Link sponsorizzati

Valori Normali

La quantità normale di neutrofili nel sangue è pari a circa 2–7 x 109/l e rappresentano circa il 40-80% del totale dei globuli bianchi. (Fonte: MedScape)

Nei soggetti di pelle nera vengono talvolta considerati valori leggermente diversi, tra 1.2–.6 x 109/l. (Fonte: Wikipedia).

(Attenzione, gli intervalli di riferimento possono differire da un laboratorio all'altro, fare quindi riferimento a quelli presenti sul referto in caso di esami del sangue ed urina.)

Descrizione

I granulociti neutrofili sono un tipo di leucocita (globulo bianco) con funzioni di difesa dell’organismo contro infezioni batteriche e fungine. Vengono chiamati neutrofili perché in laboratorio non incorporano alcun tipo di colorante (rimangono cioè neutri).

Rappresentano circa il 50-70% dei globuli bianchi e sono prodotti dal midollo osseo; quotidianamente ne vengono prodotti circa 100 miliardi, poichè hanno una vita di circa 7-10 ore nel sangue e di pochi giorni nei tessuti.

La loro funzione è quello di catturare e distruggere sostanze estranee attraverso il meccanismo della fagocitosi, ossia di ingerire materiali estranei e di distruggerli.

Interpretazione

Il numero di neutrofili nel sangue cambia sensibilmente da un soggetto all'altro ed è per questo che i valori normali prevedono un intervallo abbastanza ampio; quando il numero totale supera il valore massimo considerato normale si parla di neutrofilia, che è la condizione più comune di leucocitosi (aumento del numero del totale dei globuli bianchi).

Queste cellule sono fra le prime a rispondere in caso di infezione batterica, quindi la causa più comune per spiegare valori alti è proprio un'aggressione di batteri; possono aumentare anche in caso di attacchi da parte di funghi e protozoi.

Si verifica un aumento anche in caso di infiammazione acuta, come ad esempio per problemi alle coronarie, ictus, ustione, appendicite, tumori, malattie infiammatorie intestinali, artrite reumatoide, ... Anche alcune forme di anemia si associano a questa condizione.

La neutropenia è invece la diminuzione del numero dei neutrofili, che può essere congenita (già presente alla nascita) o acquisita (compare dopo la nascita): fra le forme acquisite le cause più frequenti sono probabilmente i farmaci e le infezioni virali come epatite, influenza, rosolia, morbillo, varicella, mononucleosi infettiva.

Fra le altre cause ricordiamo gli autoanticorpi, alcune infezioni batteriche (come tifo, paratifo, brucellosi, tubercolosi), malnutrizione, alcolismo, malattie del sangue e agenti fisici (come i raggi x).

Valori Bassi
(Neutropenia)

  • Anemia aplastica
  • Anemia perniciosa
  • Anoressia nervosa
  • Artrite reumatoide
  • Epatite
  • Febbre reumatica
  • Ipersplenismo
  • Leucemia
  • Lupus Erimatoso Sistemico
  • Mononucleosi
  • Morbillo
  • Rickettsiosi
  • Rosolia
  • Septicemia
  • Shock Anafilattico

Valori Alti
(Neutrofilia)

  • Acidosi
  • Avvelenamento
  • Eclampsia
  • Emolisi
  • Emorragia
  • Febbre reumatica
  • Gotta
  • Infarto
  • Infezioni
  • Malattie mieloproliferative
  • Operazione chirurgica
  • Setticemia
  • Stress
  • Tempesta tiroidea
  • Tumore
  • Uremia
  • Ustione
  • Vasculite

(Attenzione, elenco non esaustivo. Si sottolinea inoltre che spesso piccole variazioni dagli intervalli di riferimento possono non avere significato clinico.)

Fattori che influenzano l'esame

Recenti interventi chirurgici possono essere causa di aumento dei valori, così come altre forme di stress (parto, dolore, sforzo fisico) e situazioni di paura, gioia od altre emozioni intense.

Diversi farmaci possono elevare i risultati (cortisone, litio, ranitidina, ...) od abbassarli: la chemioterapia antitumorale quasi sempre provoca una sensibile diminuzione (se il risultato è inferiore a 1x 109/l esiste il rischio di infezioni anche gravi).

In gravidanza (soprattutto terzo trimestre) e nei fumatori i valori rilevati possono essere anche leggermente più alti.

Quando viene richiesto l'esame

La conta differenziale dei leucociti è di norma richiesta insieme all'emocromo, che è un insieme di valori prescritti nei controlli di routine; può anche essere richiesto in presenza di sintomi di infezione e/o infiammazione (febre, dolori, mal di testa, ...) o quando ci sia il sospetto di malattia autoimmune.

Preparazione richiesta

Non è richiesta alcuna preparazione specifica.

Altre informazioni

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro, traduzioni a cura della Dr.ssa Elisa Bruno

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

  1. Gianni7 scrive il

    B.giorno. Volevo sapere come interpretare l’emocromo delle mie analisi, ho notato, nei valori, che i neutrofili sono a 71,6 %(43-65 il rif.), Linfociti a 19,5 %(20,5 – 45,5 il rif.) e poi di nuovo Linfociti a 1,00 (10^3/ul) (1.3-2,9 il rif.). Secondo il mio medico nulla di preoccupante, visto che sono sfalsati lievemente, premetto che non ho avuto febbre, mal di testa, problemi vari, ma solo seguito una dieta ferrea, di fatti leggermente si è alzato l’acido urico che è di 7,09 quando il max è 7,00. La VES prima e seconda ora, l’indice di Katz, il TAS, la PCR sono nella norma, anzi molto nella norma, come anche le urine etc.
    Soffro di faringite quasi cronica, ho la gola spesso infiammata anche se ultimamente a dire il vero non mi ha dato tanti problemi e comunque l’ultimi emocromo di due mesi fa era ok. Forse, per via di alcuni accertamenti medici che poi sono risultati nella norma, sono stato un bel po’ in ansia per un mesetto, con un pò di insonnia. Cosa può essere?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Mi colpisce molto di più l’acido urico (che dovrebbe spingere a qualche attenzione alla dieta), neutrofili e linfociti non sono un problema.

    Rispondi
  2. gianni7 scrive il

    Un paio di mesi fa era, con gli stessi riferimenti, a circa 5,60 quindi nella norma…anche la creatinina nella norma, poi ho fatto una dieta con molta verdura, pane integrale, pasta pochissima, bocconccini , pesce lesso e pochissima carne, ovvero solo bianca e un litro e mezzo min d acqua al giorno…pochissima attività fisica..sarà stata la frutta come kiwi assunta quasi tt le mattine a digiuno? I succhi di frutta al pompelmo bevuti mentre prima zero? Oppure qualche spremuta di limone a digiuno? Però strano…tanta acqua e verdura e zero carne rossa…secondo lei cosa dovrei fare per farlo basssre pur se quasi a limite? Grazie delle sue opinioni e complimenti per il sito chiaro.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      In effetti è davvero strano alla luce della dieta fatta, ma in questo caso non darei grande peso al valore (anche se magari valuterei con il medico di verificarlo nuovamente tra qualche mese).

    Rispondi
  3. gianni7 scrive il

    Il medico dice che probabilmente è stato lo stravolgimento del mio regime alimentare…anche se e fuori di una fesseria…mi chiedo piuttosto quei valori sull emocromo da cosa possono essere alterati, anche se di poco…

    Rispondi
  4. anna scrive il

    O 31anni mi si e alzata la pressione con 135 con 83 mentre di solito la porto bassa cioè 80 con 40 ho fatto le analisi e o l anemia e PTC 0.194 cioè il volume e valori un po bassi questo centra qualcosa con la pressione grazie per la risposta

    1. Anonimo scrive il

      ho fatto anche gli esami della yiroide ma non ricordo i valori o avuto qualche fastidio al petto con battiti cardiaco un po alterato non so cosa fare dimenyicavo soffro di asma e ultimamente non mi sento bene. preciso che sono un tipo molto dinamico e non faccio vita sedentari a grazie in anticipo

    Rispondi
    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Non mi è chiarissima la situazione; il medico cosa ne pensa? Ansia?

    2. anna scrive il

      No non e ansia mi a detto che devo approffon le. analisi per l anemia comunque non sono un tipo ansiosa anzi tutto il contrario non mi preoccupa le malattie perche ho sempre affrontato tutto con il sorriso sdramattizzando sempre tutto

    Rispondi
    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Per valutarli avrei bisogno di conoscere anche i valori di riferimento.

    Rispondi
  5. Rispondi
    Rispondi
  6. anna scrive il

    Secondo lei dovrei fare l ecografia alla tiroide e ripetete di nuovo gli esami grazie per la sua cordalieta

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Purtroppo su questo non posso aiutarla, dipende dalla sua storia clinica, dai sintomi, dagli esami passati, dall’esito della visita, …

    Rispondi
  7. zaminga annunziata scrive il

    Ho effettuato un esame emocromocitometrico e morfologico ed ho verificato quanto segue:

    Conc. media emoglobina MCH 32.5 + [pg]

    Piatrine PLT 129 – [10^3/uL]

    Piatrinocrito PCT 0.13 [%]

    Neutrofili % NEUT 78.9 + [%]

    Linfociti % LYMPH 13.9 [%]

    Devo preccuparmi. Grazie

    Rispondi
  8. Anonimo scrive il

    O fatto un esame al bimbo e i neutrofili sono saliti 54.5 e i monociti sono 15.3 e una cosa grave

    Rispondi
    Rispondi

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.