Link sponsorizzati

Valori Normali

  • Uomini
    • Età prepubere: 0-5.0 mIU/ml
    • Pubertà: 0.3-10.0 mIU/ml
    • Adulto: 1.5-12.4 mIU/ml
    • Donne
      • Età prepubere: 0-4.0 mIU/ml
      • Pubertà: 0.3-10.0 mIU/ml
      • Età fertile
        • Fase follicolare: 1.0-8.8 mIU/ml
        • Ovulazione: 4.0-25.0 mIU/ml.
        • Fase luteale: 1.0-5.1 mIU/ml
      • Menopausa: 16.7-134.8 mIU/ml

Fonte: MedScape

(Attenzione, gli intervalli di riferimento possono differire da un laboratorio all'altro, fare quindi riferimento a quelli presenti sul referto in caso di esami del sangue ed urina.)

Descrizione

L’ormone follicolo-stimolante (FSH, follicle-stimulating hormone), conosciuto anche come follitropina, è un ormone sintetizzato dall’adenoipofisi che ha la funzione di stimolare l’ovulazione nella donna e la spermatogenesi (formazione di nuovi spermatozoi) nell’uomo; si tratta quindi di un valore fondamentale nella valutazione della fertilità.

Più nel dettaglio, l’ormone è in grado nella donna di favorire la crescita dei follicoli nelle ovaie fin quando quello dominante rilascerà l’ovulo pronto ad essere fecondato; con il procedere della maturazione, i diversi follicoli rilasciano delle sostanze in grado di ridurre progressivamente la produzione di FSH (feedback negativo). Questo aspetto è molto importante per capire come interpretare l’esame, perchè con l’aumentare dell’età diminuiscono i follicoli a disposizione ad ogni ciclo e quindi le sostanze prodotte per segnalare che è possibile diminuire la produzione dell’ormone diventano inferiori e, di conseguenza, i valori di FSH diventano più alti.

Semplificando possiamo riassumere così:

  • In giovane età ad ogni ciclo mestruale vengono prodotti numerosi follicoli (anche se poi solo uno rilascerà l’ovulo) e questa grande quantità è un forte segnale che riduce la produzione di FSH (valori bassi nel sangue).
  • Verso la menopausa ad ogni ciclo mestruale sono ormai pochi i follicoli disponibili rimasti, che non hanno quindi più la forza di abbassare sufficientemente i valori di FSH, che saranno quindi più alti.

Interpretazione

Donna

Quando viene prescritto per lo studio della fertilità di una donna, l'esame viene effettuato di norma nella prima fase del ciclo (fase follicolare) e più esattamente in genere fra il terzo ed il quinto giorno del ciclo, ci concentreremo quindi sull'analisi di questo valore.

Il valore dell'ormone follicolo stimolante ci permette di valutare la fertilità della donna dal punto di vista della riserva ovarica, in altre parole di permette un'idea approssimativa di quanti ovuli rimangono a disposizione.

Uno studio del 1989 effettuato su più di 750 cicli mestruali di circa 450 donne, ha dimostrato che, anche a parità di età, le donne con valori di FSH in terza giornata (ossia dal terzo giorno della mestruazione) inferiori a 15 mIU/ml dimostravano una drammatica differenza di probabilità di gravidanza rispetto alle donne con valori superiori a 25 mIU/ml, che avevano invece molte più difficoltà.

Cercando di generalizzare i risultati, l'esame nelle donne nel terzo giorno di ciclo può essere così valutato:

    • Valori superiori a 15: scarse probabilità di successo (ma non nulle).
    • Valori tra 10 e 15: possibile diminuzione della fertilità dovuta all'età.
    • Valori inferiori a 10: situazione ottimale.

Mi preme tuttavia aggiungere che uno studio recente ha dimostrato che, nonostante sia più difficile rimanere incinta con valori alti, in caso di gravidanza il rischio di complicazioni rimane legato all'età ed indipendente dall'FSH; questo significa che la quantità di ormone presente di fornisce una stima della quantità dei follicoli ancora presenti e sulla probabilità di impianto, ma non influisce in alcun modo sulla loro qualità

Un valore alto è infine predittivo di scarsa probabilità di successo anche in caso di tecniche di fecondazione assistita; questo è dimostrato dal fatto che molti centri per l'infertilità non accettano donne con valori di FSH oltre una certa soglia, in genere proporzionale all'età. Per esempio il CHR considera normali questi valori:

Età FSH
< 33 anni < 7.0 mIU/ml
33-37 anni < 7.9 mIU/ml
38-40 anni < 8.4 mIU/ml
Più di 40 anni < 8.5 mIU/ml

Questo tuttavia non significa che non sia possibile rimanere incinta con valori superiori, ma solo che può insorgere qualche difficoltà in più; il dato viene infine spesso incrociato con il valore di ormone antimulleriano, un esame molto più recente e preciso per la stima della riserva ovarica.

Uomo

Nel caso dell'uomo l'esame viene in genere richiesto in presenza di uno spermiogramma non ottimale, in quanto consente di ottenere indicazioni sulle possibili cause.

Elevati livelli di FSH maschile sono dovuti a un’insufficienza testicolare primaria., causata in genere da difetti dello sviluppo nella crescita dei testicoli o a lesioni agli stessi:

Difetti dello sviluppo:

  • Mancato sviluppo,
  • Anomalie cromosomiche,
  • Infezione virale (parotite),
  • Trauma,
  • Radiazioni,
  • Chemioterapia,
  • Malattie autoimmuni,
  • Tumori delle cellule germinali.

Bassi livelli fanno invece pensare a disturbi ipofisari o ipotalamici.

Valori Bassi

  • Amenorrea
  • Anoressia
  • Disfunzione ipotalamica
  • Iperplasia surrenale
  • Ipofisectomia
  • Ipogonadotropismo
  • Pubertà tardiva
  • Tumore al testicolo
  • Tumore alle ovaie
  • Tumore del surrene

Valori Alti

  • Acromegalia
  • Adenoma pituitario
  • Amenorrea
  • Anorchidia
  • Castrazione
  • Insufficienza gonadica
  • Insufficienza ovarica
  • Insufficienza testicolare
  • Iperpituitarismo
  • Ipogonadismo
  • Isterectomia
  • Menopausa
  • Mestruazione
  • Orchiectomia
  • Pubertà precoce
  • Sindrome di Stein-Leventhal
  • Sindrome di Turner
  • Sindrone di Klinefelter
  • Tumore ipotalamico

(Attenzione, elenco non esaustivo. Si sottolinea inoltre che spesso piccole variazioni dagli intervalli di riferimento possono non avere significato clinico.)

Fattori che influenzano l'esame

Il risultato può essere alterato da numerosi farmaci, inoltre i valori di possono aumentare nel caso di soggetti fumatori.

Si segnala infine che recenti esami radiologici possono influenzare il risultato.

Quando viene richiesto l'esame

Sia negli uomini che nelle donne l'esame può essere richiesto in caso di problemi di infertilità, ma nelle donne è spesso usato anche nei casi di ciclo mestruale irregolare od assente.

Preparazione richiesta

Non è richiesta alcuna preparazione particolare nè il digiuno, ma è molto importante effettuare il test nel giorno indicato dal medico per una corretta valutazione del risultato.

Altre informazioni

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro, traduzioni a cura della Dr.ssa Elisa Bruno (fonti principali http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill)

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

  1. Valentina scrive il

    Buongiorno Dottor Cimurro,ho appena preso l’esisto dei miei dosaggi ormonali,fatti al 3 giorno del ciclo( ho 39 anni,e 6 mesi fa ho subito un aborto spontaneo con raschiamento).Vorrei un suo parere sull’esito,grazie:
    LH 5.6 UI/L
    FSH7.7 UI/L
    PROLATTINA 359.2 mUI/L
    17-Beta estradiolo 184 pMol/L
    Progesterone 1.00 nMol/L
    17-OH-progesterone 1.7 ng/mL
    Testosterone <0.69 nMol/l val.rif(0.0-4.1)
    Androstenedione(met.CLIA) 2.69 ng/mL

    1. Valentina scrive il

      Per la prolattina:46.4-642.4
      Per l’Androstenedione:0.30-3.30
      A me preoccupa il fatto che ultimamente mi si è accorciata la fase luteale,oltre ad avere da sempre,molto spesso spotting qualche giorno prima dell arrivo del ciclo.

    2. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo) scrive il

      Buongiorno, dalle analisi non sembrano esserci alterazioni di rilievo, per cui deve parlarne con il suo ginecologo per avere una visione d’insieme.saluti

    3. Valentina scrive il

      Grazie!Mi sento rassicurata!Anche se post ovulazione ho deciso di prendere dell agnocasto per supportare il progesterone.

    Rispondi
  2. Michela scrive il

    Salve.
    Circa un anno, in assenza del ciclo dopo la sospensione della pillola, ho effettuato alcuni esami con i seguenti risultati:
    Fsh 57.05
    Beta estradiolo 166.59
    Prolattina 12.50
    Ho ripreso a prendere la pillola per 9 mesi e da 4 sono senza ciclo, ora devo ripetere gli esami con l’aggiunta degli anticorpi antimulleriani. Ho 44 anni e in attesa di ripetere gli esami volevo sapere se sin dai precedenti c’è la possibilità di avere una gravidanza. In realtà io credo di non riuscire più ad ovulare.

    Rispondi
    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Purtroppo il valore di FSH non è promettente, vediamo comunque il valore dell’AMH.

    2. stefano scrive il

      buong dott mi sono fatte le analisi dell,FSHed è di 24,5 il testosterone è basso 1,18 gli altri esami nella norma consigliati dall,urologo per un varicocele a dx del testicolo che cosa puo essere

    3. stefano scrive il

      l,esame LH7,6 il betaHCG neg alfa FETOPROTEINA neg teststerone libero 0,0611 testosterone 1,18 prolattina 11,3 FSH24,5 ho 53 anni e da un po di mesi mi fa male il testicolo dx dopo eco varicocele dx e idrocele cosa si puo fare si possono abbassare i livelli con una cura adeguata c,e da preoccuparsi? grazie dott

    4. stefano scrive il

      l,urologo me li ha fatti fare xche il testicolo dx mj si è presentato un varicocele con parziale idrocele e 3 mesi fa mi apparve un leggero dolore curatomi con ciproxin io sono sterile peso 115 kg e sono molto anzioso grazie della risposta

    5. stefano scrive il

      mi sono stati prescritti dall,urologo perche al testicolo dx cio il varicocele ed idrocele parziale xche lui dice che un varicocele dx è raro lei cosa ne pensa? grazie

    Rispondi
  3. teresa scrive il

    Buongiorno dottore, ho 51 anni e questi sono gli esiti degli esami effettuati, vorrei sapere se sto già in menopausa anche perchè il ciclo si è interrotto per circa 3 mesi e poi è riapparso in un mese per 2 volte consecutive, inoltre dopo l’ultimo ciclo ( il secondo durante il mese) sono rimasti dei dolori al seno, l’ultima mammografia ed ecografia mammaria risale a 5 mesi fa ed era tutto regolare.
    ecco gli esami
    ormone follicolo stimolante 34,54
    ormone luteinizzante 32,00
    ormone tireotropo tsh 2,660
    prolattina 18,4
    La ringrazio in anticipo

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo) scrive il

      Salve, intanto dipende dalla fase del ciclo, presunta almeno, in cui ha fatto il prelievo; comunque non sembrerebbero valori da menopausa. Saluti.

    Rispondi
  4. M.Assunta scrive il

    Salve Dottore, ho 52 anni ho ritirato oggi i miei esami del sangue.
    Volevo sapere a che punto sono con la menopausa, visto
    che il ciclo ultimamente non si presenta da circa 10 mesi.
    Dall’età di 50 anni che ho incominciato con il ciclo irregolare
    (premetto che ho avuto sempre un ciclo puntuale ogni mese)
    saldandolo anche di 3 mesi, questo è durato circa un anno.
    Ecco gli esami:
    ORMONE FOLLICOLO STIMOLANTE 57,50 mUl-ml
    fase follicolare: 3,80-11,30
    picco ovulatorio: 5,80-21,00
    fase luteale:1,20-09,00
    Menopausa: 21,70-153,00

    LH 33,10
    TSH 2,420 uUl/ml
    FT3 2,70 pg/ml
    FT4 1,00 ng/ml
    Vitamina D 35,60 ng/ml

    La ringrazio
    Saluti
    M.Assunta

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Sì, probabilmente ormai ci siamo, o comunque non manca moltissimo; raccomando comunque di continuare a proteggere i rapporti fino al via libera del ginecologo.

    Rispondi

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.