Febbre e temperatura corporea: quali i valori normali?

Valori Normali

Negli esseri umani la temperatura corporea normale è pari a circa 37 °C, ma a seconda delle fonti si segnalano valori anche leggermente diversi, a testimonianza di una leggera variabilità individuale.

A livello medico ed accademico è in genere usato il valore di 36.8° ± 0.4°C per misurazioni effettuate in bocca (Fonte: Harvard), ma questo non  significa che sia il valore corretto per ogni essere umano.

Secondo Wikipedia sono inoltre considerate normali le seguenti temperature:

  • Interna (ano-rettale, vagina ed orecchio):  37.5 °C
  • Esterna (ascella, inguine) 36.5 °C

Non esiste quindi un valore unico considerato come normale, ma questo può leggermente variare a seconda del soggetto, dell’attività in corso, dell’ambiente, …

Molto in generale, si definisce quindi “febbre” una temperatura superiore a quella normale.

(Attenzione, gli intervalli di riferimento possono differire da un laboratorio all'altro, fare quindi riferimento a quelli presenti sul referto in caso di esami del sangue ed urina.)

Descrizione

La temperatura corporea è un parametro di fondamentale importanza nella valutazione dello stato di salute di adulti e bambini; le reazioni metaboliche alla base della vita possono verificarsi correttamente solo in un ristretto intervallo di temperatura ed è per questo motivo che è così importante che i valori rimangano sempre più vicini possibili a quelli normali.

Quando si verificano variazioni di temperatura indotte dall’esterno, l’organismo cerca ripristinare la situazione iniziale attraverso:

  • contrazioni muscolari (brividi e tremori) e variazioni del metabolismo cellulare per aumentare la produzione di energia quando serve aumentare la temperatura, in caso di ipotermia,
  • oppure attraverso vasodilatazione e sudorazione per cercare di disperdere il calore e ridurre i valori in caso di temperatura elevata (febbre o ipertermia).

Febbre

Nella maggior parte dei pazienti la febbre compare durante infezioni a risoluzione spontanea, che non richiedono cioè alcun trattamento; in questi casi l’utilizzo di farmaci (come il paracetamolo, principio attivo della Tachipirina®) serve esclusivamente per ridurre la sensazione di malessere e non per la cura della condizione che lo determina.

La febbre fa in ogni caso parte dei meccanismi di difesa dell’organismo, perché in grado di ostacolare la replicazione dei microorganismi infettanti (virus e batteri), quindi l’uso di antipiretici (farmaci per abbassare la febbre) va attentamente valutato caso per caso.

In alcuni soggetti a rischio (bambini piccoli, anziani debilitati, cardiopatici, broncopneumopatici) il trattamento della febbre è fortemente consigliato, poiché la febbre aumenta la richiesta di ossigeno (13% in più ogni grado al di sopra dei 37 °C) e questo potrebbe aggravare una possibile insufficienza cardiaca od una patologia respiratoria cronica.

Quando si ha la febbre in genere non si sente la necessità di mangiare, ed entro certi limiti il digiuno non è un problema; al contrario è di grande importanza bere molto, per disperdere il calore e favorire l’eliminazione delle tossine attraverso urine, feci e sudore, prevenendo allo stesso tempo una pericolosa condizione di disidratazione.

37 è febbre?

Seppure la valutazione possa cambiare a seconda di dove viene misurata la temperatura, in genere un valore di 37 non è considerato propriamente febbre, ma al limite una lieve alterazione.

Ipertermia

L’ipertermia è una condizione caratterizzata da un aumento più o meno importante della temperatura corporea dovuto a cause esterne, tipicamente un’esposizione a fonti di calore come il colpo di sole o il più temibile colpo di calore; la differenza è sostanziale rispetto alla febbre, che risulta essere invece un aumento della temperatura su comando del cervello in risposta ad uno stato infiammatorio.

Termometro digitale su sfondo bianco

iStock.com/deepblue4you

Interpretazione

Valutare se ci sia febbre o meno può non essere semplice per misurazioni che siano di poco superiori alla norma, in quanto come vedremo in seguito sono numerosi i fattori che possono rendere conto di piccole variazioni.

A seconda del valore della temperatura misurata sotto l’ascella, l’eventuale febbre può essere classificata in vari modi:

Classificazione Valore in °C
subfebbrile 37 – 37,3
febbricola 37,4 – 37,6
febbre moderata 37,7 – 38,9
febbre elevata 39 – 39,9
iperpiressia superiore a 40

Fattori che influenzano l'esame

Oltre alla variabilità individuale di cui abbiamo parlato, sono numerosi i fattori che possono rendere conto di un’alterazione più o meno profonda dei valori:

  • Si rilevano alcune differenze tra uomo e donna.
  • La temperatura subisce fisiologiche variazioni nell’arco della giornata (ritmo circadiano), con il livello più basso registrato al mattino alle 4 (o secondo alcune fonti due ore prima del risveglio) e più alto la sera alle 18.
  • Anche con il cambio delle stagioni nel corso di ogni anno si registrano variazioni (ritmo circannuale) e persone che vivono in climi diversi possono mostrare diversi modelli stagionali.
  • Digestione: si parla anche di termogenesi post-prandiale per spiegare la produzione di calore che avviene nell’organismo in seguito ai pasti.
  • Età (con il passare degli anni diminuisce il valore medio e la sua variabilità nell’arco della giornata, quindi a parità di valore di febbre nella persona anziana la gravità è probabilmente maggiore).
  • Attività fisica (tende a causare aumenti dei valori).
  • Ciclo mestruale (a seguito dell’ovulazione la temperatura aumenta fino a mezzo grado circa a seguito dell’effetto del progesterone).
  • Sensazioni e bisogni come fame e freddo.
  • Effetti collaterali di alcuni farmaci.
  • Condizioni ambientali (temperatura, umidità, …).
  • Dieta (le diete dimagranti diminuiscono la temperatura).
  • Emozioni e stati d’animo.
  • Sonno ed eventuale carenza.

La febbre misurata in bocca è infine influenzata da:

  • bere,
  • masticare,
  • fumare,
  • respirazione con la bocca aperta.

Preparazione richiesta

  • Sia che si usi un termometro digitale, a mercurio (ormai introvabili in commercio a causa della pericolosità della sostanza) od ecologico, questo dev’essere disinfettato prima e dopo ogni misurazione per prevenire un possibile contagio crociato.
  • Nei casi di termometro ecologico o a mercurio, è importante che non venga agitato dal paziente stesso per abbassare la temperatura della precedente misurazione, perchè potrebbe alterare la misurazione a seguito delle contrazioni muscolari.
  • Aspettare sempre almeno un’ora a seguito di esercizio fisico o bagno caldo, ed almeno 30 minuti dopo aver fumato, mangiato o bevuto cibo/liquidi particolarmente freddi o caldi.

Altre informazioni

Manifestazione della febbre

La febbre si manifesta di solito in tre fasi distinte:

  1. Fase prodomica o fase d’ascesa: aumenta la temperatura, si verificano spasmi muscolari involontari (brividi), vasocostrizione, stimolazione della tiroide. Il paziente percepisce una sensazione di freddo.
  2. Fase del fastigio o acme febbrile: il soggetto prova una sensazione di caldo, con pelle calda ed arrossata, mal di testa, dolori muscolari, diminuzione della produzione di pipì, agitazione ed aumento della frequenza cardiaca e respiratoria.
  3. Fase di defervescenza: Si abbassa la temperatura corporea attraverso meccanismi di sudorazione e vasodilatazione. Si percepisce caldo.

Sensazioni e cambiamenti corporei

Febbre e ipertermia

  • 44 °C, quasi certamente si verificherà la morte, anche se si conoscono casi aneddotici di sopravvivenza fino a 46,5 °C.
  • 43 °C, normalmente il soggetto va incontro a morte, o comunque a gravi danni al cervello, continue convulsioni e shock. Si verificherà probabilmente un collasso cardio-respiratorio.
  • 42 °C, il soggetto può impallidire, si verificano delirio, vomito e talvolta convulsioni. La pressione arteriosa può essere alta o bassa e la frequenza cardiaca risulterà di molto accelerata (tachicardia).
  • 41 °C, possono verificarsi svenimento, vomito, mal di testa, vertigini, confusione, allucinazioni, delirio e sonnolenza. Ci possono essere anche palpitazioni e affanno.
  • 40 °C, si verifica svenimento, disidratazione, debolezza, vomito, mal di testa, vertigini, sudorazione profusa. Inizia ad esserci pericolo per la vita.
  • 39 °C, si manifesta sudorazione grave ed arrossamento della pelle; la frequenza cardiaca aumenta e compaiono affanno e stanchezza. I bambini e le persone affette da epilessia iniziano ad essere a rischio di convulsioni.
  • 38 °C, si può manifestare sudorazione, disagio, senso di leggera fame.

Ipotermia

  • 36 °C, potrebbero comparire lievi brividi, ma è una temperatura raggiunta spesso anche  durante il sonno.
  • 35 °C, compare brivido intenso, intorpidimento e la pelle tende al bluastro/grigio (cianosi). Sono già riscontrabili i primi cambiamenti del comportamento.
  • 34 °C, brividi intensi, perdita della capacità di movimento delle dita, ormai azzurre, e stato di confusione.
  • 33 °C, confusione da moderata a grave, sonnolenza, riflessi depressi e progressiva scomparsa dei brividi, battito cardiaco rallentato, respirazione superficiale.
  • 32 °C, compaiono allucinazioni, delirio, completa confusione, estrema sonnolenza che sta progressivamente diventando coma. Si parla ormai di grave emergenza medica.
  • 31 °C, raramente il soggetto è ancora cosciente, si rilevano assenza di riflessi e gravi alterazioni del ritmo cardiaco.
  • 28 °C, il paziente sembra morto e l’arresto respiratorio è imminente.
  • 24-26 °C, morte per arresto cardiaco od arresto respiratorio; casi occasionali ed aneddotici di sopravvivenza fino a 14.2 °C.

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante

Revisione a cura del Dott. Roberto Gindro (fonti principali utilizzate per le analisi http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill).

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.
  1. Anonimo -

    GRAZIE MILLE DOTTORE CIMURRO.

  2. Anonimo -

    Dottore ma é normale che ho sempre 37.3 di temperatura e mi sento accaldata da un mese?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Potrebbe essere normale, ma va verificato con l’aiuto del medico (che potrebbe per esempio optare per esami del sangue).

  3. Anonimo -

    Lei ha detto che la temperatura corporea viene influenzata dall’ambiente.
    Ho quindi 2 domande:
    1) in quale ambiente si misurano 36.5-37° in una persona normale ?
    2) che temperatura raggiunge una persona in un ambiente di .. diciamo 42° Celsius costanti notte e giorno, come nelle città della pianura padana in Agosto ?

    distinti saluti

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Le variazioni dovute all’ambiente sono lievi, il valore di riferimento rimane quindi quello per tutti.

  4. Anonimo -

    Dottore l’altro giorno sono stato al mare e la pelle si é arrossata,quando sono arrivato a casa non sentivo nulla,solo bruciori alle parti esposte,fatto sta che ieri pomeriggio ho avuto un mal di testa e sul tardi ho misurato la febbre ascellare ed avevo 37 ma stanotte ho dormito tranquillo,oggi di nuovo un mal di testa ma in forma più lieve ma la temperatura sino ad ora è 36.7/8,cosa può essere?la ringrazio infinitamente

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Probabilmente solo un po’ troppo sole.

    2. Anonimo -

      Giorno dottore,da diversi giorni la temperatura corporea si innalza la sera a 37,può essere il caldo con sbalzi termici dato che abito in montagna?io sono un tipo molto ipocondriaco e misurandola vedo la temperatura del termometro e comincio a sudare dato che sono stressato e molto ansioso…grazie dottore

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Sì, è possibile che sia legato al clima e se non ha sintomi particolari non si preoccupi.

      Senta comunque anche il parere del medico.

    4. Anonimo -

      Dottore salve.ho sempre 36.e mezzo di decimi devo controllarmi!

    5. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo) -

      No, è una temperatura del tutto normale. Saluti.

  5. Anonimo -

    Salve stammattina ho avuto la temperatura corporea a 36.7 quindi normale..però adesso me la sono misurata e ce l’ho a 35.1…da premettere che ho sudato abbastanza oggi e fa MOLTO caldo..può essere in qualche modo a causa del caldo e un pò di debolezza anche ho..LA RINGRAZIO!!!
    HO TANTISSIMA PAURA CHE SCENDE ANCORA DI PIU’ E SONO A RISCHIO DI MORIRE PERO’ HO LETTO DI TUTTO E DI PIU’ CHE MI HA PREOCCUPATO MOLTO..LA RINGRAZIO..ARRIVEDERCI!!!!

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Rischio zero (ovviamente do per scontato che non ci siano altri sintomi), non si preoccupi.

  6. Anonimo -

    Da premettere che fra pochi giorni mi devono venire le mestruazioni..può essere un sintomo premestruale??? La ringrazio….e non è la prima volta che mi capita ma non così bassa però massimo 35.5…speriamo niente di grave..sono MOLTO preoccupata…basta che non scende di più almeno questo!!!! La ringrazio ancora

  7. Anonimo -

    Nono ma cosa può essere il caldo anche???? Ho solo un pò di debolezza e una leggerissima cefalea penso legata alla cervicale…

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Premesso che secondo me l’ha misurata in modo errato o il termometro non è preciso, a mio avviso dovrebbe dimenticarsi del valore letto, se non c’è febbre e sta tutto sommato bene è tutto OK.

      Senta comunque il parere del suo medico per una conferma.

  8. Anonimo -

    Nono solo un pò di debolezza penso legata ai 35.1 di temperatura corporea e un pò di cefalea ma quella ce lo spesso che parte dal collo (penso che sia legata alla cervicale almeno lo spero)…speriamo che non si abbassi più però almeno questo…c’è un modo x farla alzare un pò??? La ringrazio….

  9. Anonimo -

    Nono penso di misurarla bene…l’ho messa bene sotto le ascelle…e uso un termometro digitale..(non penso che il termometro non funzioni anche se lo pagato solo 10 euro dalla farmacia)la ringrazio…

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo) -

      Salve, intanto la temperatura più corretta sarebbe quella rettale e non l’ascellare, comunque perché l’ha misurata all’inizio? Non è certo un valore che dia sintomi di alcun tipo o di cui si debba preoccupare, stia tranquilla!

  10. Anonimo -

    Da un po’ di giorni , circa quattro ho mal di gola e raffreddore . Misurando la temperatura con termometro digitale , il risultato era 35 / 36 , 8 gradi . Ma misurandola poi con un termometro normale ecologico , la temperatura è di 37 ,5 gradi . Dunque mi chiedo : i termometri digitali non sono attendibili e dunque fuorvianti ? Tra due giorni devo partire per gli stati uniti , e ho un po’ di paura a prendere l’aereo per tante ore con questa alterazione . Può essere rischioso ?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      1. In genere i termometri digitali sono assolutamente affidabili, ma può capitare (sia ai digitali che ai tradizionali) che ci sia quello rotto; nel suo caso è difficile dire quale delle due sia la temperatura corretta, per inciso.
      2. Per il viaggio farei il punto con il medico che, auscultandola, potrà farsi un’idea più precisa della diagnosi.

  11. Anonimo -

    buongiorno
    sto curando da gg una bronchite con focolaio a sx no tosse no febbre è normale che la temperatura scenda a 33,4 gradi? grz per la risposta

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Ritengo poco probabile che il valore effettivo sia quello riportato; dove la misura?

    2. Anonimo -

      in bocca. quando sono andata dal medico che mi ha prescritto antibiotico e cortisone avevo 34,6

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Ha provato anche con un altro termometro?
      Ha provato per via rettale o sotto l’ascella?

  12. Anonimo -

    buongiorno
    nn so se ha ricevuto ricevuto mess di risposta, riprovo
    dal medico che mi ha prescritto antibiotico e cortisone avevo la temperatura a 34,6 misurata in bocca

    1. Anonimo -

      grz . ho provato sotto ascella …35,8

    2. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      OK, mi sembra più normale; in teoria in bocca dovrebbe essere di qualche decimo di punto più alta dell’ascella, quindi può essere che il sensore o la punta del termometro non sia interamente a contatto con la mucosa.

  13. Anonimo -

    Salve dottore X caso da una settimana mi sto misurando la febbre è c’è lo sempre a 37
    Cosa significa

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo) -

      Salve, non è praticamente considerabile febbre, soprattutto se non ha altri sintomi.

  14. Anonimo -

    Salve,
    domenica avevo la febbre alta (sopra il 38) e avevo il raffreddore,mal di gola e tosse. Da lunedì,la mattina sono senza febbre e nel tardo pomeriggio sono sempre tra 37 e 37.5,premettendo che la misuro nell’orecchio.Io sto bene (a parte la tosse),ma non mi sento strana o debole.Mi chiedevo se é normale che mi venga solo la sera e se é da considerarsi febbre tanto da non poter andare a lavoro o se può essere la mia teperatura normale e non richiede ulteriori giorni di malattia.Grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Ultima parola al medico, ma se se la sente e se il lavoro non è eccessivamente a rischio direi che può tornare tranquillamente (con le dovute cautele).

  15. Anonimo -

    Buongiorno, la mia temperatura è sempre stata intorno ai 36.4. Ho preso la pillola per 10 anni e la temperatura è salita a 36.9/37.1. Da Gennaio non ho più preso la pillola e ho notato una diminuzione della temperatura, che è tornata sui 36.2/36.5. Ieri sera intorno alle 22 (una volta a letto dopo cena) ho voluto misurarla e il termometro segnava 35.4. Incredula ho rimisurato e idem. Ho preso anche un altro termometro (il primo era a mercurio, il secondo ecologico) e la misurazione era 35.5. Le misurazioni in genere sono sempre sull’ascella sinistra. Ho fatto altre misurazioni sia nell’ascella destra che fra coscia e inguine. La mattina successiva (oggi) ancora a letto verso le 6, ho rifatto la misurazione e il termometro segnava 36.4 (quindi tornata normale). Riprovato anche poco fa e la misurazione è stata di 36.6. Cosa può essere successo?
    In teoria non dovrebbe essere più alta la sera, e soprattutto dopo i pasti (cena nel mio caso)?
    Nell’arco della giornata ho sottoposto il corpo ad attività fisica (mattina 2 ore pesantucce e pomeriggio un’ora di camminata sui 6/7 km/h, sentivo un po’ di stanchezza muscolare, ma nulla di più).
    Vi ringrazio anticipatamente per la risposta.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Non darei troppo peso, attività fisica, stanchezza, … possono spiegare le fluttuazioni.

    2. Anonimo -

      Troppo peso, no. Ma volevo capire se è normale che scenda così tanto, vicino ai 35. Grazie

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Può succedere, soprattutto se misurata esternamente.

  16. Anonimo -

    Buonasera dottore, da una settimana circa mi sento molto stanco e spesso durante la giornata ho brividi di freddo e la temperatura a 35.3/35.4.
    Il medico mi ha dato da fare le analisi del sangue e avrò i risultati la settimana prossima. Ma nel frattempo volevo sapere da cosa può dipendere e se devo magari andare in ospedale.
    Grazie sin da ora per la risposta!

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo) -

      Salve, se non ha sintomi importanti non c’è nulla di particolarmente allarmante in quello che ha descritto; le cause possibili sono molte, i sintomi molto vaghi, faccia intanto le analisi, è un passo per iniziare a capire.

  17. Anonimo -

    Gentilissimi dottori,
    sono esasperata. Da maggio fino a settembre ho avuto febbricola da 37.1 a massimo 37.4 . Ho effettuato vari controlli e consultato vari medici: analisi ogni mese tutto nella norma solo VES arrivava massimo a 14; reumatest negativi; visita dall endocrinologo, reumatologo, internista, ginecologo, cardiologo, angiologo, dentista e ortopedico tutto ok; rx al torace, risonanza alla testa, risonanza alla gamba (perché avevo dolori forti), ecografia completa addome, rx bacino tutto negativo.
    Da settembre fino a ieri non avevo più stanchezza alle gambe e brividi di freddo. Oggi ho 37.1. Non so più che altro fare. Avete qualche suggerimento in merito ?

    Vi ringrazio per la vostra cortese attenzione.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Sintomi attuali?

    2. Anonimo -

      Brividi di freddo e un piccolo risentimento nella zona lombare..

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Lei in base ai sintomi si rende conto quando c’è questa lieve alterazione? Oppure in alcuni casi non ci sono sintomi ma la temperatura è alterata?

    4. Anonimo -

      Diciamo che il sintomo e’ il brivido di freddo..

    5. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Onestamente non sono in grado di fare ipotesi che non siano già state sicuramente fatte, mi dispiace davvero.

    6. Anonimo -

      E molto spesso mi capitava di sentirmi bene ma avevo 37.2-37.4

    7. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Viene quasi da pensare a un’alterazione fisiologica, senza particolari cause patologiche.

    8. Anonimo -

      Cosa consiglia di fare?

    9. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Onestamente non so davvero cosa consigliare, mi dispiace davvero.

    10. Anonimo -

      La ringrazio.

      Cordiali saluti.

I commenti sono chiusi.

La sezione commenti è attualmente chiusa.