Link sponsorizzati

Valori Normali

  • I valori normali dei azotemia possono variare a seconda del laboratorio, indicativamente da 22 a 46 mg/dl (Fonte: Albanesi).
  • La concentrazione normale della sola urea nel sangue è compreso tra 10 e 50 mg/dl (Fonte: Wikipedia).
  • I valori di BUN normali sono invece compresi tra 8 e 24 mg/dl per gli uomini e tra 6 e 21 mg/dl per le donne (Fonte: Mayo).

(Attenzione, gli intervalli di riferimento possono differire da un laboratorio all'altro, fare quindi riferimento a quelli presenti sul referto in caso di esami del sangue ed urina.)

Descrizione

L’esame denominato azotemia è in realtà la misurazione della quantità di urea nel sangue che, soprattutto nei Paesi anglosassoni, viene poi espresso come B.U.N. (Blood Urea Nitrogen, o azoto ureico) a seguito di un semplice calcolo matematico che tiene in considerazione il peso dell’azoto rispetto a quello totale della molecola di urea che lo contiene. Perchè è importante conoscere questo valore?

Le proteine che assumiamo con la dieta contengono mediamente il 16% in peso di azoto; una parte di queste proteine viene sfruttata dall’organismo per costruire nuove proteine in base alle necessità, mentre la parte restante viene distrutta nel fegato. L’azoto proveniente dallo smaltimento delle proteine (vecchie o nuove) viene riversato nel sangue sotto forma di urea (una sostanza di scarto) grazie al fegato, in questo modo i reni saranno in grado di prelevarla ed eliminarla attraverso le urine.

Conoscere questo valore ci permette quindi di avere indicazioni affidabili sulla salute e sul buon funzionamento dei reni, perchè se i valori sono più alti del normale significa che l’organismo non riesce a smaltire adeguatamente l’urea e l’azoto in essa contenuto.

Interpretazione

Da un punto di vita generale un elevato livello di azoto ureico nel sangue significa che i reni non funzionano bene, ma valori alti possono anche essere causati da:

  • Cause pre-renali:
    • Scompenso cardiaco, disidratazione,
    • Dieta eccessivamente ricca di proteine​​,
  • Cause renali:
    • glomerulonefrite acuta,
    • nefrite cronica,
    • malattia del rene policistico,
    • nefrosclerosi,
    • necrosi tubulare,
  • Cause post-renali:
    • ostruzione del tratto urinario,
    • ingrossamento della prostata,
    • tumori.

Ma possono influenzare i valori anche

  • Insufficienza cardiaca congestizia o infarto recente,
  • Sanguinamento gastrointestinale,
  • Shock,
  • Gravi ustioni.

Molto spesso i medici procedono a calcolare anche il rapporto tra l'azotemia espressa come BUN e la creatinina, o tra urea e creatinina.conveniente, l'azoto / creatinina urea: bun sierica in mg / dL / creatinina sierica in mg / dL. Per un individuo normale su una dieta normale, l'intervallo di riferimento per il rapporto è compreso tra 12 e 20, con la maggior parte degli individui è compresa tra 12 e 16. Rapporti significativamente inferiori denotano necrosi tubulare acuta, a basso apporto di proteine​​, di fame o di grave malattia del fegato. Alti rapporti con normali livelli di creatinina possono notare con gli stati catabolici di rottura del tessuto, azotemia prerenale, l'assunzione di proteine​​, ecc Alta rapporti connessi con alte concentrazioni di creatinina potrebbe indicare sia l'ostruzione postrenale o azotemia prerenale sovrapposta malattia renale. Data la variabilità sia della BUN e creatinina saggi, il rapporto è solo una guida approssimativa alla natura della anomalia fondamentale. La sua grandezza non è strettamente regolata in salute o malattia e non deve essere considerata una quantità esatta.

Bassi valori di azotemia non sono comuni e non sono di norma motivo di preoccupazione; potrebbero essere rilevati durante malattie del fegato molto gravi o quando il volume di liquidi in circolo è eccessivo.

Valori Bassi
(Ipoazotemia)

  • Abuso di Alcool
  • Celiachia
  • Dialisi
  • Dieta (scarse proteine)
  • Eccesso di idratazione
  • Epatite
  • Gravidanza
  • Malnutrizione
  • Sindrome nefrosica

Valori Alti
(Iperazotemia)

  • Avvelenamento da mercurio
  • Diabete
  • Diarrea
  • Dieta (eccesso proteine)
  • Disidratazione
  • Glomerulonefrite
  • Infarto
  • Infezione
  • Insufficienza cardiaca congestizia
  • Malattie renali
  • Ostruzione delle vie urinarie
  • prote
  • Sanguinamento gastrointestinale
  • Shock
  • Sindrome nefrosica

(Attenzione, elenco non esaustivo. Si sottolinea inoltre che spesso piccole variazioni dagli intervalli di riferimento possono non avere significato clinico.)

Fattori che influenzano l'esame

  • Tra i diversi fattori in grado di influenzare i valori ricordiamo principalmente età (aumenta con l'età) e sesso.
  • Molti farmaci, tra cui cortisone ed alcuni antibiotici, possono alterare le concentrazioni.
  • Durante la gravidanza i valori possono essere più alti o più bassi dei normali.

Quando viene richiesto l'esame

Potrebbe essere necessario misurare l'azotemia nel sangue:

  • Se il medico sospetta un danno renale,
  • Se la funzionalità renale deve essere valutata,
  • Per determinare l'efficacia del trattamento di dialisi per i pazienti che vi si sottopongono,
  • Come parte di un gruppo di test del sangue per diagnosticare una serie di altre condizioni, come danni al fegato, ostruzione delle vie urinarie, insufficienza cardiaca congestizia o sanguinamento gastrointestinale, anche se un risultato dell'azotemia anormale da solo non conferma nessuna di queste condizioni.

Se i problemi renali sono la preoccupazione principale, quando il sangue viene testato per i livelli di azoto ureico è probabile che sarà anche essere testato per i valori di creatinina (un prodotto di scarto che i reni sani filtrano fuori del corpo attraverso l'urina; alti livelli di creatinina possono essere un segno di danno renale).

Preparazione richiesta

Non è necessaria alcuna preparazione nè il digiuno ne l'azoto è l'unico valore rilevato nel campione di sangue.

Altre informazioni

Curiosità

Se un rene è perfettamente funzionante le concentrazioni di azotemia possono essere normali anche quando è presente una disfunzione significativa nell'altro rene.

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro, traduzioni a cura della Dr.ssa Elisa Bruno (fonti principali http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill)

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.
  1. Anonimo scrive il

    salve…..ho fatto esami di sangue che faccio normalmente ogni anno….i valori più alti sono il colesterolo a 230..x un valore massimo a 200…e azotemia a 50..x un valore massimo a 46….ce da preoccuparsi?.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Il colesterolo è sicuramente un po’ troppo alto e l’azotemia è possibile che debba essere approfondita; raccomando di fare il punto con il medico.

  2. Anonimo scrive il

    dimenticavo una cosa……x il colesterolo…e più di vent anni che i valori variano dai 215..a 240…e ho 49 anni….quello che mi preoccupa e solo il valore dell azotemia di 50

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Si tratta solo di un moderato aumento, in base alla storia clinica il medico valuterà se prescrivere approfondimenti.

  3. Anonimo scrive il

    salve……mi domando.. se esistono esami del sangue, per sapere se si è disidratati

  4. Anonimo scrive il

    salve……dagli esami del sangue è risultato colesterolo totale 236 …..colesterolo HDL 75 …trigliceridi 71….. Ho 58 anni….Ritiene siano preoccupanti?
    grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo) scrive il

      Salve, il colesterolo totale è un pò alto, direi di correggere la dieta rendendola più equilibrata e di associare movimento fisico, anche lunghe passeggiate quotidiana possono aiutare.

  5. Anonimo scrive il

    vorrei un parere medico per quanto riguarda la azotemia valore mg/dl 51, creatinina valore mg/dl 0,80, glicemia valore mg/dl 96, colesterolemia valori mg/dl 179, Colesterolo HDL mg/dl 37 , Colesterolo LDL mg/dl 114, Trigliceridi mg/dl 141, Calcemia valori mg/dl 8,90 , TF3 pg/ml2,61,TF4 ng/dl 1,08, TIREOTROPO ( TSH ) di base ulU/mL 1’37 , PSA valori ng/mL 1,142.
    grazie Gregorio

  6. Anonimo scrive il

    Buonasera, ho appena ritirato gli esami di mio padre 83 anni. E’ risultato un valore di azotemia di 169 mg/dl (vdr 15-45), con creatinina a 2.00 (vdr 0.7-1.2). Mi devo preoccupare seriamente subito o posso aspettare dopodomani per informare il suo medico? Se posso attendere, cosa debbo fare nel frattempo di immediato, oltre che farlo bere molto? Aggiungo che mio padre assume molti farmaci ed è malato di parkinson.
    Grazie per la risposta.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo) scrive il

      E’ possibile che sia disidratato, quindi fa bene a farlo bere, o può trattarsi di insufficienza renale, il medico va comunque informato quanto prima.

La sezione commenti è attualmente chiusa.