Marker tumorali

Digita le prime lettere dell'esame che stai cercando nella casella di ricerca qui sopra, filtrerai così gli esami fino a trovare quello che cerchi.

  • Alfafetoproteina:

    L’alfa-feto proteina (AFP) è una proteina prodotta soprattutto dal fegato del feto e, nelle donne in gravidanza, dal sacco vitellino, la parte dell’embrione simile al tuorlo delle uova degli uccelli. Nell’uomo e nelle donne non incinte l’AFP è presente nel sangue solo in quantità minime, mentre nelle donne in gravidanza i valori crescono gradualmente fino (Continua a leggere)

  • Beta HCG:

    La gonadotropina corionica umana (hCG) è un ormone glicoproteico composto da 2 sub-unità: la sub-unità alfa è sostanzialmente identica a quella dell’ormone luteinizzante (LH), dell’ormone follicolo-stimolante (FSH) e dell’ormone stimolante la tiroide (TSH). Gli esami del sangue comunemente usati per la gravidanza cercano invece la sub-unità beta, in quanto nei diversi ormoni viene trascritta da (Continua a leggere)

  • CA 15-3:

    Il carcinoma della mammella è il tumore più comune nelle donne. Ogni anno viene diagnosticato a più di un milione di donne nel mondo e nei soli Stati Uniti è causa di 40000 morti l’anno circa. Con l’uso della mammografia come strumento di screening e un continuo miglioramento delle cure disponibili i tassi di mortalità sono in (Continua a leggere)

  • CA 19-9:

    Il CA 19-9 (antigene carboidratico 19-9 o GICA) è una proteina presente sulla superficie di alcune cellule tumorali. Il CA 19-9 non causa il tumore, ma è presente nelle cellule tumorali, quindi è utile come marcatore per seguire il decorso della malattia. Di per sé non è sufficientemente specifico (ossia è possibile rilevarne un aumento (Continua a leggere)

  • CA 125:

    L’esame del CA 125 misura la quantità di questa proteina presente nel sangue. Non si sa con certezza quale sia la funzione, ma è stato dimostrato che si trova sia nei tessuti benigni sia in quelli maligni. L’aumento può essere causato da molte patologie e situazioni diverse, tra cui ricordiamo: fibromi uterini, endometriosi, malattia infiammatoria (Continua a leggere)

  • CEA:

    Un marcatore tumorale è una sostanza che può essere isolata nel sangue o nell’urina di un paziente affetto da tumore, perchè prodotta del tumore stesso, oppure prodotta dall’organismo in risposta alla presenza delle cellule cancerose. Sono sostanze utili per: Screening e diagnosi del cancro, Stadiazione del tumore, Scelta e pianificazione del trattamento, Dopo l’intervento chirurgico, (Continua a leggere)

  • DHEA:

    Il DHEA (diidroepiandrosterone) è un ormone steroideo a 19 atomi di carbonio ed è uno dei tre androgeni (DHEA, DHEA-S, androstenedione) prodotto dalle ghiandole surrenali. Nel sangue è presente anche sotto forma di solfato come riserva circolante, mentre nei tessuti periferici viene convertito in un altro androgeno (testosterone, o diidrotestosterone) oppure in un estrogeno. Negli (Continua a leggere)

  • HE4:

    L’HE4 (Human Epididymis Protein 4) è una proteina identificata per la prima volta nell’epididimo, la parte del testicolo che fa da serbatoio per gli spermatozoi. Ricerche successive hanno tuttavia scoperto che l’HE4 è prodotto anche nell’apparato riproduttore femminile, da alcuni tipi di tumore all’ovaio, e da lì raggiunge il sangue. Il tessuto ovarico sano non (Continua a leggere)

  • HER2/neu:

    In caso di diagnosi di tumore al seno, lo specialista potrebbe decidere di ordinare diversi esami di laboratorio per caratterizzare la malattia e poter quindi valutare meglio percorso terapeutico e prognosi. Tra i test più comunemente richiesti in questi casi troviamo il test HER2/neu, il cui risultato permette di decidere la cura più efficace. Prima (Continua a leggere)

  • Inibina:

    L’inibina B è un ormone prodotto, nell’uomo, dalle cellule del Sertoli dei testicoli e, nella donna, in particolare durante l’età fertile, dalle cellule della membrana granulosa delle ovaie: in entrambi i sessi l’ormone inibisce la produzione dell’ormone follicolostimolante (FSH) secreto dall’ipofisi. Se il livello dell’inibina B diminuisce, aumenta quello dell’ormone FSH, e viceversa. L’ormone FSH (Continua a leggere)

  • NSE:

    L’enolasi è un enzima glicolitico che catalizza diverse reazioni chimiche. L’enolasi neurone specifica (NSE) è il tipo di enolasi più diffuso nei tessuti neuronali e neuroendocrini: negli altri tessuti dell’organismo è praticamente inesistente, quindi si può dire che è specifico per questi due tipi di tessuti. Proprio per questa specificità, la concentrazione dell’NSE nel siero (Continua a leggere)

  • PAP-test:

    Quasi tutti i casi di tumore al collo dell’utero sono causati dalla presenza del papilloma virus (HPV); esistono molti ceppi di questo virus, ma i principali responsabili di questo grave problema di salute sono i 12 ad alto rischio. Questi virus sono inoltre responsabili di tumori all’ano, vaginali, al pene e alcuni tipi di cancro dell’orofaringe (Continua a leggere)

  • Prolattina:

    La prolattina è un ormone secreto dall’ipofisi dietro stretto controllo dell’ipotalamo. È chimicamente simile all’ormone della crescita (GH), ma ha effetti quasi completamente diversi. La produzione è regolata da diversi stimoli, ma tra i più importanti ricordiamo la dopamina, che ne riduce la produzione. I principali e meglio studiati effetti dell’ormone sono la regolazione della (Continua a leggere)

  • PSA free e ratio:

    Di norma richiesto insieme al PSA totale, il free PSA (o PSA libero o fPSA) rappresenta una parte dell’antigene prostatico specifico circolante, in particolare la frazione che non risulta essere legata a proteine di trasposto. L’utilità di questo test nasce dall’osservazione per cui in condizioni benigne, come l’ipertrofia prostatica, aumenta prevalentemente la quota libera, mentre (Continua a leggere)

  • PSA totale:

    Il test del PSA è un esame usato principalmente come screening per il tumore della prostata, una ghiandola che si trova sotto la vescica degli uomini. L’obiettivo è la misurazione della quantità di antigene prostatico specifico nel sangue, una proteina prodotta dalla prostata e presente soprattutto nello sperma, con la funzione mantenere fluido il seme (Continua a leggere)

  • Sangue occulto nelle feci:

    In condizioni normali lo stomaco e l’intestino perdono una quantità di sangue minima durante la digestione, quindi la presenza nelle feci è trascurabile e non è rilevabile dall’esame del sangue occulto. Quando sono presenti polipi, cioè le piccole sporgenze simili a dita all’interno dell’intestino o del retto, questi possono essere fragili e sanguinare, ad esempio (Continua a leggere)

  • TPA:

    Il TPA (antigene polipeptidico tissutale) è una proteina che si trova nel sangue, prodotta dalla placenta e da altri tipi di tessuti, sia durante la proliferazione cellulare che in caso di proliferazione tumorale. Questa molecola è quindi usata come marcatore tumorale per il controllo e il monitoraggio di diversi tipi di tumore che si originano (Continua a leggere)

  • Tumore al colon-retto: sintomi, sopravvivenza e cause:

    Introduzione Causa Fattori non modificabili Fattori modificabili Sintomi Complicazioni Sopravvivenza Diagnosi Cura Prevenzione Introduzione Il colon è l’ultima parte dell’apparato digerente; forma una sorte di cornice attorno alla massa dell’intestino tenue e si suddivide da destra a sinistra in: colon ascendente, colon trasverso, colon discendente, sigma e retto. Questi ultimi due segmenti sono contenuti all’interno del (Continua a leggere)