Link sponsorizzati

Valori Normali

Pazienti sani non presentano sangue nelle urine.

(Attenzione, gli intervalli di riferimento possono differire da un laboratorio all'altro, fare quindi riferimento a quelli presenti sul referto in caso di esami del sangue ed urina.)

Descrizione

Il nome medico che indica la presenza di sangue nelle urine è ematuria e si distinguono due casi fondamentali:

  • macroematuria se l’urina prende il colore rosso,
  • microematuria se il sangue viene individuato esclusivamente a microscopio.

 

Interpretazione

La presenza di sangue nelle urine è molto spesso indicativa di infezione delle vie urinarie; cause più serie di un valore positivo sono:

  • tumore del rene,
  • tumore della vescica,
  • infiammazione di rene, uretra, vescica o prostata,
  • rene policistico,
  • emofilia,
  • anemia falciforme.

Comune è infine trovare tracce di sangue in caso di calcoli renali, non necessariamente in grado di provocare sintomi.

L'osservazione microscopica del campione può infine dare indicazioni molto precise sulla provenienza del sangue, per esempio:

  • I globuli rossi possono provenire dai glomeruli renali, in questo caso andranno incontro a trasformazioni che li faranno aggregare ed apparire come cilindri; indica in genere una glomerulonefrite.
  • La presenza di coaguli indica un sanguinamento vescicale (la situazione più comune).

Valori Bassi

Valori Alti
(Ematuria)

  • Anemia falciforme
  • Emofilia
  • Glomerulonefrite
  • Infezione del rene
  • Infezione urinaria
  • Infiammazione dell'uretra
  • Infiammazione della prostata
  • Infiammazione della vescica
  • Insufficienza renale
  • Intervento vie urinarie
  • Rene policistico
  • Terapia anticoagulante
  • Trauma
  • Trombocitopenia
  • Tumore al rene
  • Tumore alla vescica

(Attenzione, elenco non esaustivo. Si sottolinea inoltre che spesso piccole variazioni dagli intervalli di riferimento possono non avere significato clinico.)

Fattori che influenzano l'esame

Possono causare risultati positivi:

  • mestruazioni,
  • esercizio fisico molto intenso,
  • rapporti sessuali.

Possono trarre in inganno il paziente:

  • sangue mestruale,
  • sangue nell'eiaculato,
  • sangue nelle feci.

Alcuni alimenti come la barbabietola possono alterare il normale colore delle urine.

Quando viene richiesto l'esame

L'esame può essere richiesto in caso di:

  • fastidio mentre si urina,
  • minzione frequente,
  • urgenza della minzione,
  • inspiegabile perdita di peso,
  • difficoltà ad urinare,
  • problemi alla prostata.

Preparazione richiesta

Non è richiesta alcuna preparazione particolare.

Altre informazioni

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro, traduzioni a cura della Dr.ssa Elisa Bruno (fonti principali http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill)

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.
  1. Anonimo scrive il

    o 82 anni mi sento bene ma proprio oggi vado a orinare e mi viene orina rossa cosa sarà’ . Grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Un rilievo occasionale di sangue nell’urina potrebbe non essere un problema, ma sicuramente segnalato al medico per capirne la causa (prostata? infezione? ).

  2. Anonimo scrive il

    Buongiorno dottor Cimurro , sono gianna ho 53 anni e 3 anni fa ho subito un intervento di isterectomia totale, mi hanno tolto quindi ovaie e utero .
    Fin qui tutto bene , tranne 2 mesi fa che ho fatto degli esami di sangue e urine, ed era tutto ok , tranne i globuli rossi , che avevo a 5,45 , quando il limite è 5,20
    Il dottore mi ha prescritto un esame che si chiama “esame citologico urine ricerca cellule neoplastiche” per “microematuria persistente” .
    Praticamente mi ha detto che è un esame per vedere se ci sono piccole tracce di sangue , anche se mi ha rassicurato dicendo che me lo fa fare solo per scrupolo , ma che non dovrei preoccuparmi più di tanto .
    Io quando vado ad urinare controllo sempre se il colore è strano , e poi con della carta la passo nella zona genitale per vedere se c’è sangue , e non mi è mai successo di riscontrare tracce di sangue .

    Può darmi una sua impressione

    Ps altre 2 domande

    1-dopo un intervento di isterectomia totale , è normale avvertire anche a distanza di 3 anni , dei dolori proprio dove ho la cicatrice dell’intervento ?
    Sento proprio delle fitte dolorose

    2-un intervento di isterectomia totale , può portare anche a dolori articolari
    Mi capita spesso di aver male al braccio destro , ed è un dolore molto forte
    Mi aveva detto il dottore che soffro anche di artrosi , però volevo sapere se l’intervento di isterectomia totale può incidere

    La ringrazio anticipatamente

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      0. Come il medico sono assolutamente fiducioso che non emergerà nulla.
      1. Purtroppo può succedere; il medico cosa ne pensa?
      2. La menopausa indotta dall’intervento potrebbe incidere.

  3. Anonimo scrive il

    0-spero con tutto il cuore sia così , anche perché sennò credo che gli esami specifici me li faceva con la ricetta medica rossa sottolineando la U di Urgente , o sbaglio

    1-si , dice il dottore che potrebbero essere dolori causati da aderenze della cicatrice

  4. Anonimo scrive il

    Grazie mille dottor Cimurro .
    Ho letto l’articolo e mi sono un po tranquillizzata .

    Quindi può essere un buon segnale invece il fatto che l’esame che devo fare per la “microematuria” , vada bene , perché non ho mai notato sangue nelle urine e nella carta quando finisco di urinare ?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Sì, è sicuramente positivo se non ha mai visto sangue.

  5. Anonimo scrive il

    Buonasera dottore , scusi ancora il disturbo .
    Ieri ho iniziato la raccolta per 3 giorni dell’urina per la microematuria che le avevo detto .

    1-dentro alle provette che mi hanno dato , c’è del liquido , io non l’ho tolto ho fatto bene

    2-in base a degli esami fatti 2 mesi fa In cui l’unico valore sopra la norma erano i globuli rossi , ma di poco , volevo chiederle se ci fosse un qualcosa di grave , si può riscontrare dalle esami di urine e sangue che appunto ho fatto 2 mesi fa ?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      1. Perfetto, NON va tolto.
      2. Avere degli esami del sangue nella norma è sicuramente un ottimo punto di partenza.

  6. Anonimo scrive il

    Salve dottor le avevo scritto sopra che dovevo fare l’esame citologico .
    Bene , venerdì scorso le ho portate e martedì devo andare a ritirarle .
    Mi hanno fatto compilare un foglio quando le ho lasciate con i miei dati e il numero di telefono .
    Volevo chiederle , se c’era qualcosa di brutto , avendo il mio numero , avrebbero potuto contattarmi anche prima di martedì che vado a ritirare gli esiti ?

    La ringrazio

  7. Anonimo scrive il

    Salve dottor Cimurro.
    Ho ritirato gli esiti dell’esame citologico che le avevo detto sopra .

    C’è scritto “tipologia infiammatoria”

    È escluso il tumore quindi ?

  8. Anonimo scrive il

    Grazie mille .
    Anche perché come le avevo detto , non ho mai notato sangue nelle urine .

  9. Anonimo scrive il

    Descrizione microscopica
    EMAZIE (++)

    diagnosi
    Quadro citologico TIPOLOGIA INFIAMMATORIA

    Le ho scritto esattamente quello che c’è scritto nel referto .

    Sono buone notizie ?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      A mio avviso sì, ma non mi capita di frequente di vedere questi referti e non mi sento quindi di darle garanzie sull’interpretazione.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Non necessariamente, l’infiammazione può spiegarne la presenza.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Sì, ma raccomando comunque di fare il punto con il medico.

      Mi tenga al corrente.

  10. Anonimo scrive il

    Buongiorno,
    In seguito a una cura per un reflusso gastroesofageo (prima con peridon e riopan, poi con omeprazolo), dopo un po ho iniziato a sentire un po di bruciore(leggermente senza particolare dolore) a livello delle vie urinarie anche senza urinare, e allora il mio medico mi ha fatto fare le analisi dell’urina e del sangue. E in effetti risulta che ho un po di sangue nell’urina, …diverse emazie (prsenza microscopica).
    Non si comprende la causa, puo essere un ‘infiammazione, ma nell’urinocultura (nelle analisi)c’è scritto che non c’è nessuna crescita di germi e lieviti patogeni. Ne ho difficolta ad urinare ed altre difficolta. E non ho nessun sintomo di problemi al rene e alla prostrata o alla vescica..
    Comunque sia,il mio medico mi ha detto di assumere per una settimana la levofloxacina, Tavanic.. per poi ripetere le analisi….Un po sono preoccupato,perche ho letto in giro che puo avere effetti collaterali disastrosi….E’ vero?
    O sono io che mi sto preoccupando di tutto…

    Grazie.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Non si preoccupi, in genere è ben tollerato (soprattutto per cure corte come la sua).

La sezione commenti è attualmente chiusa.