Link sponsorizzati

Valori Normali

  • ALT (Fonte: Mayo)
    • Uomini 7-55 U/l
    • Donne 7-45 U/l
  • AST (Fonte: Mayo)
    • Uomini 1-13 anni: 8-60 U/l
    • Uomini adulti: 8-48 U/l
    • Donne 1-13 anni: 8-50 U/l
    • Donne adulte: 8-43 U/l

(Attenzione, gli intervalli di riferimento possono differire da un laboratorio all'altro, fare quindi riferimento a quelli presenti sul referto in caso di esami del sangue ed urina.)

Descrizione

Le transaminasi sono enzimi deputati a catalizzare reazioni biochimiche sugli amminoacidi; pur essendo una famiglia decisamente numerosa, i più utilizzati in medicina sono due

  • alanina aminotransferasi (ALT), chiamata anche glutammato-piruvato transaminasi (GPT).
  • aspartato aminotransferasi (AST), anche conosciuta come glutammato-ossalacetato transaminasi (GOT),

Entrambi sono presenti soprattutto nel fegato e solo in tracce nel sangue, ma in caso di danni epatici la loro concentrazione nel torrente circolatorio aumenta in modo significativo.

L’aumento della quantità degli enzimi epatici spesso emerge durante analisi del sangue di routine, ma nella maggior parte dei casi i livelli sono solo lievemente e temporaneamente elevati, non associati cioè a situazioni preoccupanti.

Interpretazione

In condizioni di salute ALT è in concentrazione minore di AST, mentre in caso di danno epatico la prima transaminasi diventa pari o superiore alla seconda (fanno eccezione malattie dovute all'alcool, cirrosi e tumori). Se AST è il doppio o più di ALT è probabile che il danno sia causato dall'abuso di alcool.

Un valore di AST elevato in presenza di un valore normale di ALT indica un fegato sano ed un danno in un organo diverso od emolisi.

ALT (GPT)

ALT è presente principalmente nelle cellule epatiche (del fegato). Durante un'epatite virale ed altre forme di malattia epatica i livelli nel sangue iniziano ad aumentare anche prima della comparsa dei segni clinici e dei sintomi della malattia.

Anche le concentrazioni di AST superano i valori normali diventando alti, ma ALT è un enzima epatico più specifico (proviene quasi esclusivamente dal fegato) ed i cui valori persistono più a lungo.

I valori sono considerati davvero preoccupanti quando superano di almeno 10 volte i valori normali, ma possono raggiungere concentrazioni anche 100 volte superiori.

AST (GOT)

L'aspartato aminotransferasi (AST) si trova in alte concentrazioni nel fegato, cuore, muscoli e reni; valori alti possono essere riscontrati anche in caso di infarto, oltre che di danni al fegato.

I valori sono considerati davvero preoccupanti quando superano di almeno 10 volte i valori normali, ma possono raggiungere concentrazioni anche 100 volte superiori.

Valori superiore di circa due volte ai limiti normali potrebbero indicare un problema ostruttivo.

I livelli di AST iniziano ad aumentare prima della comparsa dei segni e sintomi clinici di malattia. Incrementi da cinque a dieci volte i valori normali di entrambe le transaminasi (GOT e GPT) si verificano in pazienti con carcinoma primario o metastatico del fegato, con AST di solito maggiore di ALT, anche se purtroppo i valori sono spesso normali nelle prime fasi di infiltrazione maligna del fegato.

Valori Bassi

  • Beriberi
  • Chetoacidosi diabetica
  • Emodialisi
  • Gravidanza
  • Uremia

Valori Alti

  • Cirrosi
  • Colestasi
  • Distrofia muscolare
  • Eclampsia
  • Emolisi
  • Epatite
  • Gangrena
  • Infarto
  • Infarto polmonare
  • Infiammazione muscolare
  • Insufficienza cardiaca congestizia
  • Ipertermia maligna
  • Ischemia epatica
  • Malattie renali
  • Metastasi fegato
  • Metastasi ossee
  • Mononucleosi
  • Necrosi del fegato
  • Obesità
  • Ostruzione biliare
  • Pancreatite
  • Shock
  • Sindrome di Reye
  • Trauma
  • Trauma cranico
  • Tumore al fegato
  • Tumore alla prostata
  • Ustioni

(Attenzione, elenco non esaustivo. Si sottolinea inoltre che spesso piccole variazioni dagli intervalli di riferimento possono non avere significato clinico.)

Fattori che influenzano l'esame

Molti farmaci possono essere causa di aumento dei valori, per la loro più o meno leggera azione epatotossica.

Anche il consumo frequenti di pasti presso i fast-food può essere causa di aumento dei valori.

La gravidanza può invece far diminuire i valori di AST.

Quando viene richiesto l'esame

L'esame può essere richiesto come screening, in caso di sospetto di malattia al fegato:

  • ittero,
  • affaticamento,
  • nausea,
  • vomito,
  • urine scure,
  • feci di colore pallido,
  • prurito,
  • ascite,
  • disturbi mentali,
  • abuso di alcool,
  • overdose di paracetamolo (Tachipirina®),
  • storia familiare di malattie del fegato,
  • esposizione al virus dell'epatite.

oppure per monitorare l'andamento di una malattia già diagnosticata, ad esempio:

  • uso di farmaci potenzialmente epatotossici,
  • epatite,
  • malattie del fegato indotte da alcol,
  • cirrosi,
  • steatosi epatica,
  • insufficienza epatica,
  • emocromatosi.

Preparazione richiesta

Non è richiesta alcuna preparazione specifica.

Altre informazioni

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro, traduzioni a cura della Dr.ssa Elisa Bruno (fonti principali http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill)

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

  1. Luigi scrive il

    Buonasera dottore, ho trovato la sua pagina cercando il significato di alcuni valori, pertanto se possibile vorrei chiederle un parere.
    Ho ritirato oggi gli esami del sangue richiesti da me per fare una sorta di check up, dato che da luglio scorso mi sono messo a dieta ferrea e a fare palestra costantemente tutti i giorni, così in questi mesi sono passato da 130kg a 90kg. Chiaramente avendo fatto tutto da solo, era meglio un controllo.
    Ho 28 anni, 1,87 e oggi peso 87kg.
    Secondo i range i risultati sono tutti a posto tranne alcuni di poco.
    Il colesterolo hdl è 36 (rif. >55)
    Colesterolo totale 112, questo è ok.
    Rdw-Sd 45,3 (rif. 38,7-45,1)
    Ast 37 (rif. 0,0-40,0)
    Alt 46 (rif. 0,0-40,0)
    Per il resto è tutto ok, salvo sue richieste per eventuali valutazioni.
    Gli ultimi esami fatti quando ero molto sovrappeso, 4 anni fa, mi davano colesterolo hdl sempre basso 37
    Mentre colesterolo totale era 190
    Alt era 27 Ast era 21.
    Aggiungo per aiutarla che nella settimana precedente agli esami ho assunto per 7gg diclofenac per male alla cervicale (2x75mg al giorno) e qualche spidifen 2 o 3.
    Nei 4/5 giorni prima dell’esame invece non ho fatto palestra, solo qualche bagno turco o sauna.
    Scusi se mi sono dilungato, grazie per la disponibilità che offre. Saluti.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Con un totale così basso il colesterolo HDL a 36 non è assolutamente un problema.
      RDW non credo che sarà considerato un problema, così come la leggera alterazione dell’ALT che potrebbe essere stato influenzato dall’antinfiammatorio o dall’esercizio fisico.

      Ovviamente ultima parola al medico.

    Rispondi
  2. massimiliano scrive il

    Buongiorno Dottore,avrei anchio una piccola domanda:
    mi sto curando da circa 20 gg per una tromboflebite superficiale alla gamba dx, sto assumendo amoxicillina+ ac clavulanico 1 cpr x 3 di per 6 gg e sto continuando le iniezioni di seleparina 0.8 1 fl,1 al di da circa 25 gg.
    mi hanno riscontrato il valore ALT superiore alla norma 114 U/L 10-65.
    cosa potrebbe aver causato questo,considerato che non bevo,non fumo e non faccio uso di nessun tipo di stupefaciente.?
    probabilmente dovuto alla assunzione di questi o altri farmaci?
    spesso uso l’Enantium o l’OKI TASK per le emicranie forti che mi vengono a giorni.
    grazie per la disponibilita

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Sì, una spiegazione plausibile può essere trovata in un uso frequente degli antinfiammatori.

    Rispondi
  3. Lori scrive il

    Buonasera dottore, sono alla 32 settimana di gravidanza e ho il diabete gestionale quindi sto facendo l’insulina Lantus 7 ui la sera e sto seguendo una dieta molto rigida. Ma il quesito che le pongo è in merito alle transaminasi che ho ritirato oggi, perché risultano alte got 49 e gpt 99 la ginecologa mi ha detto di ripetere l’esame martedì ma nel frattempo sono molto in pensiero per me ma sopratutto per la bimba. Cosa potrebbe essere e quali conseguenze può avere? La ringrazio anticipatamente per la risposta.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Non sono valori allarmanti, al momento a mio avviso non ci sono rischi particolari per la bimba.

    Rispondi
  4. Rinsldo scrive il

    Buonasera! Ho ritirato le analisi del sangue ho trovato i valori di alt-Gpt a 78 il riferimento è 7-55 e il colesterolo totale a 261,mi devo preoccupare?grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Serve sicuramente maggior attenzione alla dieta, ma raccomando prima di tutto di verificare il referto con il medico.

    Rispondi
  5. Mar scrive il

    Buongiorno dottore anch’io ieri ho ritirato gli ultimi esami e o riscontrato che i valori ast erano 32 e i valori alt 33 tenga presente che i valori di riferimento dove ho fatto il prelievo sono 10-31 . Cosa posso pensare di questa cosa tenga presente che da qualche anno assumo una pastiglia per problemi di pressione , in più ho anche i linfociti lievemente più bassi (23,3 ).eta 46 anni e donna . Grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      A mio avviso può stare tranquilla, ma ovviamente l’ultima parola spetta al medico.

    Rispondi
  6. Sofia scrive il

    Salve dottore mi chiamo Sofia…il mio fidanzato in due anni ha fatto le analisi ed entrambi hanno rilevato le transaminasi a 49 e le altre scusate l ignoranza a 131…probabile epatite?…avendo avuto rapporti con lui per sei anni le mie analisi sono perfette….quale spiegazione può darmi?…sono preoccupata…grazie mille aspetto sue notizie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Mi perdoni, ma onestamente non ho capito molto… Mi segnala risultato e valori di riferimento, specificando a che parametri fanno riferimento?

    Rispondi
  7. Anonimo scrive il

    Ora non ho le analisi come riferimento….ricordo alt 49 e ast 131
    ..come valori

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Improbabile che sia epatite, ma certamente il 131 va approfondito con l’aiuto del medico.

    Rispondi
  8. Anonimo scrive il

    Di fatto domattina dovrà fare delle analisi specifiche prescritte dal dottore per epatite b e altre che non ricordo….sono preoccupata essendo che ha avuto in passato molti “contatti” …tra l altro prende anche degli antideprrssivi anche se aveva dapprima quei risultati delle analisi.

    Rispondi
  9. Carolina scrive il

    Dr. Bona sera… Ho retirato i mie resultati .. sono cosi:
    HDL COLESTEROLO 34 TRIGLICERIDI 189

    TRANSAMINASI (SIERO) GOT-GTP
    AST 55 ALT 70

    DOVRO PREOCUPARME… GRAZIE

    Rispondi
  10. Gennaro scrive il

    Dottore è uscito GOT un po alterato doveva essere fino a 37 U/l è uscito 84 e GPT Fino a 40 è uscito 197 U/l forse perché stavo prendendo delle tachipirine prima di fare le analisi? Che vuol dire?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Potrebbe aver inciso, ma a mio avviso da sola non spiega i valori così elevati che andranno quindi verificati con il medico.

    Rispondi
  11. Gennaro scrive il

    Forse perché tempo fa sono stato infetto da citomegalovirus igg positivo igm negativo incide su questo?

    1. Gennaro scrive il

      Non si sa quanto tempo fa so solo che è un infezione passata quando l igg è positivo e igm negativo comunque l ho presa ed era se non sbaglio <1000 abbastanza elevato.

    Rispondi
  12. Sabrina scrive il

    Scusi dottore
    Riporto le mie analisi
    Gpt: 9 (valore normale da 1 a 36)
    Got: 6 (valori da 1 a 31)
    Creatinina 0,84 (da 0,7 a 1,2)
    Alfa amilasemia 83 (valore da 0 a 96)
    Lipasi 29 (valore <60)
    Colesterolo 232
    Hdl 58
    Ldl 165
    Trigliceridi 74
    Il medico dice che secondo lui è' colesterolo da infiammazione perché mangio poco e sono in peso forma tra l'altro non mangio latticini ne insaccati ne pasta ne pane
    Vado su verdura frutta cereali integrali riso rosso integrale latte vegetale senza zucchero perché non mangio dolci
    Mi ha dato olio di perilla cioè omega3 di origine vegetale per curare infiammazione eventuale e ridurre il colesterolo

    Alfa amilasemia 83 secondo lei è' troppo vicino al limite oppure non ha significato nel senso che l'importante è' che sia sotto il valore massimo?
    Come le sembrano le analisi?
    Grazie mille

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      L’amilasemia a mio avviso va bene; famigliari con colesterolo alto?

    2. Sabrina scrive il

      Si colesterolo sua mamma che papà
      Mia mamma però con alimentazione adesso sta bene il colesterolo è’ 190 a lei
      Ho paure che si formano delle placche nelle arterie ma davvero non mangio nulla. Sono quasi sotto peso
      Intanto olio di perilla e vediamo se tra un mese va bene perché il medico dice che le statine già così giovane con un colesterolo non alto è’ meglio evitare

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Probabilmente non è un problema di alimentazione, ma genetico.

    4. Sabrina scrive il

      Ok
      Intanto prendo olio di perilla e inizio ad andare in bici vediamo tra un mese se i valori scendono
      Grazie mille

    Rispondi
  13. Francesco Fisco scrive il

    Salve dott.re le riporto di seguito i valori che si sono riscontrati con il prelievo del sangue:
    Colesterolo 168 (60 – 200)
    trigliceridi 137 (30 – 150)
    albumina 4,3 (3,4 – 5)
    got/ast 36 (10 – 36)
    gpt/alt 103 (25 – 65)
    gamma gt 54 (10 – 75)
    amilasi 58 (25 – 115)
    potassio nel
    siero 3,5 (3,5 – 5,1)
    psa totale 5,6 (0,0 – 4,0)
    fT3 3,12 (2,18 – 3,98)
    fT4 0,75 (0,76 – 1,46)
    TSH 1,72 (0,36 – 3,74)

    EMOGLOBINA 15
    EROTRPCOTO 5,16
    EUSINOFILI 7,2

    Volevo sapere da lei come posso fare per far scendere il valore del GPT/ALT, è da parecchi anni che è cosi alto, faccio uso ogni tanto di anti dolorifici come OKI per emicrania, in più ad un’ecografia mi hanno detto che ho il fegato un pò steatosico. Non bevo alcolici, non fumo e faccio un alimentazione sana con qualche eccesso di formaggi. Sono un Uomo di 37 anni.
    Attendo sue notizie grazie.

    Rispondi
  14. antonia58 scrive il

    giorni fà sono andata al pronto soccorso per dei dolori allo stomaco e alla schiena, devo premettere che ho una gastrite cronica e un ernia iatale e prendo pantaprazolo da ottobre da 20 prenzo e cena, cmq anche cosi nn digerisco, devo mangiare spuntini per tutta la giornata per stare bene, . al pronto soccorso mi hanno fatto delle alnalisi ed è risultato che la transaminasi è di 107 considerando che già da 27 anni nn ho la colecisti , può dirmi a cosa è dovuto la transaminasi lievemente alia? grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Difficile dirlo con certezza, sono numerose le cause possibili e non ultimo il pantoprazolo.

    Rispondi
  15. Nicola scrive il

    Buongiorno, negli ultimi esami del sangue fatti ad una donazione l’ALT è risultato leggermente alto 68U/L. Io sono iperteso e prendo Losartan 50mg. può dipendere da quello? Tutti gli altri valori sono normali. Colesterolo Totale 210 mg/dl

    Rispondi

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.