Link sponsorizzati

Valori Normali

  • Uomini: da 65 a 176 mcg/dl
  • Donne: da 50 a 170 mcg/dl
  • Bambini: da 50 a 120 mcg/dl
  • Neonati: da 100 a 250 mcg/dl

Fonte: Wikipedia

(Attenzione, gli intervalli di riferimento possono differire da un laboratorio all'altro, fare quindi riferimento a quelli presenti sul referto in caso di esami del sangue ed urina.)

Descrizione

Il metabolismo di qualsiasi organismo vivente richiede la presenza di ferro per numerosi processi metabolici e biochimici.

Quello che ingeriamo attraverso l’alimentazione viene assorbito a livello intestinale e temporaneamente immagazzinato grazie alla ferritina; nel momento in cui l’organismo lo richiede, il metallo viene rilasciato legato alla transferrina, una proteina di traporto prodotta dal fegato

Quando si complessa con la porfirina forma l’eme, una struttura alla base di numerose proteine tra cui l’emoglobina; la caratteristica saliente dell’eme è la capacità di legare l’ossigeno, questa proprietà viene per esempio sfruttata dai globuli rossi per trasportare l’ossigeno che respiriamo in tutte le cellule dell’organismo.

Se con l’alimentazione non viene fornito un sufficiente apporto di questo oligoelemento, i livelli di concentrazione nel sangue scenderanno e verranno progressivamente utilizzate le scorte accumulate nei tessuti, determinando nel tempo una situazione di carenza.

D’altra parte, l’assorbimento di troppo ferro può portare ad un accumulo progressivo ed eccessivo in grado di causare danni a diversi organi, quali il fegato, cuore e pancreas.

L’esame del ferro nel sangue misura la quantità circolante legata alla transferrina; poiché per la diagnosi di carenza non è sufficiente un solo esame, di norma il dosaggio della sideremia è accompagnato dai valori di TIBC, dalla ferritina e da altri valori del sangue.

Se i valori di emoglobina ed ematocrito sono bassi, questa esame può aiutare a capirne la causa.

Interpretazione

I valori sono di norma interpretati insieme agli altri test collegati:

Malattia Ferro TIBC/Transferrin UIBC %Saturazione transferrina Ferritina
Carenza ferro Basso Alto Alto Basso Basso
Emocromatosi Alto Basso Basso Alto Alto
Malattia cronica Basso Basso Basso/Normale Basso Normale/Alto
Anemia emolitica Alto Normale/Basso Basso/Normale Alto Alto
Anemia sideroblastica Normale/Alto Normale/Basso Basso/Normale Alto Alto
Avvelenamento da ferro Alto Normale Basso Alto Normale

La carenza di ferro si riferisce ad una diminuzione della quantità di ferro immagazzinato nel corpo, mentre per anemia da carenza di questo metallo si intende una diminuzione del numero di globuli rossi e/o la quantità di emoglobina contenuta dagli stessi globuli rossi, che si manifesta settimane dopo la fine delle scorte del metallo.

Valori Bassi

  • Artrite reumatoide
  • Emorragia
  • Gravidanza
  • Infarto
  • Infezione
  • Infiammazione
  • Nefrosi
  • Tumore
  • Uremia
  • Ustione

Valori Alti

  • Anemia aplastica
  • Anemia emolitica
  • Anemia perniciosa
  • Avvelenamento da piombo
  • Danno al fegato
  • Emocromatosi
  • Emosiderosi
  • Nefrite
  • Policitemia
  • Talassemia

(Attenzione, elenco non esaustivo. Si sottolinea inoltre che spesso piccole variazioni dagli intervalli di riferimento possono non avere significato clinico.)

Fattori che influenzano l'esame

I valori della concentrazione di ferro nel sangue, oltre che per il sesso del paziente (gli uomini manifestano valori leggermente superiori alle donne), sono influenzati anche dall'età, dall'ora del giorno in cui avviene il prelievo e da altre circostanze (ad esempio la presenza di flusso mestruale) anche di tipo alimentare (l'assunzione di grandi quantità di the o di determinati farmaci o integratori a base di ferro).

La pillola anticoncezionale (insieme ad anello e cerotto) potrebbe essere causa di aumento dei valori, allo stesso modo l'alcool può far innalzare le concentrazioni.

Lo stress e la privazione del sonno possono ridurre temporaneamente i livelli sierici del ferro.

Quando viene richiesto l'esame

L'esame viene richiesto quando c'è il sospetto che il paziente abbia livelli troppo alti o troppo bassi di ferro nel sangue o più nel dettaglio:

  • quando si sospetta un'emorragia,
  • per la diagnosi differenziale di anemia, emosiderosi ed emocromatosi,
  • per la valutazione della carenza di ferro,
  • per la diagnosi di tossicità acuta da ferro, in particolare nei bambini,
  • monitoraggio della risposta alla terapia per l'anemia.

Nei pazienti affetti da anemia questo esame è utile per capire se la causa è una carenza di ferro, oppure un'altra condizione come un'emorragia.

Viene infine prescritto come esame di routine alle donne in gravidanza.

Preparazione richiesta

Potrebbe essere richiesto il digiuno prima dell'esame, perchè anche piccole quantità di ferro assunte con la dieta (o sotto forma di integratori) possono causare temporanee ma rilevanti oscillazioni dei valori nel sangue.

Altre informazioni

SIntomi da carenza di ferro (valori bassi)

Una carenza di ferro nelle fasi iniziali passa spesso inosservata. Se una persona è in buona salute i sintomi non si manifestano prima che l'emoglobina nel sangue non sia scesa sotto i 10 g per decilitro:

  • stanchezza ed affaticamento,
  • vertigini,
  • debolezza,
  • mal di testa,
  • pelle pallida.

Nei casi più gravi possono comparire:

  • difficoltà respiratorie,
  • vertigini,
  • dolore al petto ed alle gambe,
  • voglia di alcune sostanze specifiche (liquirizia, gesso, polvere, argilla, ...),
  • bruciore sulla lingua,
  • unghie dei piedi a forma di cucchiaio.

Sintomi da accumulo di ferro (valori alti)

I sintomi di alti livelli di sideremia possono variare da persona a persona e tendono a peggiorare nel tempo, sono associati all'accumulo di ferro e possono essere simili a quelli osservati con altre condizioni:

  • dolori articolari.
  • stanchezza e debolezza,
  • dolore addominale,
  • perdita del desiderio sessuale,
  • problemi di cuore.

L'anemia da carenza si manifesta rapidamente?

L'insorgere dell'anemia è graduale ed inizia nel momento in cui le perdite del metallo superano le quantità assorbite dall'intestino. Nelle prime fasi di questo processo la ferritina (indice delle quantità accumulate) sarà bassa, ma le concentrazioni di ferro nel sangue e il TIBC saranno normali.

Con il persistere della carenza i livelli di sideremia diminuiscono sensibilmente, mentre la transferrina e TIBC aumentano ed inizia a manifestarsi anemia.

Con il peggioramento della carenza di ferro, i livelli sierici di ferro cadono, TIBC e aumento transferrina, e anemia inizia a svilupparsi. Con la carenza di ferro prolungato o grave, i globuli rossi diventano piccolo e pallido a causa di livelli di emoglobina sono diminuiti. Produzione dei reticolociti diminuisce, tranne dopo la terapia di ferro.

Mi è stato prescritto un integratore di ferro da assumere prima dell'esame: perchè?

Il medico può sospettare che ci sia un problema di assorbimento; se si assume il metallo sotto forma di integratore ma l'esame rileva comunque valori bassi significa che sussiste una condizione di malassorbimento.

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro, traduzioni a cura della Dr.ssa Elisa Bruno (fonti principali http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill)

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

  1. linda scrive il

    Buongiorno
    ho da sempre i valori dell’emoglobina tendenti al basso e a volte mi sento stanca, soprattutto quando fa molto caldo.
    Queste le ultime analisi
    Eritrociti 4.44 (rif. 4.20 – 5.00)
    Emoglobina 12.60 (rif. 13 – 15)
    Ematocrito 40.5 (36 – 44)
    MCV 91.2 (82.2 – 97.4)
    MCH 28.4 (27.6 – 33.3)
    MCHC 31.1 (33 – 38)
    RDW 13 (11.6 – 14.5)
    Sideremia 82 (49 – 151)
    Piastrine 213 (150 – 386)
    Quando ho il ciclo assumo del ferro in pastiglie ma non vedo risultati. C’è un modo per aumentare l’emoglobina?Grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Onestamente non sono così convinto che la leggera anemia sia la causa della stanchezza; il medico cosa ne pensa? La pressione è a posto?

    Rispondi
  2. Anonimo scrive il

    Buongiorno sono una ragazza di 36 anni ho appena ritirato gli esami del sangue e ho il ferro a 265 è una cosa grave?

    Rispondi
  3. Fernando Ariel Arcoraci scrive il

    Ho appena fatto analisi di sangue e vedo che il valore di ferro contenuto nel mio sangue no supera i 39….. Provo mal di testa schiena giramenti di testa…. Mal umore stanchezza….. È grave???

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Non è necessariamente grave, ma va segnalato al medico (insieme ai sintomi) per i necessari approfondimenti.

    Rispondi
  4. Simona scrive il

    Salve ho appena ritirato le analisi del sangue. Sono alla 23 settimana di gravidanza, e ho emoglobina e ematocrito basso ma sideremia altissima. Devo preoccuparmi?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo) scrive il

      Buonasera, bisognerebbe valutare anche gli altri esami del ferro, probabilmente c’è un’alterazione nel metabolismo del ferro che potrebbe essere legata alla gravidanza, ne parlerei col ginecologo. Saluti.

    Rispondi
  5. Anna scrive il

    Buongiorno sono stata punta dalle vespe conseguenza braccio e faccia gonfi. Dovrei prendere antibiotici? In casa ho abioclav (amoxicillina e acido clavulanico). Se no quale altro?
    Grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Non assuma antibiotici se non prescritti, anche perchè potrebbe essere più utile prendere farmaci in grado di ridurre l’entità della reazione allergica; non posso vedere e valutare, ma nel dubbio si rechi IMMEDIATAMENTE alla guardia medica o al Pronto Soccorso in caso di sintomi severi.

    Rispondi
  6. PRISCO scrive il

    Buongiorno dottore, sono donatore di sangue e ad aprile l’ultima donazione ha riscontrato un valore della ferritina basso (19) mentre tutti gli altri valori erano normali. Ieri ho effettuato nuovamente l’esame della ferritina insieme alla sideremia, mentre la prima è tornate alla normalità (37) la sideremia è bassa (49). Devo premetterle che in data 24 giugno sono stato sottoposto ad intervento in labaroscopia della colecisti e dall’esami della preospedalizzazione non si sono rilevate anomalie.Secondo lei può essere stato l’intervento a causare l’abbassamento della sideremia considerando che a oggi ancora ho saltuariamente diarrea anche se notevolmente diminuita dalla prima settimana. Grazie per il suo impegno.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo) scrive il

      Si, potrebbe essere una concausa, ma comunque non è nulla di preoccupante, ripeta le analisi su giudizio del curante, saluti.

    Rispondi
  7. Rispondi
  8. Virginia scrive il

    Salve,sono alla 31 settimana e dagli esami effettuati (sideremia)e a 27
    Mi sento stanca male alle gambe ho il fiatone sempre e faccio fatica anche a parlare…

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Lo segnali al ginecologo per valutare la situazione e eventuali integrazioni; avvicinandosi alle ultime settimane è normale che aumenti la stanchezza.

    Rispondi
  9. Domenica scrive il

    Mia madre soffre di artrite reumatoide recentemente ha fatto il prelievo gradirei un giudizio su alcuni valori.Eta’ 85.
    Emoglobina 11,8.Ematocrito 37.Globuli rossi 4.830 000.Ferro. Ferritina 76,7.
    Grazie.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Valori di riferimento?
      Manca il risultato del ferro.

    Rispondi
    Rispondi

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.