Valori Normali

In un soggetto sano non è presente emoglobina nelle urine.

(Attenzione, gli intervalli di riferimento possono differire da un laboratorio all'altro, fare quindi riferimento a quelli presenti sul referto in caso di esami del sangue ed urina.)

Descrizione

L’emoglobina (spesso indicata con il simbolo Hb) è una proteina contenuta nei globuli rossi, la cui struttura consente il trasporto dell’ossigeno molecolare dai polmoni al resto dell’organismo.

I globuli rossi hanno una vita media di 120 giorni, dopodiché vengono distrutti in parti  più piccole che consentiranno la nascita di un nuovo globulo rosso. Questo processo avviene tipicamente nella milza, nel midollo osseo e nel fegato. Se i globuli rossi si rompono in modo incontrollato ed imprevisto, le diverse parti, tra cui anche l’emoglobina, si muovono liberamente nel flusso sanguigno.

L’emoglobinuria è una condizione in cui l’emoglobina si trova in alte concentrazioni nelle urine; molto spesso si tratta di un rilievo che viene fatto quando anche la concentrazione dell’emoglobina nel sangue è più elevata del normale, innescando così l’eliminazione attraverso i reni.

Data la notevole dimensione, in condizioni di salute il passaggio dal sangue all’urina è invece impedito.

La presenza della molecole nelle urine è in genere preannunciata dal caratteristico colorito scuro delle urine (color coca-cola), ma spesso succede che questo viene scambiato per sangue (ematuria) ritardando così le corrette indagini necessarie per la diagnosi.

Provetta con un campione di urine contenente emoglobina

iStock.com/geargodz

Interpretazione

La presenza di emoglobina libera (Hb) nelle urine di solito è il risultato della lisi dei globuli rossi presenti nelle urine a causa di un sanguinamento nel tratto urinario (reni, ureteri, vescica). Meno comunemente la causa è un'emolisi intravascolare (ad esempio per reazione ad una trasfusione, anemia emolitica, emoglobinuria parossistica).

Una lesione dei muscoli o del cuore può causare il rilascio della mioglobina nel sangue, che a sua volta potrebbe essere causa di positivizzazione del test.

Tra le possibili cause di comparsa di emoglobina nelle urine ricordiamo:

  • glomuerulonefrite acuta (infezione del rene),
  • emoglobinuria parossistica notturna (condizione genetica),
  • ustioni,
  • carcinoma renale,
  • coagulazione intravasale disseminata,
  • sindrome emolitico-uremica,
  • porpora trombotica trombocitopenica,
  • tubercolosi delle vie urinarie,
  • avvelenamento acuto da piombo,
  • malaria,
  • anemia mediterranea e falciforme.

Valori Bassi

Valori Alti
(Emoglobinuria)

  • Anemia falciforme
  • Avvelenamento da piombo
  • Coagulazione intravascolare disseminata
  • Emoglobinuria da freddo
  • Emoglobinuria da marcia
  • Emoglobinuria da sforzo
  • Emoglobinuria parossistica notturna
  • Glomerulonefrite
  • Malaria
  • Porpora trombotica trombocitopenica
  • Sindrome emolitico-uremica
  • Tubercolosi delle vie urinarie
  • Tumore al rene
  • Ustione

(Attenzione, elenco non esaustivo. Si sottolinea inoltre che spesso piccole variazioni dagli intervalli di riferimento possono non avere significato clinico.)

Fattori che influenzano l'esame

Sforzi fisici intensi possono provocare la comparsa di emoglobina nelle urine, così come anche un'eccessiva e prolungata esposizione al freddo.

Quando viene richiesto l'esame

L'esame viene di norma richiesto come controllo di routine insieme agli altri valori dell'esame delle urine, ma può essere prescritto in modo specifico quando si sospetta:

  • anemia emolitica,
  • infezioni,
  • emolisi dei globuli rossi per trasfusione od altro.

Preparazione richiesta

Non è necessaria alcuna preparazione particolare, anche se di norma viene consigliata la prima urina del mattino.

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro (fonti principali utilizzate per le analisi http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill).

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

La sezione commenti è attualmente chiusa.