Esami delle Urine

Digita le prime lettere dell'esame che stai cercando nella casella di ricerca qui sopra, filtrerai così gli esami fino a trovare quello che cerchi.

  • Albumina:

    L’esame della albumina (una proteina contenuta normalmente nel sangue) rileva l’eventuale presenza di minime quantità della molecola nelle urine. Questo test viene usato principalmente per diagnosticare i primi sintomi di lesioni ai reni; l’albuminuria (escrezione nelle urine) è infatti considerata un segnale della perdita progressiva di funzionalità renale e per questo l’esame viene prescritto ai (Continua a leggere)

  • Bilirubina:

    La bilirubina è una sostanza di scarto prodotta dal fegato a seguito del processo di smaltimento dei globuli rossi giunti a fine vita (pari a circa 120 giorni): è un componente della bile, il liquido che il fegato secerne nell’apparato digerente per contribuire alla digestione. In alcune malattie del fegato, ad esempio nell’ostruzione biliare o (Continua a leggere)

  • Chetoni:

    In condizioni normali l’organismo brucia soprattutto glucosio (zucchero) per produrre l’energia di cui necessita, ma se le quantità disponibili non sono sufficienti (per carenze alimentari, diete non equilibrate, …) si trova costretto ad utilizzare i grassi. I meccanismi biochimici che consentono di estrarre energia dai grassi producono come sostanza di scarto i chetoni, molecole di (Continua a leggere)

  • Clearance della creatinina:

    Un’accurata valutazione della salute renale è uno dei parametri fondamentali nella gestione di un paziente, sia in fase di diagnosi che nel monitoraggio di condizioni e patologie già conosciute; determinare con precisione la funzionalità residua consente di prevedere la progressione della malattia renale e prevenire, ad esempio, un pericoloso accumulo di tossine nell’organismo. La velocità (Continua a leggere)

  • Colore e trasparenza:

    Durante l’esame visivo delle urine il tecnico di laboratorio ne osserva colore trasparenza concentrazione. L’urina può apparire di molti colori diversi, dal giallo pallido al trasparente, fino ad arrivare a tonalità più scure come l’ambrato o addirittura il colore della Coca Cola. In un soggetto in salute l’urina è un liquido limpido, atossico, quasi sterile, (Continua a leggere)

  • Creatinina:

    La creatinina è è un prodotto di scarto derivato dalla creatina, una sostanza usata a scopo energetico nei muscoli e la cui degradazione avviene in modo piuttosto costante e regolare. La sostanza viene eliminata attraverso i reni e la sua misurazione permette quindi di trarre informazioni sulla salute e sul buon funzionamento di questi organi; (Continua a leggere)

  • Emoglobina:

    L’emoglobina (spesso indicata con il simbolo Hb) è una proteina contenuta nei globuli rossi, la cui struttura consente la distribuzione dell’ossigeno molecolare dai polmoni al resto dell’organismo. I globuli rossi hanno una vita media di 120 giorni, dopodiché vengono distrutti in parti più piccole che verranno in parte eliminate ed in parte riciclate, consentendo la sintesi di nuove cellule; questo processo (Continua a leggere)

  • Esame al microscopio:

    Introduzione Tra gli esami di routine delle urine spesso viene richiesto un esame al microscopio, soprattutto nel caso in cui gli esami chimici o fisici diano risultati anomali. L’analisi viene effettuata sul sedimento urinario, ossia sulla parte che si deposita in fondo alla provetta dopo la centrifugazione. Il fluido che si forma nella parte alta (Continua a leggere)

  • Esterasi leucocitaria:

    L’esterasi leucocitaria è un enzima presente nella maggior parte dei globuli bianchi, cellule responsabili della difesa dell’organismo e che, in condizioni normali, nelle urine sono assenti o presenti solo in minima quantità. L’esame di riferimento per la ricerca dei globuli bianchi nelle urine è la conta diretta degli stessi, ma è stato dimostrato che l’esame (Continua a leggere)

  • Glucosio nelle urine:

    In condizioni normali il glucosio (a volte chiamato semplicemente zucchero) non è presente nell’urina, perché il rene si occupa di riassorbirlo durante il processo di filtrazione del sangue (per una quantità di circa 180 g di glucosio ogni giorno). I trasportatori di glucosio nel tubulo prossimale renale garantiscono che venga escreta nelle urine una quantità (Continua a leggere)

  • Leucociti:

    I leucociti, chiamati più comunemente globuli bianchi, sono cellule in grado di difendere l’organismo dagli attacchi di microorganismi ostili (virus, batteri, miceti e parassiti) e da corpi estranei che penetrano al suo interno. A differenza di quanto si pensava in passato l’urina non è perfettamente sterile, ciononostante la scoperta di una presenza significativa di leucociti (Continua a leggere)

  • Nitriti nelle urine:

    Quest’esame valuta se nell’urina siano presenti i nitriti e si basa sul fatto che molti dei batteri potenzialmente presenti sono in grado di convertire i nitrati in nitriti (i nitrati sono invece sostanze normalmente presenti nell’urina, in quanto prodotti di scarto dal metabolismo degli alimenti). In condizioni normali le vie urinarie e l’urina non contengono batteri, (Continua a leggere)

  • Peso specifico:

    L’analisi delle urine comprende di norma anche la determinazione del peso specifico, un parametro che serve a fornire un’indicazione di quanto siano concentrate le urine raccolte rispetto alla semplice acqua. Viene misurato confrontando la quantità di soluti (sostanze disciolte) dell’urina in rapporto all’acqua pura; se non ci fossero soluti il peso specifico dell’urina sarebbe pari a (Continua a leggere)

  • pH:

    Come per il peso specifico, anche per il pH esistono valori tipici, ma non intervalli precisi di valori considerati normali. I reni sono fondamentali per il mantenimento dell’equilibrio acido-basico dell’organismo, quindi tutte le patologie che producono acidi o basi, ad esempio l’acidosi o l’alcalosi, oppure l’assunzione di alimenti acidi o basici, sono in grado di (Continua a leggere)

  • Proteine:

    Il termine proteinuria indica una presenza eccessiva di proteine nelle urine. Trovare concentrazioni minime è del tutto normale ed occasionali livelli più elevati non devono spaventare (soprattutto in caso di febbre od esercizio fisico), ma quando il riscontro è continuo diventa necessario approfondire la causa ed intervenire per curarla. Normalmente il rene è un efficace (Continua a leggere)

  • Rapporto albumina/creatinina:

    Le albumine rappresentano la famiglia di proteine più comune presente nel sangue; dal punto di vista alimentare si trova in numerosi cibi di origine animale, tra cui latte e uova (nell’albume, da cui prende il nome). Sono prodotte dal fegato e svolgono molteplici ruoli di grande importanza all’interno dell’organismo: regolazione e mantenimento della distribuzione dei liquidi (Continua a leggere)

  • Sangue:

    Ematuria è il termine medico che si usa per indicare la presenza di sangue nelle urine. Si distinguono due casi fondamentali: macroematuria, se le quantità sono abbondanti e per questo l’urina prende il colore rosso, microematuria, se il sangue viene scoperto solo all’analisi microscopica. La macroematuria è caratterizzata quindi da campioni di urina rosa, rossa (Continua a leggere)

  • Urobilinogeno:

    L’urobilinogeno è una sostanza che deriva dalla bilirubina, una molecola di rifiuto prodotta dal fegato; la trasformazione avviene principalmente nell’intestino ad opera di batteri intestinali ed infatti la maggior parte della sostanza viene eliminata attraverso le feci. Circa il 20% dell’urobilinogeno viene invece riassorbito e torna in circolo e, di questo, una piccola frazione viene (Continua a leggere)