Link sponsorizzati

Valori Normali

  • aPTT: 30-40 secondi
  • PTT: 60-70 secondi

I seguenti valori rappresentano invece un'emergenza medica:

  • aPTT: tempi più alti di 70 secondi
  • PTT: tempi più alti di 100 secondi

(Attenzione, gli intervalli di riferimento possono differire da un laboratorio all'altro, fare quindi riferimento a quelli presenti sul referto in caso di esami del sangue ed urina.)

Descrizione

Il tempo di tromboplastina parziale (PTT) e il tempo di tromboplastina parziale attivata (aPTT) sono due esami che valutano la stessa funzione, cioè il tempo di coagulazione del sangue; nel tempo di tromboplastina parziale attivata viene aggiunto un attivatore che accelera il tempo di coagulazione e quindi l’intervallo di riferimento è meno ampio e quindi più facilmente interpretabile. L’ aPTT è la versione più sensibile del PTT che viene usata per controllare la risposta del paziente alla terapia con l’eparina.

L’emostasi è il meccanismo innescato dall’organismo in caso di emorragia ed è finemente regolati da diversi fattori che, in un delicato equilibrio, garantiscono prima la riparazione del danno ed in seguito la dissoluzione del materiale di coagulazione.Quando un vaso sanguigno viene lesionato, la prima reazione dell’organismo è la vasocostrizione che impedisce una perdita di sangue eccessiva. Nei vasi sanguigni più piccoli la vasocostrizione può essere sufficiente per arrestare l’emorragia, mentre in quelli più grandi è necessaria l’emostasi.

L’emostasi primaria è un processo che dura pochi secondi e causa la formazione di un coagulo, cioè di un tappo nella zona colpita. Poi si verifica l’emostasi secondaria, cioè la reazione del sistema di coagulazione del plasma che produce la fibrina: l’emostasi secondaria termina in pochi minuti. I filamenti di fibrina rinforzano il coagulo prodotto con il tappo emostatico primario.

L’esame dell’aPTT valuta i fattori I (fibrinogeno), II (protrombina), V, VIII, IX, X, XI e XII, ma eventuali carenze non saranno rilevate dall’esame finchè non saranno diminuite dal 30% al 40% rispetto al normale.

Interpretazione

Se l’aPTT è più elevato del normale ci può essere una carenza di uno o più fattori della coagulazione (di origine acquisita o congenita), oppure il paziente può essere in terapia con un inibitore della coagulazione come l’eparina, può avere il lupus anticoagulante, un inibitore non specifico come un’immunoglobulina monoclonale o un inibitore specifico dei fattori della coagulazione.

Se l’aPTT è più breve del normale ci può essere o un aumento dell’attività del fattore VIII in vivo (che nella maggior parte dei casi è connessa a una patologia acuta o cronica o a una situazione infiammatoria) oppure il risultato può essere spurio e dovuto a un prelievo difficile, a problemi nella raccolta del campione o a un trattamento non ottimale del campione.

Durante le terapie con eparina l'obiettivo è un tempo superiore al valore normale; in caso di tempi troppo bassi aumenta il rischio di formazione di coaguli e si richiede quindi un aumento della dose di farmaco.

Per chiarire meglio i difetti della coagulazione, l’esame dell’aPTT può essere eseguito insieme a quello del tempo di protrombina (PT), che è usato per valutare la via estrinseca e di quella comune del processo di coagulazione.

PT PTT Patologie che potrebbero essere presenti
Alto Normale Patologie del fegato, carenza di vitamina K, carenza o anomalie del fattore VII, coagulazione intravascolare disseminata (DIC) cronica lieve, terapia con anticoagulanti (warfarin)
Normale Alto Carenza o anomalie dei fattori VIII, IX o XI, malattia di Von Willebrand (forma grave), lupus anticoagulante
Alto Alto Carenza o anomalie dei fattori I, II, V o X, gravi malattie del fegato, CID acuta
Normale Normale o leggermente alto Possono indicare un’emostasi normale, tuttavia il PT e il PTT possono essere normali anche con carenze di altri fattori e se c’è una forma lieve della malattia di Von Willebrand. Per diagnosticare queste patologie possono essere necessari altri esami.

Valori Bassi

  • Emorragia
  • Trombofilia
  • Tumore

Valori Alti

  • Afibrinogenemia
  • Carenza di vitamina K
  • Cirrosi
  • Coagulazione intravascolare disseminata
  • Danno al fegato
  • Deficienza fattori di coagulazione
  • Disfibrinogemia
  • Distacco di placenta
  • Emodialisi
  • Emofilia
  • Intervento cardiaco
  • Ipoprotrombinemia
  • Malassorbimento
  • Malattia di von Willebrand
  • Terapia con eparina
  • Trasfusione autologa

(Attenzione, elenco non esaustivo. Si sottolinea inoltre che spesso piccole variazioni dagli intervalli di riferimento possono non avere significato clinico.)

Fattori che influenzano l'esame

Molti farmaci, tra cui alcuni in vendita in farmacia senza ricetta, possono alterare i risultati dell’esame del tempo di tromboplastina parziale attivata (aPTT).

Per eseguire quest’esame non occorre una preparazione specifica, tuttavia la lipemia (quantità di grassi nel sangue) può interferire con la misurazione fotoelettrica della formazione dei coaguli, quindi i campioni devono essere prelevati a digiuno.

Se al paziente viene somministrata l’eparina tramite iniezioni intermittenti, il campione deve essere prelevato da mezz’ora a un’ora prima dell’iniezione, mentre se l’eparina è somministrata in infusione continua il campione può essere prelevato in qualsiasi momento.

Diversi farmaci possono far aumentare il tempo di coagulazione, come gli antistaminici, l’acido ascorbico, la clorpromazina, l’eparina e i salicilati (aspirina).

Quando viene richiesto l'esame

L’esame di PTT o aPTT viene richiesto nei casi seguenti:

  • emorragia o formazione di lividi frequenti o con cause non accertate,
  • episodi di trombosi o aborti spontanei ricorrenti,
  • valutazione dell’efficacia di una terapia farmacologia (ad esempio dell’eparina non frazionata),
  • valutazione dell’integrità della via intrinseca e di quella comune,
  • prima di un intervento chirurgico (se il paziente ha dei precedenti di emorragie o lividi di origine sconosciuta),
  • nella diagnosi del lupus anticoagulante e della sindrome antifosfolipidi,
  • nel quadro delle analisi della coagulazione.

Preparazione richiesta

Non è necessaria alcuna preparazione al test, tuttavia un pasto ricco di grassi prima del prelievo di sangue può causare interferenze con il test e dovrebbe essere evitato; è quindi di norma consigliato il prelievo a digiuno.

Altre informazioni

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro, traduzioni a cura della Dr.ssa Elisa Bruno (fonti principali http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill)

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

  1. Piccola scrive il

    Buona sera, e grazie per l’aiuto.
    Sono peruviana ho 33 anni e vorrei avere un bambino in futuro ma pur tropo ho un po di problemi con la ptt e non ho mai presso la pillola, adesso vi do i miei valori dal 2009 fino adesso, per favore mi dica se ho qualcosa grazie.

    2009: MCHC 33,7 g/dl 2011: MCHC 34,1 g/dl novembre 2013: MCHC 34,2 g/dl

    2009: RDW-SD 43,4 fl. novembre 2013: RDW-SD 42,2 fl

    2009: PLT 251 *10^3/ul. 2011: PLT 261 *10^3/ul. Novembre 2013: PLT 304 *10^3/ul.

    2009: RDW-CV 13,4 %. 2011 RDW-CV 12,9 %. novembre 2013: RDW-CV. 13,0 %

    Tempo di protombina Attivita protrombinica 2011: 79 %

    Tempo di protombina Attivita protrombinica 2013: 91

    INR. anno 2011: 1,14. INR. anno 2013: 1,04

    anno 2011: aPTT : 41,5 sec. anno 2013: aPTT : 38,9 sec

    anno 2011: aPTT Ratio. 1,34. anno 2013: aPTT Ratio : 1.26

    anno 2011: Antitrombina III : 86 %

    anno 2011: aPTT corretto: 34.96 % anno 2013: aPTT corretto : 33.64%

    anno 13/03/2014 : pt % 85. Pt INR 1.10

    Ptt secondi : 43.9. Ptt Ratio. 1.29

    Folati : 11.2. Vitamina b12 : 544

    Grazie.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Mi dispiace, ma sinceramente fatico a capire l’ordine degli esami.

    Rispondi
  2. Piccola scrive il

    Mi dispiace, l’ultimo essame che ho fatto è questo:
    Tempo di protrombina.
    PT= 85%
    PT INR = 1.10

    Tempo di tromboplastina parziale
    PTT secondi = 43.9
    PTT ratio = 1.29 , grazie.

    Rispondi
  3. Piccola scrive il

    Tempo di protrombina.
    PT= 85%. Valori di riferimento = 70.0. – 120.0
    PT INR = 1.10. Valori di riferimento = 0.74 – 1.25
    T.A.O. : 2.0 – 4.5

    Tempo di tromboplastina parziale
    PTT secondi = 43.9. Valori di riferimento = 28.0 – 40.0
    PTT ratio = 1.29 , grazie. Valori di riferimento = 0.80 – 1.20

    Piastrine = 263. Valori di riferimento = 130 – 390
    Vitamina B12 = 544. Valori di riferimento = normale 250 – 910. Carente 32 – 210
    Folati = 11.2 Valori di riferimento = 4.0 – 20.0
    Grazie.

    Rispondi
    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Limitatamente a queste ultime analisi non mi sembra, ma il suo medico potendo valutare la situazione nel complesso sarà più preciso.

    Rispondi
  4. Rispondi
  5. rosy 89 scrive il

    salve dottore sono incinta di 37+2 e quindi imminente al parto!!!! Ho fatto gli esami di coagulazione ed è venuto fuori il PTT a 23,30 e i valori normali sono 25,4-38,4!!!! E nell’emocromo PDW a 20,5 e i valori normali sono 0- 20!!!! Mi devo preoccupare??? Il ginecologo al momento non mi risponde al telefono!!!!

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Il PDW è a mio avviso insignificante, mentre il PTT merita qualche attenzione in più ma potrebbe essere una variazione indotta dalla gravidanza; lo segnali in ogni caso al ginecologo.

      Mi tenga al corrente.

    2. Anonimo scrive il

      sono riuscita a mettermi in contatto con il ginecologo e mi ha detto ke non è nulla di allarmante dato ke gli altri valori sono tutti nella norma!!!! La ringrazio e buona pasqua!!!!!

    Rispondi
  6. Anonimo scrive il

    Buongiorno, vorrei cortesemente un Suo parere.
    Con i seguenti valori delle analisi del sangue c’è qualche controindicazione nell’assumere la pillola anticoncezionale? Sono valori preoccupanti?
    PT 10,8 secondi (non sono presenti i valori di riferimento nel referto),
    PT Attività protrombinica in % 114% (70 – 110%),
    PT INR 0.93 (non sono presenti i valori di riferimento nel referto).
    PTT 27 secondi (26 – 37 secondi),
    PTT 0.9 Ratio (0.8 – 1.20).
    La ringrazio.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Siamo un po’ al limite su alcuni valori, ma non me la sento di esprimere un giudizio sulla possibilità di assumere la pillola.

    Rispondi
  7. Anonimo scrive il

    Buongiorno dottore…devo fare intervento adenoma stomaco …valori :tempo di protrombina sec percentuali INR…..10.8secondi; 101 percentuale; INR0.97 i valori di riferimento sono (70-120) e (0.80-1.20). Tempo di trombo piastrina secondi 31.8 ( valori di riferimento 22.0-35.0) piastrine 177 e fibrinogeno 318 globuli bianchi 9.0 e globuli rossi 4.61.. Vanno bene dottore grazie mille

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Valori di riferimento di piastrine, fibrinogeno, globuli bianchi e rossi?

    Rispondi
  8. Anonimo scrive il

    Fibrinogeno 318(valori riferimento(200-400)piastrine177(valore rif 140-400)globuli bianchi 9.0(valori rif4.00-10.00)globuli rossi4.61(4.50-5.90)emoglobina 10.7(rif 13.0-17.0)ematocrito33.6(39.0-50.0) questi sono i valori che mi ha chiesto in base al messaggio precedente che le ho mandato..sono uomo di 75 anni …cordiali saluti

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Sono un po’ basse piastrine ed emoglobina, ma non dovrebbero compromettere l’intervento.

    Rispondi
    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Valori di riferimento del suo laboratorio?
      Ha anche l’INR?

    Rispondi
  9. maria antonietta scrive il

    salve dottore mi chiamo maria antonietta,sono una mamma di 33 anni ho 2 bambini.nel 2012 mi è stata diagnosticata la ptt di tipo acquisito
    la sera in cui sono stata ricoverata mi è stato proposto di aderire ad una terapia sperimentale che utilizzava un nano anticorpo con il nome abilynx con protocollo cieco tipo 1.il nome preciso non lo so scrivere non lo ricordo ma abilynxz potrebbe essere.
    dopo le plasmaferesi associate a questo farmaco i miei valori si sono stabilizzati e poco per volta sono rientrati nella norma.
    vorrei conoscere attraverso di lei altre persone che hanno potuto usufruire come me di questo farmaco per scambiarci opinioni sull’argomento.
    dubbi se ho fatto la scelta giusta corrono nella mia mente ma penso che dare la possibilità ai medici di provare un rimedio con un nuovo farmaco sia il minimo che io potessi fare per chi verrà dopo di me.
    di sicuro ci saranno altre persone che si ammaleranno di questa malattia ma sapere che si può avere un arma in più per combatterla mi rende orgogliosa di aver fatto la scelta giusta.
    grazie per la sua disponibilità….

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Purtroppo non conosco il farmaco in questione, ma non posso che esprimerle tutta la mia stima per la scelta fatta.

    Rispondi
  10. Silvia scrive il

    Salve dottore, dovrò effettuare un’isteroscopia operativa per rimuovere un setto uterino. il mio ginecologo, su suggerimento del dottore che effettuerà l’isteroscopia, mi ha consigliato di prendere la pillola Kipling, per poter effettuare l’intervento il prima possibile (le liste di attesa sono lunghe e l’essere chiamata nel periodo “giusto” del ciclo, senza assumere la pillola, sarebbe stato, a detta del dottore, più difficile).
    Le scrivo perché sono alquanto sfiduciata e preoccupata: il ginecologo mi ha prescritto la pillola per e-mail, senza prescrivermi alcuna analisi e senza vedere le ultime, che comunque risalgono ad ottobre 2013 (ho 37 anni, sono in cerca di una gravidanza e non ho mai assunto alcuna pillola). Le riporto di seguito i valori di quelle analisi relative alla coagulazione e aspetto di conoscere il suo pensiero:

    aPTT Ratio 0,7 (0,8 – 1,2)
    Antitrombina III attività 92 % (70 – 120)
    Proteina C 88 % (70 – 130)
    Proteina S libera 74 % (60,1 – 113,6)
    INR 1,0 (0,8 – 1,2)
    Tempo di tromboplastina parziale 21 sec (25 – 33)
    Omocisteina 7,4 (5,0 – 12,0)

    La ringrazio.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Mi sembra tutto bene, ma credo che al suo posto valuterei con il medico di base di fare qualche indagine di conferma, eventualmente anche a pillola iniziata.

    Rispondi
  11. Silvia scrive il

    La ringrazio dottore. Ma eventualmente, difronte a valori come questi, in alcuni casi più bassi rispetto a quelli di riferimento, non c’è da preoccuparsi?

    Rispondi
  12. Vanessa scrive il

    Salve,
    Premetto che sn
    Una ragazza di 26 anni e da anni ho sempre piccole cisti all inguine o nel sedere( che compaiono prima del ciclo e poi pian piano vanno via) ma nell ultimo mese nonostante la cura cn antibiotico e cortisone sn rimaste e sn molto grosse….in più negli ultimi mesi ho avuto sonnolenza e stanchezza senza motivo e ogni volta che mi grattavo o mi toccavo mi spuntavano enormi lividi…mi convinco a fare i controlli esami del sangue normali tutto ok ..vado dal ginec e mi dice tutt ok sarà un eccesso ormonale…ma mi
    Consiglia d fare gli esami
    Della tiroide (che
    A gg farò…sperand che passi il ciclo visto che è presente da ben8 gg) e ho fatt un mesett fa altro esami.consigliat dal medico sull attività protrombinica… Tutti ok diciamo nella norma tranne fv willebrand che ha un valore d 56 invece dovrebb essere tra 80 e 120 e il dottore m disse tranquilla ma devi portarlo cn te sempre nn si sa mai un incidente una gravidanza saprai che hai probl d coagulazione …ora io mi domando sicuro dev star tranwuilla io ho strane sensazioni
    Come se nessun è riuscit a capire cosa ho perch io sto un realtà male…h dolori inguinali forti e fitte all altezza delle ovaie in più nn h mai avut puntine nel corpo e adess m sn spuntat in viso e sn sempre stanca dormirei sempre …cosa m succede internet m fa solo allarmare dicon che cn quest valori puoi avere un emoragia in atto o un tumore ..ma come posso escludere queste possib cn qual esami …dimenticavo i valori delle piastrine sn sempre alti e in più questa volta i globuli bianchi bassi

    Rispondi
    Rispondi
    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      In assenza di altri valori anomali della coagulazione probabilmente verrà considerato “ballerino” anche questo risultato, ma non particolarmente indicativo di problemi.

    Rispondi
  13. cristina scrive il

    salve volevo chiedere informazione riguardante degli esami della coagulazione io ho dovuto fare questi esami perché hanno riconosciuto questa malattia a mio padre e quindi hanno voluto verificare se io e mio fratello avessimo questa malattia i risultati sono i seguenti
    COAGULAZIONE
    fattore XI 49%
    fattore XII 51 %
    valori di riferimento (70-120)
    vorrei sapere che cosa significa, grazie mille :)

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Di che malattia parliamo?
      I valori di riferimento sono uguali per entrambi i fattori di coagulazione?

    2. Anonimo scrive il

      si sono uguali e vorrei sapere questi risulti cosa significano ce sono molto bassi
      grazie

    Rispondi

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.