Dispepsia: significato, sintomi, pericoli e rimedi

Introduzione

Con il termine “dispepsia” si fa riferimento alla percezione di un dolore o di un fastidio in corrispondenza della regione addominale superiore, solitamente descritto come la percezione di “cattiva digestione”; questa sensazione si accompagna ad altri tipi di disturbi, in genere descritti dal paziente come:

  • Bruciore addominale
  • Senso di pienezza dopo i pasti
  • Senso precoce di sazietà (anche dopo piccoli pasti)
  • Gonfiore

Nella maggior parte dei casi la dispepsia, pur essendo persistente, è di lieve entità ed è riconducibile a fattori di natura benigna (parleremo in tal caso di “dispepsia funzionale”, differenziando questa condizione, largamente diffusa, dalla “dispepsia organica”, correlata, invece, ad altre malattie del tratto digestivo o a patologie extra digestive). In altre parole il termine funzionale indica che non sono presenti anomalie strutturali osservabili o misurabili per spiegare i sintomi lamentati e persistenti.

Sarà quindi fondamentale, per elaborare la diagnosi, valutare attentamente i sintomi riferiti dal paziente e, dopo uno scrupoloso esame obiettivo, considerare la possibilità di ricorrere ad ulteriori indagini laboratoristiche e\o strumentali (analisi del sangue, ecografia addominale, esofagogastroduodenoscopia), per escludere patologie sottostanti, riconducibili all’eventuale dispepsia organica.

Uomo a tavola con dispepsia

iStock.com/Image Source

Dispepsia organica o funzionale?

A seconda delle cause che sono alla base di questa condizione, la dispepsia può essere classificata in:

  • Dispepsia organica: è riconducibile a patologie del tratto digestivo superiore (come esofagite, gastrite, duodenite, pancreatite, malattie del fegato, neoplasie a livello dell’apparato digerente) o a patologie della via biliare (come calcolosi della colecisti, calcoli delle vie biliari); in altri casi può essere secondaria all’assunzione di farmaci (soprattutto FANS o farmaci antinfiammatori non steroidei), abuso di sostanze (per esempio, eroina) intossicazioni alimentari.
  • Dispepsia funzionale: è così definita la condizione clinica caratterizzata da disturbi riferiti nella porzione addominale superiore (per esempio: nausea, gonfiore, flatulenza, bruciore) non associati a patologie sottostanti, ma condizionati da fattori psicologici e comportamentali (per esempio: consumare pasti troppo rapidamente o quando ci si occupa di altre attività) o, più in generale, ad un cattivo stile di vita protratto nel tempo (dieta non equilibrata, scarsa attività fisica, fumo, assunzione di alcolici e superalcolici, abuso di farmaci); in questo caso, non è possibile identificare chiaramente la causa di dispepsia mediante approfondimenti laboratoristici e\o strumentali e si procederà ad una diagnosi di esclusione (procedendo dapprima all’esclusione di eventuali cause organiche di dispepsia).

In alcuni pazienti è possibile sospettare una causa organica di dispepsia, attraverso l’analisi di specifici fattori di rischio, come:

  • Età maggiore di 45 anni
  • Presenza di sintomi d’allarme (vedi paragrafo “Quando rivolgersi al medico”)
  • Uso protratto di antinfiammatori
  • Familiarità per tumore gastrico
  • Storia di malattia peptica (include patologie che possono riguardare esofago, stomaco e duodeno, tra cui, principalmente, l’ulcera peptica)
  • Mancata remissione della patologia dopo assunzione di farmaci antisecretivi e\o procinetici (o recidiva dopo sospensione)

Sintomi

La dispepsia può manifestarsi attraverso una combinazione variabile dei seguenti sintomi:

  • Alito cattivo (alitosi)
  • Bruciore addominale
  • Aumentata dolorabilità in corrispondenza dei quadranti addominali superiori (principalmente nella regione compresa tra l’estremità inferiore dello sterno, l’ombelico e la linea mediana della clavicola)
  • Eruttazioni
  • Flatulenza
  • Sensazione di ripienezza post-prandiale (sensazione spiacevole di prolungata persistenza di cibo nello stomaco)
  • Sensazione di precoce sazietà (sensazione soggettiva e/o rilevazione oggettiva di sovradistensione dello stomaco, subito dopo l’inizio del pasto, non in rapporto con la quantità di cibo ingerito, tale da rendere difficile la prosecuzione del pasto stesso)
  • Rigurgito acido
  • Difficoltà digestive (specialmente dopo assunzione di carne, uova, fritti, alimenti grassi o particolarmente elaborati)
  • Nausea\Vomito.

La condizione spesso tende a presentarsi con un andamento variabile nel corso del tempo, alternando a periodi di apparente benessere, esacerbazioni della malattia, specialmente in concomitanza di periodi di stress fisico e\o psichico.

Quando rivolgersi al medico?

La dispepsia è una patologia che affligge fino al il 20-40% della popolazione generale e, nella maggior parte dei casi, si configura come un disturbo lieve, di natura funzionale, che non spinge chi ne soffre a richiedere l’immediata valutazione da parte di un medico.

Si raccomanda di rivolgersi immediatamente al medico nel caso di comparsa di

Diagnosi

La natura della dispepsia può essere sospettata già sulla base dell’anamnesi (la raccolta delle notizie che riguardano il paziente e il disturbo da lui riferito) e dell’esame obiettivo condotti dal medico.

Successivamente, nel sospetto di una condizione di dispepsia organica, potranno essere prescritti ulteriori esami, come:

  • Esami del sangue
  • Esami diagnostici strumentali:
    • ecografia addominale,
    • endoscopia del tratto digestivo superiore,
    • manometria esofagea,

La diagnosi di dispepsia funzionale è invece una diagnosi di esclusione (si basa, cioè, sulla negatività dei risultati ottenuti alle indagini praticate in precedenza e sulla normalità del paziente alla visita medica).

In genere la diagnosi viene posta in presenza, da almeno tre mesi, di uno o più dei seguenti sintomi (con insorgenza almeno sei mesi prima):

  • fastidioso senso di pienezza dopo il pasto
  • sazietà precoce
  • dolore e/o bruciore epigastrico

Cura

Il trattamento della dispepsia organica dipende dalla patologia di base, per cui di solito è richiesta una terapia mirata e specifica per il paziente.

Nella dispepsia funzionale, invece, qualora la qualità di vita del paziente risulti fortemente condizionata dall’entità del disturbo, in base al sintomo prevalente, potranno essere prescritti:

  • Farmaci procinetici (come metoclopramide, sulpride, domperidone): agiscono aumentando la motilità gastrica e favorendo lo svuotamento dello stomaco;
  • Farmaci antisecretori (H2 inibitori come la ranitidina o inibitori di pompa protonica come pantoprazolo e lansoprazolo): agiscono riducendo la secrezione acida dello stomaco;
  • Farmaci antiacidi (come idrossido di alluminio e di magnesio): agiscono riducendo momentaneamente l’acidità e diminuendo il reflusso;
  • Farmaci protettori di mucosa (come sucralfato): agiscono proteggendo la mucosa da eventuali danni prodotti dal contatto con l’acido cloridico (secrezione acida prodotta dallo stomaco);
  • Farmaci ansiolitici (come benzodiazepine) o antidepressivi (come l’amitriptilina) possono essere prescritti per ridurre l’intensità di disturbi correlati a fattori psichici.

Cosa mangiare in caso di dispepsia?

Sebbene non ci siano evidenze di legami tra specifici alimenti ed insorgenza di dispepsia funzionale, appare ragionevole limitare o evitare cibi che scatenino il disturbo anche se solo su base individuale; tra i cibi più spesso segnalati come a rischio ricordiamo ad esempio:

  • latte,
  • alcool,
  • caffeina,
  • cibi grassi o fritti,
  • menta,
  • pomodori,
  • agrumi
  • e alcune spezie.

Si noti che tuttavia non esiste una regola universale, perché la risposta può essere soggettiva e variabile nel tempo.

Evitare il consumo di porzioni eccessive e preferire invece pasti più piccoli e più frequenti è importante per normalizzare la motilità dell’intestino, mentre dopo i pasti è raccomandabile evitare di sdraiarsi per almeno due ore.

Preferire alimenti leggeri come frutta, verdura, carne bianca, pesce, legumi, pasta condita con condimenti facilmente digeribili.

Alcuni accorgimenti possono infine rivelarsi utili per ridurre l’entità dei sintomi riconducibili a dispepsia funzionale:

  • Perdere peso se necessario.
  • Evitare di mangiare troppo, troppo in fretta o mangiare in situazioni stressanti;
  • Ridurre la frequenza di assunzione di farmaci gastrolesivi (antinfiammatori, antidolorifici);
  • Limitare il fumo di sigaretta;
  • Non mettersi seduti o coricati subito dopo il pasto, ma facilitare la digestione effettuando una piccola passeggiata;
  • Sollevare il letto dalla parte della testa (agendo sulla base o sul materasso, non aggiungendo semplicemente cuscini)
  • Evitare le fonti di stress e, se necessario, consultare uno psicologo.

 

A cura della Dott.ssa Chiara Russo, medico chirurgo

Fonti e bibliografia

  • MSD
  • OSPFE
  • FIMMG
  • AAFP
  • Manuale di Gastroenterologia, Unigastro, Il Pensiero Scientifico, 2013.
  • Harrison, Principi di medicina interna, 19°ed., Casa Editrice Ambrosiana.

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante

Revisione a cura del Dott. Roberto Gindro (fonti principali utilizzate per le analisi http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill).

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

La sezione commenti è attualmente chiusa.