test del PSA è un esame usato principalmente come screening per il tumore della prostata, una ghiandola che si trova sotto la vescica degli uomini. L’obiettivo è la misurazione della quantità di antigene prostatico specifico nel sangue, una proteina prodotta dalla prostata e presente soprattutto nello sperma, con la funzione mantenere fluido il seme (Continua a leggere)

  • PT (ed INR):

    L’esame del sangue del tempo di protrombina (PT) misura quanto rapidamente coaguli di sangue. La protrombina è una proteina prodotta dal fegato che aiuta il sangue a coagulare. Quando ci si procura una ferita che sanguina, una serie di sostanze chimiche (fattori di coagulazione) si attivano in modo graduale ed il risultato finale è un (Continua a leggere)

  • PTT e aPTT:

    Il tempo di tromboplastina parziale (PTT) e il tempo di tromboplastina parziale attivata (aPTT) sono due esami che valutano la stessa funzione, cioè il tempo di coagulazione del sangue; nel tempo di tromboplastina parziale attivata viene aggiunto un attivatore che accelera il tempo di coagulazione e quindi l’intervallo di riferimento è meno ampio e quindi (Continua a leggere)

  • RAST test:

    Le allergie al cibo sono reazioni dell’organismo verso specifiche molecole presenti negli alimenti, in genere proteine; possono essere distinte in IgE mediate, non IgE mediate, miste. Le immunoglobuline (Ig) sono anticorpi che fanno parte del sistema immunitario, cioè del sistema che difende l’organismo dagli attacchi esterni. Quando il paziente soggetto alle allergie si espone per (Continua a leggere)

  • RDW:

    L’RDW (Red Cell Distribution Width), in italiano ampiezza di distribuzione eritrocitaria, è un indice comunemente fornito da qualsiasi emocromo, in grado di stimare la variabilità di volume dei globuli rossi. Permette quindi una stima dell’anisocitosi, ossia della presenza nel sangue di globuli rossi di diversa dimensione (gli eritrociti immaturi sono più grandi) e viene spesso (Continua a leggere)

  • Rosolia:

    La rosolia è una infezione virale contagiosa conosciuta per la caratteristico eruzione cutanea rossa. I segni e sintomi sono spesso così lievi da diventare difficili da notare, specialmente nei bambini. Se si verificano generalmente appaiono tra due e tre settimane dopo l’esposizione al virus, durano circa 2-3 giorni, e possono comprendere: lieve febbre (39 °C (Continua a leggere)

  • Sodio:

    Il sodio (simbolo chimico “Na”) è un elettrolita fondamentale per il corretto funzionamento dell’organismo e il suo dosaggio nel sangue è un esame che viene richiesto nell’ambito del quadro elettrolitico, insieme cioè al dosaggio di cloro, potassio, bicarbonato, … L’elemento viene assunto con la dieta e la funzione principale è quella di permettere il funzionamento (Continua a leggere)

  • TAS (ASLO):

    Il Titolo AntiStreptolisinico (TAS, o ASLO in lingua inglese) misura la quantità di antistreptolisina nel sangue, un anticorpo prodotto dall’organismo per contrastare la streptolisina, una proteina ad azione emolitica prodotta da streptococchi. Il livello degli anticorpi inizia a salire in 1-3 settimane dopo l’infezione da streptococco, raggiunge il picco in 3-5 settimane, e poi torna (Continua a leggere)

  • Test di Coombs:

    Il globuli rossi sono le cellule presenti nel sangue deputate al trasporto dell’ossigeno verso i distretti periferici, dove raccolgono l’anidride carbonica (prodotto di rifiuto) per trasportarla ai polmoni; nei polmoni avviene lo scambio anidride carbonica-ossigeno e il ciclo ricomincia senza pause, per tutta la vita. I globuli rossi possono esporre sulla loro superficie specifiche proteine, chiamate antigeni; (Continua a leggere)

  • Testosterone:

    Il testosterone è il più importante un ormone steroideo androgeno ed è responsabile nell’uomo dello sviluppo degli organi genitali e dei caratteri sessuali secondari (barba, peli, timbro della voce, muscolatura), mentre nella donna funge da precursore per la sintesi di un importante ormone femminile (estrogeno). In entrambi i sessi ha poi effetto anabolizzante (stimolazione della (Continua a leggere)

  • Tireoglobulina:

    La tireoglobulina è una proteina prodotta dalla tiroide che si può trovare nel sangue. La tiroide è una ghiandola che regola il metabolismo, cioè la velocità con cui l’organismo usa l’energia. È a forma di farfalla, si trova nella gola, appoggiata alla trachea, ed è composta perlopiù da follicoli, minuscole strutture sferiche che producono e (Continua a leggere)

  • Toxoplasmosi:

    Il toxoplasma gondii è un protozoo parassita intracellulare obbligato che è in grado di infettare come ospiti intermedi diverse specie animali, compresi gli esseri umani. L’ospite definitivo è invece il gatto, che attraverso le feci espellerà le uova chiudendo il ciclo vitale (per quanto riguarda il rischio di infezione legato al gatto si rimanda al (Continua a leggere)

  • TPA:

    Il TPA (antigene polipeptidico tissutale) è una proteina che si trova nel sangue, prodotta dalla placenta e da altri tipi di tessuti, sia durante la proliferazione cellulare che in caso di proliferazione tumorale. Questa molecola è quindi usata come marcatore tumorale per il controllo e il monitoraggio di diversi tipi di tumore che si originano (Continua a leggere)

  • Transaminasi:

    Le transaminasi sono enzimi deputati a catalizzare reazioni biochimiche sugli amminoacidi; pur essendo una famiglia decisamente numerosa, i più utilizzati in medicina sono due alanina aminotransferasi (ALT), chiamata anche glutammato-piruvato transaminasi (GPT). aspartato aminotransferasi (AST), anche conosciuta come glutammato-ossalacetato transaminasi (GOT), Entrambi sono presenti soprattutto nel fegato e solo in tracce nel sangue, ma in (Continua a leggere)

  • Transferrina:

    La transferrina è la principale proteina presente nel sangue in grado di legarsi al ferro e di trasportarlo in tutto l’organismo; viene sintetizzata nel fegato e la quantità prodotta varia in relazione alle necessità e alle scorte di ferro nell’organismo, in caso di carenza nelle scorte il fegato risponde aumentando la produzione. È di fatto (Continua a leggere)

  • Trigliceridi:

    Verificare periodicamente la pressione arteriosa ed i valori di colesterolo totale è utile per monitorare il proprio rischio cardiovascolare, ma a questi esami dovrebbe essere aggiunto anche il controllo dei trigliceridi. Da un punto di vista chimico si tratta di un tipo di grasso che si trova nel sangue; a seguito di un pasto l’organismo (Continua a leggere)

  • Troponina:

    La troponina è una proteina presente principalmente nei muscoli volontari e nel cuore ed è responsabile del meccanismo alla base della contrazione muscolare;  più nel dettaglio è composta da tre domini dominio I, dominio C, dominio T. Nei pazienti sani questa molecola non è dosabile nel sangue, ossia i valori rilevati sono nulli o molto (Continua a leggere)

  • TSH:

    L’esame misura la quantità di ormone TSH (ormone tireotropo o tireostimolante) presente nel sangue.L’ormone è prodotto dall’ipofisi, una piccola ghiandola che si trova dietro il cervello e i seni nasali, e costituisce solo una parte del complesso meccanismo di regolazione sanguigna dei due ormoni tiroidei: il T4 (tiroxina) e il T3 (triiodotironina). La tiroide è una (Continua a leggere)

  • Uricemia:

    L’acido urico è molecola prodotta dal nostro organismo come sottoprodotto nel metabolismo degli aminoacidi e delle purine (basi azotate usate anche nella struttura del DNA); la rilevazione della quantità presente nel sangue prende il nome di uricemia. Le purine possono essere sintetizzate direttamente nel corpo (principalmente da mucosa intestinale e fegato) o possono essere assorbite (Continua a leggere)

  • VES:

    La VES (Velocità di eritrosedimentazione) è un esame del sangue che permette di sapere se nell’organismo è in corso una qualche infiammazione, anche se conseguente ad un’infezione; da solo non permette alcuna diagnosi, ma rappresenta un’indispensabile informazione nel processo diagnostico e per seguire l’evoluzione di una patologia infiammatoria. Il sangue prelevato dal paziente viene posto (Continua a leggere)

  • Vitamina B12:

    La vitamina B12 (o cobalamina) è essenziale per la sintesi del DNA e necessaria per la formazione delle cellule del sangue, della guaina dei nervi e di alcune proteine, e viene utilizzata nel riciclo dell’omocisteina e dei folati. La carenza di questa vitamina può causare l’anemia megaloblastica, la neuropatia periferica e anche la demenza. Viene (Continua a leggere)

  • Vitamina D:

    Da un punto di vista scientifico parlando di vitamina D si intende un gruppo di pro-ormoni liposolubili costituito da 5 diverse vitamine: vitamina D1, D2, D3, D4, D5. Per quanto riguarda l’uomo le due forme più importanti sono la vitamina D2 (ergocalciferolo), tipica dei vegetali, e la vitamina D3 (colecalciferolo), tipica degli animali. Queste molecole hanno importanti (Continua a leggere)

  • Volume corpuscolare medio (MCV):

    Il volume corpuscolare medio (MCV) è il volume medio di globuli rossi in un campione di sangue. Il MCV può essere inferiore o superiore al normale a seconda della grandezza media dei globuli rossi: un valore basso è indice di microcitosi (cioè della grandezza media dei globuli rossi inferiore al normale), un valore normale è (Continua a leggere)