Come distinguere la Covid-19 dall’influenza? Quali sintomi?

Introduzione

Sia la COVID-19 che l’influenza stagionale sono malattie respiratorie con sintomi spesso sovrapponibili, ma ci sono differenze importanti tra i due virus e le modalità di diffusione/trasmissione; conoscerle può avere risvolti determinanti a livello di salute pubblica, nel presente articolo è quindi possibile trovare una panoramica delle indicazioni in proposito fornite dalle più prestigiose organizzazioni mondiali e società di ricerca che si occupano di salute.

Il testo è suddiviso per argomenti e, per ciascuno, vengono evidenziati punti in comune e differenze.

Per approfondimenti sulle singole malattie si rimanda agli articoli dedicati:

Dottoressa che visita una donna

iStock.com/SanyaSM

Segni e sintomi

I segni sono diversi dai “sintomi”, anche se entrambi sono manifestazioni anormali e potenzialmente indicativi di una condizione di salute; semplificando possiamo definirli come segue:

  • un sintomo è un disturbo o una manifestazione sperimentato ed avvertita dal paziente (ad esempio il dolore),
  • un segno viene invece scoperto/evidenziato dal medico durante la visita (pressione alta).

In alcuni casi i due concetti possono arrivare a sovrapporsi.

Analogie

Sia COVID-19 che l’influenza possono avere segni e sintomi di diversa entità, variabili da una completa assenza di disturbi (soggetto asintomatico) a condizioni potenzialmente fatali.

I sintomi in comune tra le due condizioni sono:

Alcuni soggetti possono infine manifestare vomito e diarrea, anche se sono sintomi più comuni nei bambini.

Differenze

COVID-19 è più spesso causa di manifestazioni gravi; tra i sintomi più caratteristici ricordiamo i cambiamenti o la perdita di gusto e/o olfatto.

Alcune fonti segnalano inoltre i sintomi oculari (rossore e gonfiore) e i rash cutanei come possibili disturbi indicativi di coronavirus, ma non si tratta di organi sanitari ufficiali.

I sintomi residui sul lungo periodo presentano piccole ed ulteriori differenze; i soggetti guaridi dal COVID-19 riportano molti più effetti a lungo termine dell’infezione rispetto all’influenza; sintomi persistenti come debolezza, mancanza di respiro, difficoltà di concentrazione e, in alcuni casi, problemi ai reni e al cuore sono molto più comuni dopo COVID-19.

Per approfondire i sintomi della malattia da nuovo coronavirus fare riferimento all’articolo dedicato.

Come distinguere le due malattie

La diagnosi sulla base della sola sintomatologia è piuttosto difficile, a meno della presenza di sintomi specifici (come le alterazioni di gusto e olfatto), quindi è in genere necessario il ricorso al tampone.

Si noti che è peraltro possibile contrarre contemporaneamente entrambe le infezioni, anche se non è ancora chiaro quanto sia probabile.

Incubazione e durata dei sintomi

In caso di influenza l’incubazione, ossia il tempo che intercorre tra il contagio e lo sviluppo dei sintomi, è di 1-4 giorni. La durata dell’infezione è in genere limitata a pochi giorni, quasi sempre entro due settimane (la febbre tipicamente 3-4 giorni).

La COVID-19 ha un tempo di incubazione variabile (2-14 giorni), ma spesso pari a 5 giorni; la durata è anche in questo caso molto variabile.

Per quanto tempo si è contagiosi

In entrambi i casi un paziente è contagioso già prima della comparsa dei sintomi, almeno nel giorno precedente (probabilmente 2 in caso di malattia da coronavirus); in caso di malattia da coronavirus si rimane contagiosi più a lungo:

  • Influenza: I bambini più grandi e gli adulti sembrano essere i più contagiosi durante i primi 3-4 giorni della malattia, ma molti rimangono contagiosi fino a 7 giorni (neonati e soggetti con un sistema immunitario indebolito possono essere contagiosi anche più a lungo);
  • Covid-19: I tempi esatti sono ancora oggetto di studio, ma si ritiene che si rimanga contagiosi per almeno 10 giorni dall’insorgenza dei sintomi.

Fonti e bibliografia

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante

Revisione a cura del Dott. Roberto Gindro (fonti principali utilizzate per le analisi http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill).

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

La sezione commenti è attualmente chiusa.