Covid nei bambini: sintomi e complicazioni

I bambini possono essere contagiati?

I bambini, tanto quanto gli adulti e gli anziani, possono venire contagiati dalla COVID-19, ma fin da subito è apparso chiaro come il contagio in questa fascia d’età sia meno comune e soprattutto meno grave in termini di sintomi, tanto che in molti casi i bambini positivi al tampone o al sierologico (quindi contagiati) si presentino del tutto privi di sintomi.

È tuttavia da notare che i bambini possono comunque trasmettere il virus ad altre persone..

Sintomi

Quando presenti i sintomi sono sostanzialmente gli stessi degli adulti ed i più comuni e caratteristici sono

Oltre a questi sono stati descritti numerosi altri sintomi possibili, che tuttavia si presentano meno comunemente:

I neonati potrebbero manifestare anche difficoltà nella suzione del latte materno.

La maggior parte dei bambini sintomatici recupera nell’arco di 1-2 settimane.

Come riconoscere un’infezione da COVID nei bambini?

I sintomi, purtroppo, sono quindi sostanzialmente sovrapponibili a quelli dell’influenza stagionale e, nelle forme particolarmente leggere, al raffreddore; questo significa che per distinguerli con certezza è necessario ricorrere ad esami specifici:

Coniglietto di peluche con mascherina, sullo sfondo mamma e bambina che giocano

iStock.com/lithiumcloud

Complicazioni

Fin dalle prime settimane di esplosione della pandemia è emerso come per ragazzi e bambini la COVID-19 fosse una malattia quasi diversa, tanto erano differenti i numeri in termini di contagi, complicazioni, terapia intensiva e morti (bambini sotto i due anni sono purtroppo a maggior rischio rispetto ad età superiori).

Da cosa deriva questa sorta di immunizzazione naturale? Ancora non lo sappiamo per certo e le ipotesi sul tavolo sono numerose:

  • la presenza di vasi sanguigni particolarmente in salute (questo spiegherebbe anche i rischi legati ad esempio a diabete e pressione alta)
  • una risposta immunitaria più reattiva o comunque diversa
  • una maggior competizione virale a livello della mucosa respiratoria, che limiterebbe la proliferazione del coronavirus.

Ad oggi non è ancora stato chiarito, ma va sottolineato che anche se sintomi e complicazioni sono meno gravi rispetto agli adulti questo non significa che non siano contagiosi e, soprattutto, dal momento della diffusione della variante Delta si è osservato un aumento dei casi gravi e delle ospedalizzazioni anche in questa fascia d’età, soprattutto nelle aree in cui i tassi di vaccinazione sono bassi.

In caso di complicazioni può comparire difficoltà a respirare (dispnea), spesso legata allo sviluppo di una polmonite, e come per gli adulti questo è più probabile che accada in soggetti con preesistenti problemi di salute gravi e/o cronici.

È stata tuttavia delineata una sindrome, ossia un’insieme di sintomi, di cui restano da chiarire ancora diversi aspetti, ma sappiamo che può diventare responsabile di gravissime complicazioni agli organi interni dei bambini se diagnosi e trattamento non sono tempestivi. Viene indicata come “Sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica

  • Sindrome: insieme di segni e sintomi
  • Infiammatoria: ad accomunare i sintomi c’è un forte grado d’infiammazione
  • Multisistemica: può interessare praticamente tutti organi dei diversi apparati (ad esempio cuore, vasi sanguigni, reni, sistema digerente, cervello, pelle, occhi, …)
  • Pediatrica: tipica dei bambini

I sintomi più caratteristici sono

  • febbre di durata superiore alle 24 ore,
  • mal di pancia,
  • vomito,
  • diarrea,

ma sono stati descritti (a seconda degli apparati coinvolti) anche

  • eruzioni cutanee,
  • occhi arrossati,
  • mal di testa,
  • stanchezza severa, confusione, irritabilità.

In caso di dubbi si consiglia di contattare con urgenza il pediatra, mentre si raccomanda di rivolgersi in Pronto Soccorso in caso di

Quando riconosciuta e curata rapidamente la prognosi sembra ottima, ma purtroppo non si conoscono ancora con certezza eventuali possibili complicazioni a lungo termine.

Cura

Nei bambini il recupero è in genere completo e si verifica nell’arco di 1-2 settimane circa, eventualmente associato ad un trattamento sintomatico.

Fonti e bibliografia

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante

Revisione a cura del Dott. Roberto Gindro (fonti principali utilizzate per le analisi http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill).

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


La sezione commenti è attualmente chiusa.