Crampi da calore: cause, sintomi e rimedi

Introduzione

I crampi e l’esaurimento da calore sono due condizioni patologiche che rientrano, insieme al colpo di calore (patologia molto più grave e potenzialmente fatale), nell’ambito delle malattie da calore.

I crampi da calore sono contrazioni spastiche dolorose, acute (di breve durata) che di solito interessano muscoli sotto sforzo fisico (arti e addome) e si verificano in ambienti ad elevate temperature (in genere superiore a 39 gradi) e ad elevata umidità relativa; i sintomi sono limitati alla comparsa di dolorosi crampi alle estremità (gambe e braccia).

Crampi da calore

iStock.com/PeopleImages

Cause

L’eziopatogenesi è da attribuirsi alla perdita idrosalina (liquidi e sali minerali) causata da una profusa sudorazione non corretta da un’adeguata reintegrazione.

Fattori di rischio

La popolazione a maggior rischio di sviluppare una patologia da calore comprende:

  • Lavoratori di acciaierie, minatori, conciatetti, personale di sala macchine, …
  • Atleti (si noti tuttavia che esiste una differenza tra crampo generico da esercizio fisico, dovuto alla mancanza di allenamento e possibile anche nella stagione fredda, e crampo da calore, che può essere invece sviluppato anche da atleti professionisti).
  • Reidratazione abbondante priva di sali minerali (a causa del rischio di sviluppo di iponatriemia)

Sintomi

I crampi da calore si manifestano con la classica sintomatologia, ovvero attraverso contrazioni involontarie e improvvise dei muscoli scheletrici (ad esempio quelli di gambe e braccia, i più colpiti); sono caratterizzati da fitte dolorose molto intense, che spesso immobilizzano la parte colpita. Il muscolo interessato da un crampo appare duro al tatto, ma senza edemi o ecchimosi.

L’insorgenza è improvvisa, durante o dopo l’esercizio, e la durata è variabile da pochi minuti a qualche ora.

La temperatura corporea rimane nella norma e non sono in genere riscontrabili altre alterazioni.

 

Diagnosi

La diagnosi è posta essenzialmente grazie all’anamnesi e alla presentazione clinica, la temperatura corporea è normale e altri reperti sono trascurabili.

La regione colpita da crampi appare con cute calda, asciutta o umida in base all’umidità ambientale.

Rimedi

Per far fronte alla comparsa dei crampi da calore si raccomanda di:

  • Interrompere l’attività fisica e trovare rinfresco.
  • Reidratarsi, possibilmente con bevande saline.
  • Praticare un leggero allungamento del gruppo muscolare interessato; si consiglia in particolare un massaggio con allungamento passivo del muscolo coinvolto (per esempio se trattasi di un crampo al polpaccio si effettua un movimento di dorsiflessione della caviglia).
  • Evitare la ripresa dell’attività fisica (sportiva, professionale, …) fino al giorno successivo (o quantomeno per diverse ore a seguito dell’episodio).

Rivolgersi al medico in assenza di risoluzione dopo un’ora.

Prevenzione

Per evitare la comparsa di crampi da calore è generalmente sufficiente adottare alcune semplici accortezze come:

  • Reintegrare velocemente i liquidi ed elettroliti persi col sudore, attraverso bevande ricche di sali minerali, se possibile già durante l’attività fisica (soprattutto in caso di temperature particolarmente elevate).
  • Provvedere quando possibile ad un adeguato condizionamento ambientale.
  • Se possibile optare per un’acclimatazione adeguata e progressiva, attraverso un graduale aumento dell’intensità dello sforzo fisico nell’ambiente caldo, così da permettere di lavorare in sicurezza a temperature in precedenza inaccettabili (il meccanismo consiste in un aumento della sudorazione, con conseguente aumento della dispersione di calore, e una marcata riduzione del contenuto elettrolitico del sudore stesso).

Fonte e bibliografia

A cura del Dr. Mirko Fortuna, medico chirurgo

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante

Revisione a cura del Dott. Roberto Gindro (fonti principali utilizzate per le analisi http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill).

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

La sezione commenti è attualmente chiusa.