Link sponsorizzati

Valori Normali

  • Tempo di protrombina (PT)
    • 9.5 - 13.8 secondi
  • INR
    • 0.8 - 1.2
    • Valori raccomandati per pazienti in terapia con Coumadin
      • Normale: 2.0 - 3.0
      • Per i pazienti ad elevato rischio coaguli l'obiettivo è: 3.0 - 4.5

Il mantenimento di un valore compreso tra  2,0 e 3,0 è consigliato per la profilassi/terapia della trombosi venosa e delle complicanze tromboemboliche associate alla fibrillazione atriale, per l'embolia polmonare, per la profilassi dell'embolia sistemica dopo infarto miocardico. Un INR maggiore è consigliato in caso di sostituzione di valvole cardiache e nel caso di  sindrome da anticorpi antifosfolipidi.

(Attenzione, gli intervalli di riferimento possono differire da un laboratorio all'altro, fare quindi riferimento a quelli presenti sul referto in caso di esami del sangue ed urina.)

Descrizione

L’esame del sangue del tempo di protrombina (PT) misura quanto rapidamente coaguli di sangue.

La protrombina è una proteina prodotta dal fegato che aiuta il sangue a coagulare. Quando ci si procura una ferita che sanguina, una serie di sostanze chimiche (fattori di coagulazione) si attivano in modo graduale ed il risultato finale è un coagulo che arresta il sanguinamento. Uno dei passi in questa “cascata di reazioni” che porta alla formazione del coagulo è la trasformazione della protrombina in trombina, l’esame misura quanto velocemente avviene questo processo.

I risultati dell’esame possono essere presentati in due modi:

  • Tempo di protrombina in secondi. Il risultato viene in genere presentato in secondi, pari al tempo necessario al vostro sangue per coagulare. Questo modo di determinare il PT fornisce risultati che varieranno a seconda del laboratorio e del metodo utilizzato per testare il sangue. Un numero superiore all’intervallo di riferimento significa che il sangue ci mette troppo tempo a coagulare (rischio di emorragie), mentre un numero inferiore significa una coagulazione troppo rapida (rischio di formazione di trombi).
  • Tempo di protrombina come rapporto. Per le persone che assumono farmaci che fluidificano il sangue (come il warfarin, principio attivo di Coumadin®), i risultati sono forniti come un numero chiamato rapporto internazionale normalizzato (INR), una formula che rende i risultati indipendenti dal laboratorio e quindi confrontabili a prescindere.

L’INR è utilizzato solo per i pazienti in terapia anticoagulante orale cronica, mentre non è di alcuna utilità per la diagnosi o il trattamento di pazienti in cui il tempo di coagulazione è prolungato per altri motivi.

Un risultato di INR fra 2.0 e 3.0 è generalmente l’obiettivo che ci si pone per le persone che assumono warfarin e che hanno bisogno di una efficace terapia anticoagulante, ma potrebbe essere leggermente più alto in certe situazioni. Se il vostro INR è superiore a questo intervallo significa il sangue coagula più lentamente di quanto desiderato, mentre valore più basso significa una coagulazione troppo rapida.

Interpretazione

  • Un valore basso significa una coagulazione troppo rapida e denota quindi un rischio di formazione di coaguli; potrebbe essere necessario aumentare la dose di anticoagulante.
  • Un valore alto indica invece una coagulazione troppo lenta e quindi il paziente è a rischio di emorragia; potrebbe essere necessario diminuire la dose di anticoagulante.

Coagulazione lenta

Se il test del tempo di protrombina o l'INR rivela che la coagulazione del sangue è troppo lenta (valore alto), questo può essere causato da:

  • dosi eccessive di farmaci che fluidificano il sangue, come il warfarin (Coumadin®) od eparina,
  • problemi al fegato
  • inadeguati livelli di proteine ​​(fattori) coinvolti nella coagulazione del sangue,
  • carenza di vitamina K,
  • deficit di fattori congeniti della coagulazione,
  • presenza di inibitori del fattore della coagulazione.

Coagulazione troppo rapida

Se il test del tempo di protrombina o l'INR rivelano che la coagulazione del sangue avviene troppo velocemente (valori bassi) si corre il rischio di sviluppare coaguli e questo può essere causato da:

  • integratori che contengono vitamina K,
  • alto consumo di alimenti che contengono vitamina K, come fegato, broccoli, ceci, tè verde, cavoli, cime di rapa e prodotti che contengono semi di soia,
  • farmaci contenenti estrogeni, come la pillola anticoncezionale e terapia ormonale sostitutiva.

Valori Bassi

Valori Alti

  • Carenza di vitamina K
  • Coagulazione intravascolare disseminata
  • Danno al fegato
  • Deficienza fattori di coagulazione
  • Epatite
  • Insufficienza cardiaca congestizia
  • Intossicazione da aspirina
  • Ipofibrinogenemia
  • Ittero ostruttivo
  • Leucemia
  • Malassorbimento
  • Ostruzione biliare
  • Pancreatite
  • Sindrome antifosfolipidi
  • Sindrome da shock tossico
  • Sindrome emorragica neonato
  • Terapia anticoagulante
  • Tumore al pancreas

(Attenzione, elenco non esaustivo. Si sottolinea inoltre che spesso piccole variazioni dagli intervalli di riferimento possono non avere significato clinico.)

Fattori che influenzano l'esame

Oltre al Coumadin® (warfarin) anche altri farmaci possono alterare l'esame, come per esempio la pillola anticoncezionale.

La diarrea, il vomito e l'ingestione di alcol possono aumentare i valori, mentre una dieta ricca di grassi può abbassarli.

Iin caso di sovrapposizione di eparina ed anticoagulante si può verificare un lieve incremento dell'INR. In genere l'eparina viene associata alla terapia con anticoagulanti orali per contrastare lo stato iniziale, transitorio, di ipercoagulabilità indotto dagli antagonisti della vitamina K. L'eparina viene associata per i primi 4-5 giorni, poi si continua con la sola terapia anticoagulante orale.

Quando viene richiesto l'esame

Quando si assume un farmacoper fluidificare il sangue, come il warfarin, per prevenire la formazione di coaguli, il medico consiglierà di sottoporsi regolarmente al test del tempo di protrombina per monitorare l'efficacia del farmaco. Può anche essere ordinato per:

  • Rilevare un disturbo della coagulazione,
  • Diagnosticare i problemi di fegato,
  • Diagnosticare eventuali problemi sconosciuti di coagulazione prima di un intervento chirurgico.

Preparazione richiesta

Il prelievo di sangue non è necessario che avvenga a digiuno non è necessario e non serve alcuna preparazione particolare; in genere, se una persona è in terapia anticoagulante, il campione deve essere raccolto prima dell'assunzione della dose giornaliera, ma più ancora è importante che si assuna il farmaco allo stesso orario ogni giorno per mantenere un livello costante.

Altre informazioni

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro, traduzioni a cura della Dr.ssa Elisa Bruno (fonti principali http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill)

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Bene le 18:30 se non può fare diversamente, ma mantenga questo orario finchè non potrà riprendere stabilmente l’orario precedente. Verifichi tra qualche giorno l’INR.

    2. anonimo scrive il

      salve,avrei una domanda da porgli..secondo lei il valore dell inr o della protrombina e’ indicativo di trombi nelle gambe?ovviamente provvedero’ a doppler..nel caso..ma volevo sapere se gia’ da questi valori si puo’ capire qualcosa..grazie mille…

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Sarebbero solo un tassello, ma ci sono esami sicuramente più utili per una diagnosi.

    4. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Per esempio il D-Dimero, ma non proceda ad analisi autonomamente, si fidi del percorso impostato dal medico.

    5. anonimo scrive il

      grazie mille!!!! ho il tewrrore di avevere trombi nelle gambe per questo chiedevo..grazie..!!

    Rispondi
  1. pieranna prati scrive il

    Prendo il warfarin 2,5 mgda 2 settimane , prima 3,5 mg ma ilvalore era troppo alto 5,4. ho fatto il test oggi ho 1,9 posso considerare ok? la prossima
    settimana sentiro’ilmio dottore che ora e’ in ferie. Sono sotto cura con warfarin dall’aprile 2014, continuo a variare il dosaggio, ogni 15 giorni faccio il
    test e i valori cambiano . Ho scoperto da 15 gg che devo fare attenzione agli alimenti con vitamina K, poiché’ hoparlato in Italia con chi assume il
    coumadin, qui in Canada il dottore non mi aveva detto nulla. C’e’ ancora qualcosa d’altro a cui devo prestare attenzione?
    Grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Grande attenzione anche ad altri farmaci, non ci sono grossi problemi per quelli che assume costantemente tutti i giorni, mentre assunzioni occasionali possono dare problemi; sul valore di INR non posso aiutarla, perchè l’obiettivo può variare leggermente da un paziente all’altro, in genere si punta ad un valore fra 2 e 3.

    Rispondi
  2. Nicola scrive il

    buongiorno dottore sono in terapia coumadin da aprile oggi al tao mi hanno fatto la puntura sul dito per riscontrare i valori dell’i.n.r. e mi dicono che sono bassi questi sono i dati relativi al 4 giugno 2015 1.98. il 23 6 2015 1.87 il 7-luglio 1.75 mentre oggi 1.6 mi hanno aumentato la dose devo preoccuparmi? ci tengo a precisare che io sull’alimentazione sono attento infatti non fumo e non bevo alcolici e mi attengo a quello prescritto niente insalati verdi ed altri alimenti che leggo siano dannosi può influire il caldo? sono abbastanza preoccupato vi ringrazio tengo inoltre a precisare che la cura del coumadin è dovuta ad una trombosi venosa profonda ed embolia polmonare grazie!!!

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Non si preoccupi, ma è stato assolutamente corretto adeguare la dose.

    Rispondi
  3. Rispondi
  4. francesco stefanìa scrive il

    Ho fatto l’esame del pt il valore INR è di 4 cosa non devo mangiare asumm
    o il caumadin

    Rispondi
  5. Tinari Roberta scrive il

    Buongiorno, mio padre di 84 anni da 10 anni prende il coumadin per fibrillazione atriale, abbiamo notato che il suo Inr è salito ultimamente e l’ultimo valore è di 3,50. Potrebbe essere collegato al combio del farmaco della pressione che la cardiologa ha sostituito circa 15 gg fa? Quali accortezze dobbiamo avere in questo caso? Grazie per l’attenzione!

    Saluti

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Sì, è possibile; va segnalato al medico e concordato con lui se ridurre leggermente il dosaggio di Coumadin o se provare ad aspettare il prossimo controllo.

    Rispondi
  6. Tinari Roberta scrive il

    Grazie Dottore, ieri ha fatto il prelievo ed ho notato che presso il centro prelievi hanno abbassato 1 volta a settima il dosaggio del farmaco. In caso aspettiamo il prossimo controllo che dovrà fare il 1° settembre, oppure mi consiglia di sentire il medico curante? Grazie mille!

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Mi perdoni, ma non ho capito; il medico del centro ha suggerito una modifica alla terapia?

    2. Tinari Roberta scrive il

      Si, di solito il dosaggio giornaliero del farmaco è sempre tre quarti, ma dall’elenco settimanale ora hanno messo che ogni venerdì ne va presa mezza, forse per vedere se poi a settembre l’INR torna nella norma. Cosa mi consiglia? Grazie ancora!

      Buona serata
      Roberta Tinari

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Direi che può seguirne il consiglio, oppure chiedere conferma telefonica al medico di base se normalmente era lui a gestire i cambi di dose.

    4. Tinari Roberta scrive il

      Grazie mille! Il mio medico è in ferie, a questo punto aspetto il prossimo prelievo e in caso prenderemo provvedimenti,spero solo che ora che andremo in vacanza non sia pericoloso per lui prendere il sole. La ringrazio per le risposte. Buona serata. Roberta Tinari

    5. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Se il consiglio è stato formulato da un medico direi che può fidarsi.

    6. Tinari Roberta scrive il

      Si è il medico del centro Tao che fa i dosaggi in base all’INR ma essendo fuori dalla struttura non ho potuto consultarlo. La ringrazio molto per i consigli e l’attenzione alle mie domande. Partiremo più tranquilli.
      Le auguro una Buona giornata!

      Cordiali saluti
      Roberta

    Rispondi
  7. Marco scrive il

    Dottore ho effettuato dei tests di coagulazione per motivi lavorativi:

    Tempo di protrombina
    Attività protrombinica 65% (vn 75-100)
    INR 1,31

    PTT 28 sec (vn 24-33)
    Fibtinogeno 380 (vn 150-450)
    Piastrine 215mila (vn 150-450)
    A cosa è dovuta la diminuizione dell attività protrombinica?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      C’è un leggero ritardo di coagulazione (che emerge anche dall’INR), ma temo che per capirne le cause sarebbero necessari esami più approfonditi; in ogni caso non si allarmi, non è detto che il medico lo consideri un problema.

    2. Anonimo scrive il

      Potrebbe derivare dall alimentazione ovvero da un apporto insufficiente di vitamina k dato che tutto il resto è nella norma?

    3. Anonimo scrive il

      La ringrazio per la celere risposta.
      secondo lei non è nulla di grave giusto?

    4. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      A mio avviso no, ma raccomando di verificarlo con il medico.

    Rispondi
  8. paola scrive il

    Buonasera dottore , mia madre 81enne ke assume questo farmaco da molti anni ,oggi aveva i valori a oltre 9 .cosa pu essere successo? Gli stata somministrata una fialetta di vitamina k e la sospensione del farmaco e domani un prelievo x vedere com la situazione.devo dire ke non stata molto bene in questi giorni , ha fatto dei flebi x carenza di potassio e integratori e gli stata tolta la pastiglia x la pressione. Cosa ne pensa?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      La modifica della terapia in corso (aggiunta ed eliminazione di farmaci/integratori) ha sicuramente provocato un diverso effetto del farmaco.

    Rispondi
  9. Monica scrive il

    Mi hanno sospeso il coumadin da circa tre settimane ho ritirato oggi l’esame del pt e l’inr è di 0.9 devo rivolgermi a un medico visto che il mio è in ferie?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Il valore è compatibile con il range normale per pazienti che NON assumo il farmaco, in ogni caso lo verifichi con il sostituto del suo medico.

    Rispondi
  10. domenico bianco scrive il

    buon giorno dottore,
    a 1/2 febbraio 2015 ho fatto una cardioversione a seguito di una fibrillazione antriale ( 133 battiti) :dopo l’intervento mi hanno indicato l’uso del Cumadin 5 e mi e’ stato “fissato ” iodato dell’INR compresa fra 2-2,5 e controlli ogni 10 giorni.
    al dato di cui spora INR 2-2,5 mi e’ stata indicata la dose di Cumadin di 3/4-3/4-1/2….. nel caso di risultato inferiore e 2 aumentare i 1/4 al di e nel caso di risultato superiore e 2,5 diminuire di 1/4 al di.-
    Seguo le indicazioni alimentari nel caso specifico con scrupolo rigoroso ma non riesco a portare a regime l’INR.-
    Se serve per la valutazione prendo anche la cardioaspirina (1 compressa al di)
    Secondo Lei come giudica questa situazione?
    La ringrazio anticipatamente

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Non posso che consigliarle di fare riferimento al medico, in questi casi si preferisce piuttosto un INR leggermente aumentato piuttosto che troppo basso.

    2. domenico bianco scrive il

      ma con questo inr (1,5) per migliorarlo quale dovrebbe essere la dose del cumadin 5??
      grazie

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Più alta dell’attuale (il sangue coagula troppo velocemente, dobbiamo quindi renderlo più fluido), ma non posso suggerirle modifiche in particolare.

    Rispondi
  11. Carmen scrive il

    Buongiorno Dottore. Mi scusi ma in questo momento il mio medico non fa studio. Mio padre prende il coumatin 1/4 un giorno e 1/2 il giorno dopo e così via . Stamani ha fatto il il prelievo ed il PT e” salito a 8.6. Cosa devo fare secondo Lei sto preoccupata.E’ il caso di portarlo in ospedale o sospendo il coumatin per oggi. Mio padre a 79 anni. La ringrazio in anticipo e la saluto .

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Mi dispiace davvero, ma per motivi di responsabilità non posso consigliare modifiche alla terapia.

    Rispondi
  12. maddalena scrive il

    Ciao mia madre e un mese che prende sintrom
    adesso è uscito a 1,91
    lei ha anche una cistite e ci hanno datto nofloxacina400mg sette giorni due volte al giorno. ..poi dopo prendere unidrox600
    un al giorno per sei giorni
    più nefrocist soluzione
    le po prendere con il sintrom
    lei ha 88anni e una cistite da due anni

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Entrambi gli antibiotici possono interagire con Sintrom, prima di iniziarli valuterei quindi con il medico di base se procedere a frequenti controlli nei giorni di terapia o se procedere in altro modo.

    Rispondi
  13. Lussi scrive il

    Prendo il cumadin, ho fatto le analisi del sangue la protrombina ( i.n.r. ) valore 2.86 vorrei sapere se va bene, ho se mi dà una spiegazione lei. Grazie.

    Rispondi
  14. cinzia scrive il

    Ho ritirato gli esami inr 0,94 ho 38 e nn prendo nessun farmaco.. sbaglio o è un valore basso? Volevo semplicemente un consiglio la ringrazio anticipatamente Buona giornata.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      È in linea con i valori attesi, ovviamente ultima parola al suo medico.

    Rispondi
  15. pinino 24 Settembre 2015 scrive il

    in data 18 agosto mio marito anni 70, ha fatto un elettrocardiogramma ed è risultato avere fibrillazione atriale.
    L’esame INR ha dato un valore 1.3, è stato messo in terapia con Cumadin, ed ogni settimana ha rifatto l’esame ed i valori cambiano sempre : 2.0
    – 1.7 – 2.1 – 1.9 e l’ultimo fatto oggi è 1.6, sta prendendo una pastiglia al giorno, volevo sapere se è il caso di passare di nuovo ad una dose più forte:
    es. 1 e 3/4 come prima quando il valore era salito.
    Avrei piacere anche di sapere se il fatto di non bere più vino a pranzo e cena da 3 giorni può avere influito sul risultato, mi scuso ma quali cibi si devono evitare completamente.
    Grazie mille!!

    Rispondi
  16. marco scrive il

    buongiorno prof. vorrei chiederLe quali fattori influiscono a tenere il valore inr alto. i miei parametri sono 2,5 ( 2=3) il valore del prelievo di oggi è 3.58
    grazie

    1. Anonimo scrive il

      prendo giornalmente l triatec,congescor, cardioaspirina, torvast e il coumadin, l’alimentazione è abbastanza varia evitando le verdure a foglia larga, non prendo integratori, soffro di fibbrillazione atriale

    Rispondi
    Rispondi
  17. lui scrive il

    Buon giorno
    Volevo sapere con il pt 7.39 oltre che sospendere il coumadin cosa si può fare ?
    Grazie sin da ora per la risposta .

    1. Anonimo scrive il

      il valore era 7 e il secondo 7.39 ora non vorrei far confusione ma non ho sottomano l’esito.
      4 giorni fa la signora lo aveva a 8. Certamente seguirà i consigli del medico ma avevo sentito che ci sono delle gocce per stabilizzare. Era solo per conoscenza .

    2. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Con questo valore probabilmente si procederà solo alla sospensione e successiva rimodulazione del farmaco; nei casi di emergenza si procede alla somministrazione di vitamina K.

    Rispondi
  18. Lulu scrive il

    Salve,
    sono reduce dal ricovero per una embolia polmonare bilaterale massiva (unico fattore di rischio la terapia contraccettiva ormonale, negativi anche i test genetici).

    Dopo il coumadin e l’eparina in degenza, sono passata alla terapia con eliquis prima delle dimissioni e mi dicono che non dovrò più fare i controlli assidui dell’INR. E’ corretto?

    Il solo altro farmaco che assumo è il betabloccante bisoprololo (come bradicardico e antipertensivo). In passato, quando la pressione tendeva a salire, assumevo lasix al bisogno. Posso ancora farlo ora? (anche perchè, dopo la lunga degenza, tendo ad avere caviglie e piedi spesso gonfi (funzione renale etc. nella norma)

    Grazie 1000
    Lulu

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Sì, è corretto, non sarà più necessario monitorare l’INR.
      Se associare Lasix è da valutare con il medico, anche perchè probabilmente rispetto a prima è possibile che il cardiologo punti a valori di pressione più bassi.

    Rispondi
  19. Corrias Roberto scrive il

    buon giorno Dottore , sono preoccupato perché oggi ho avuto l’esito dell’esame del sangue per il p.t. i.n.r. ed è risultato troppo basso a 2 , il mio dottore mi ha aumentato il cumadine solo di un quarto di pastiglia ! premetto che 2 settimane fa era risultato a 2,1 e il giorno stesso sono finito in ospedale con prognosi di ictus ! trovando i valori a 1,9 ! ora ho fatto la trafila con eparina e cumadine ,e il controllo del sangue risultato a 2 e secondo lei potrebbe bastare l’aumento di un quarto di pastiglia per alzare il valore nel range tra 2 e 3 ?
    grazie …

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Probabilmente sì, in ogni caso è corretto procedere per gradi per non rischiare emorragie.

    Rispondi
  20. Pacifico giuntoni scrive il

    Da circa ,3 anni assumo il cumadin ,x fibrilazione atriale ,o 78 anni ,sono diabetico con altre patologie,tipo insufficenza renale ,cardiopatico ecc.I Valori sono sempre stati nella norma .Ma negli ultimi .,tempi sono stato ricoverato in’ospedale x diarrea.Qusta mattina ho fatto l’esame del P.Ted il suo valore superava i 5 mi sno un po impressionato puo darmi qualche consiglio?GRAZIE

    Rispondi
  21. lucia scrive il

    Gent dott sono in terapia da quasi 2 mesi con antidepressivo daparox assumo 20 gocce al giorno e sinceramente da più di un mese compaiono spesso piccoli lividi su braccia e gambe.Puo dipendere da queste gocce e magari creano problemi a livelli di coagulazione o mi dv preoccupare e pensare al peggio? A maggio emocromo e piastrine erano ok? Posso stare tranquilla?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Ritengo poco probabile che sia il farmaco e probabilmente non è nulla di preoccupante, ma va comunque segnalato al medico.

    2. Anonimo scrive il

      Il medico di base mi ha detto ke puo dipendere da fragilita capillare ho preso una scatola di daflon ma scarsi risultati.Lo psichiatra invece diceva che gli antidepressivi possono causare problemi di coagulazione.Ho 38 anni e pensare di avere gia questi problemi mi manda fuori binario! Mi dia un c9nsiglio le analisi erano ok possono cambiare in 5 mesi?

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      In teoria le analisi possono cambiare anche più rapidamente, a maggior ragione se c’è di mezzo un farmaco, ma nel di Daparox non mi risulta che possa creare problemi (se non di interazioni con anticoagulanti, che mi sembra di capire che lei non assuma).

    4. Anonimo scrive il

      Nn assumo altri farmaco solo ranidil e sciroppo x reflusso. ..dott ho paura di brutte malattie e ho il terrore di fare le analisi e scoprire kissa cosa

    5. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      A mio avviso non c’è motivo di temere, si fidi del suo medico e segua con scrupolo le sue indicazioni.

    6. lucia scrive il

      Mi ha prescritto emocromo piastrine fibrinogeno antitrombina III funzionale ptt e pt perke cosa potrei rischiare ? Lui continua ad essere dell opinione ke dv star tranq in realta il pensiero della coagulazione l ha avuto perke ho da 2 m3si lividi mi compaiono spesso su braccia e gambe pero piccoli e scompaiono presto e settimanevke nn ne escon…io ho pensato al peggio ma lui continua a dire ke è fragilita capillare! Sn confusa

    7. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Condivido il parere e la tranquillità del suo medico, ma con gli esami potremo averne conferma.

    Rispondi
  22. Nicola scrive il

    BUON GIORNO DOTTORE IO ASSUMO REGOLARMENTE DEL COUMADIN PERCHè AVEVO UNA TROMBOSI VORREI SAPERE SE IL MIELE è UN ALIMENTO CHE POSSO ASSUMERE GRAZIE!!!

    Rispondi
  23. Rispondi
  24. tina scrive il

    Buonasera Dottore , stamattina ho ritirato le analisi del sangue più o meno tutto apposto tranne due valori. PT Secondi risulta 101.0 è dovrebbe essere tra 7,5 / 13 , e l’antitrombina III 78 è dovrebbe essere tra 80/120. Può darmi qualche risposta ? La ringrazio

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Probabilmente per qualche motivo è stata sbagliata la posizione della virgola ed in realtà è 10,1, ma senta comunque il parere del medico.

    2. Tina scrive il

      Il medico mi ha detto di ripetere l esame , anche per lui e un po troppo alterato La ringrazio

    3. Tina scrive il

      Buongiorno dottore ho ritirato le analisi, sono nella norma .. più tardi chiamo la dottoressa e avviso anche lei la ringrazio

    Rispondi
  25. Domenico scrive il

    Buongiorno Dottore
    Io ho avuto problemi di embolia polmonare. Sono stati curato per oltre un anno con iniezioni di Eparina poi sono passato a Coumadin5. Tengo a precisare che sto facendo chemioterapia.
    Ebbene i miei valori INR sono talmente ballerini cioè passano dal 3,5 all’1,76 di oggi.
    Faccio attenzione all’alimentazione, prendo pastiglia per la pressione e Omnic.
    Pensa che 1,76 di INR SIA troppo basso?
    Possono essere i medicinali che assumo e la chemio che mi alterano così spesso i valori? Inoltre se bevo vino ai pasti non va bene?
    Grazie se mi vorrà rispondere!

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Sì, temo che sia un po’ troppo basso.
      Sì, potrebbero essere i farmaci a rendere “ballerino” il valore.
      Onestamente cercherei di ridurre od evitare gli alcolici.

    2. Anonimo scrive il

      Grazie Dottore
      Oggi alla luce di quel 1,76 i medici oncologi mi hanno prescritto queste dosi di Coumadi n 5: 1/2 1/2 1/2 3/4 di pastiglia e così via.
      Cosa ne pensa?

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Difficile valutare estrapolati dal contesto, ma immagino che siano stati aumentati rispetto a prima.

    Rispondi
  26. Alessandra M scrive il

    Buongiorno Dottore
    Il dentista in previsione di due impianti e visto che sono in cura da un mese per eliminare un infezione ad un molare ( aumentin 2 al di )ove sarà fatto l impianto , mi ha prescritto alcune analisi . Cortesemente mi può spiegare se il sangue coagula troppo in fretta o no ? Inoltre lei concorda sul fatto di estrarre prima il dente visto che infetto e dopo due mesi provvedere a fare impianto simultaneamente ad un altro ? Grazie
    VES 14
    T Tromboplastina parziale 24 secondi
    Ratio PTT 0,84
    Tasso di Protrombina 130
    Ratio PT 0,94
    INR 0,93

    Grazie !
    Alessandra

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      La coagulazione sembra assolutamente buona; valori di riferimento?

      Sulle modalità di intervento non mi sento in grado di esprimere giudizi, mi dispiace.

    2. Anonimo scrive il

      Grazie dottore!
      Ultima cosa escludendo domande “dentistiche ”
      La Ves e’ influenzata ovvero si sarà ridotta grazie all augmentin ? Nn ho parametri di riferimento prima.
      Grazie 😃

    Rispondi
  27. anna padolano scrive il

    Buongiorno Dottore dopo un anno e mezzo che prendo il cumadin ho inr 3,78 e la prima volta che mi succede in queste settimana ho dovuto prendere il Norvasc perchè la pressione era troppo ballerina nonostante tutto che prendo tutti i giorni altri 2 farmaci per la pressione adesso sono già 3 giorni che prendo mezzo norvasc va molto meglio ma man mano lo sospendo non capisco ho sempre mal di testa nonostante la pressione va bene e ho sempre le guancie e rosse ora il mio medico mi ha diminuito il cumadin oggi mi ha detto di non prenderlo non è la prima volta che prendo il Norvasc io mi auguro che si abbassi

    Rispondi
  28. topa scrive il

    Salve doctor. Le analisi di routine dicono PT a 11.2 poi attività Prot. 89 (80-120) plasma normale a 10.5 e I.N.R a 1.07…donna di 67 anni. Vanno bene? Grazie mille.

    Rispondi
  29. Rispondi
  30. manola scrive il

    Buonasera. Dopo una trombose venosa a la gamba dal mese di gennaio 2015 ,sono ancora in cura con syntrom 1mg. 3 settimane fa l’inr era 1.97 oggi e1.59. Mi preoccupo molto. Mio medico mi a detto di prendere 3 pastilles sta sera e dopo 4 giorni 2 pastille e3 giorni 1.vorrei il suo parere .Grazie.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Si attenga scrupolosamente alle indicazioni del medico, purtroppo può succedere di incappare in fluttuazioni del valore, ma c’è modo di correggere.

    Rispondi
  31. Rispondi
  32. Luisa ..genova!! scrive il

    Egregio dottore ..è un anno che perndo xarelto 20mg per aver scoperto fibrilazione atrialeLa chiedo a lei pechè mi da molta fiducia che esami devo fare per controllo coagulazione della terapia !!!!Si ho ovviamente un cardiologo e un medico di famiglia ma confido in lei !!!!!Da un annio sono i primi farmaci che prendo perche sempre stata ben ….Quindi blopress 16 mezza per pressione….lanoxin 0 250 mezza e Concor 10mg mezza ….Fortunatamente non molte …Sto bene e sono serena Ora ci sarà controllo da cardiologo !!!!!!la ringrazio per risposta di cuore !!!!Ahahah la mia età 65 e mai come dicevo preso un farmaco Mi è andata bene Ma quando ce vò ,,,eh cè vò!!!!!Simpaticamente un sorriso LUISA

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      A differenza di Coumadin, che richiede regolari controlli dell’INR, i nuovi anticoagulanti non hanno questa necessità; verranno quindi prescritti controlli periodici, ma nulla di frequente.

    Rispondi
  33. LUISA ...genova scrive il

    Ma grazie mille dottore per veloce risposta !!!!!!fantastico sono soddisfatta …Buona giornata !!!!!!

    Rispondi
  34. Tozzi alberto scrive il

    Soffro di f.a., in febbraio ho effettuato due bay pass coronari, assumo tutti i giorni coumadin (3gg 1/2 1gg3/4) ogni 15 giorni controllo sempre ta i due e tre. Assumo anche la cardioaspirina, triatec,ramipril,simvastatina. Questa mattina per la prima volta 3.84. Sono impressionato, ho mangiato tanta cicoria può essere. Grazie

    Rispondi
  35. Rispondi
  36. valentina(21 anni) scrive il

    Buonasera dottore vorrei avere un suo parere riguardo ai miei valori di pressione.
    Ieri notte ho avuto dei malesseri, capogiro, sensazione di svenimento, gambe molli e sudorazione fredda; appena sono arrivata a casa ho misurato la pressione, 100 la massima e 50 la minima. Questi valori li ho tutt’ora addirittura stamattina 98-52, non intendono salire .. riesce a dirmi qualcosa ??
    Per il momento i malesseri di ieri notte non li ho ma non mi sento benissimo, ho già preso appuntamento con il mio medico domani ma vorrei avere anche un suo parere visto che l’altra volta mi è stato d’aiuto.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Sì, potrebbe essere legato alla pressione bassa; esistono alcuni farmaci che possono aumentarla, ma in genere si prova prima bevendo di più ed associando eventualmente sali minerali.

    Rispondi
  37. Adele scrive il

    volevo chiedere se l’assunzione di tisane rilassanti o depurative può causare un’ alterazione dell’INR
    GRAZIE

    Rispondi
  38. Giuseppe scrive il

    Buonasera dottore, come interpreta Lei i seguenti valori:

    tempo di Protrombina 19,50 sec
    attività protrombinica 52% (v.n. 75 – 100)
    I.N.R. 1,43 (v.n. 2,0 – 3,50)
    P.T.T. 36,90 sec (v.n. 30 – 45)
    Fibrinogeno 488 mg%ml (v.n. 150 – 450)

    Specifico, che paziente è donna, età 72, affetta da fibrillazione atriale per la quale assume Fleiderina, che inoltre assume Eliquis (principio attivo Apixaban) 5mg (2 volte al dì), con tendenza all’ipertensione per la quale assume Micardis, con necessità di prendere pantoprazolo per l’esofagite da reflusso.

    La ringrazione per la Vostra eventuale gentilezza nella vostra risposta in merito a quanto scritto sopra.

    Rispondi
  39. Galletti maria luisa scrive il

    Gentilissimo dott…scusi son di nuovo a chiedere un parere!!!!Io uso xarelto mg 20 ho fatto ugualmente esami dopo un anno che lo uso per vedere come va la terapia,,,quindi esito Inr 1,05 e ce pure altro risultato vicino 0,90 e nel valore atteso ce 1,15 In primis chiedo a lei ovvio vado a farli vedere al cardiologo!!!!!Sò che con xarelto si possono non fare esami inr ….Comunque altro tutto ok come esito!!!!Secondo lei è da abassare lo xarelto!?????Oltre a quello uso mezza compressa di concord 10mg mezza 16 mg blompres pressioe ne mezza lanoxin 0,250 !!!! Riscontrato anno scorso fibrilazione artiale Ma ora sto molto meglio e con lui prx visita a Dicembre ….Grazie mille se puo aspetto risposta Un sorriso Luisa…..

    Rispondi
  40. lory scrive il

    Buona sera vorrei sapere per mio papà in terapia con coumadin da 3 anni per problemi cardiaci il sio range deve essere tra 2-3. Cosa ne pensa di questa escalation di valori….un mese fa aveva valore INR A 3,3 quindi la dottoressa ha abbassato le dosi ( 2 giorni 1/2 e 1 giorno 3/4) dopo 2 settimane il valore INR risultava 2,1 quindi ha aumentato la dose (2 giorni 3/ 4 e un giorno 1/2) oggi dopo 2 settimane il valore INR è 1,9 . Come mai secondo lei il valore invece di aumentare è diminuito ?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Fa attenzione a quello che mangia?
      Ha assunto altri farmaci?

    2. lory scrive il

      Non ha assunto farmaci diversi dai soliti…per quanto riguarda l’alimentazione è sempre la stessa…in ogni caso quali alimenti potrebbero essere chiamati in causa?

    3. lory scrive il

      Gentile Dottore ho letto gli articoli sugli alimenti contenenti vit K mi pare di aver capito che però la sua assunzione dovrebbe far aumentare il valore dell INR e non farlo diminuire come dall’ultima analisi di mio papà che aveva 1,9 di INR. ..Quindi in questo caso non credo centri l’alimentazione giusto?

    4. lory scrive il

      Dottore mi scusi avevo letto male ora penso di aver capito… la vitamina k abbassa il valore INR…Infatti il giorno prima del prelievo mio papà aveva mangiato broccoli cotti in pentola…può essere quindi questa la causa dell’abbassamento del valore dell’INR a 1,9 ?

    Rispondi
  41. franco scrive il

    Salve dottore un anno fa ho avuto una embolia polmonare adesso prendo regolarmente il contadin 2 giorni fa ho fatto il prelievo del sangue per verificare il mio INR che e’ di 2,25 e il p tempo di Protrombina 33,0 ho notato che più aumenta INR più diminuisce il Pt e viceversa e questi valori come le sembrano GRAZIE

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      I due valori dovrebbero aumentare/diminuire nello stesso verso.
      2.25 mi sembra un buon valore, ma faccia sempre riferimento all’obiettivo che le è stato indicato.

    Rispondi
  42. Alessia scrive il

    Salve dottore il mio pt è di 15.4 mentre il valore di riferimento massimo e di 13.
    L’inr è 1,36 e il ptt è di 36.2 mentre il massimo valore è di 35. Devo preoccuparmi? Confido in una sua risposta grazie mille

    Rispondi

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.