Introduzione

Si parla di dermatite seborroica in riferimento a un eczema con andamento cronico recidivante che può comparire nell’infanzia, nell’adolescenza o nell’età adulta in zone del corpo ricche di ghiandole sebacee, come

  • volto,
  • cuoio capelluto,
  • torace.

Si tratta in pratica di un’infiammazione della pelle che nelle aree colpite risulta arrossata e coperta da squame e che tende a peggiorare periodicamente, soprattutto nei periodi di stress fisico e/o emotivo.

È una condizione abbastanza comune, che può presentarsi in numerose forme diverse, come ad esempio:

  • “crosta lattea” del neonato,
  • alcuni tipi di forfora,
  • squame che compaiono tra le sopracciglia, magari in periodi di particolare stress professionale o famigliare.

Cause

Non esiste una singola causa alla base della comparsa della dermatite seborroica, si parla piuttosto una predisposizione genetica su cui si inseriscono altri fattori che innescano l’eczema; tra quelli più comuni ricordiamo per esempio:

  • livelli ormonali,
  • composizione della flora cutanea,
  • risposta dell’organismo allo stress,
  • umidità dell’aria.

Un elemento di particolare importanza è un lievito, chiamato Malassezia, che vive sulla nostra pelle come normale commensale e che spesso è stato additato come agente responsabile. È stato in effetti dimostrato che nei soggetti colpiti questo microorganismo invade lo strato più superficiale della cute rilasciando molecole che ne alterano la continuità e che permettono al lievito stesso di ottenere le sostanze di cui nutrirsi (fondamentalmente acidi grassi). Il danno alla cute permette così al Malassezia di proliferare e contemporaneamente altera la normale risposta delle cellule della pelle agli stimoli, con perdita della sua funzione di barriera e persistenza dell’infiammazione.

Fattori di rischio

Fermo restando che il lievito non è l’unica causa, ma si inserisce più probabilmente in un circolo vizioso multifattoriale, vediamo quali sono gli altri elementi:

  • sesso (gli uomini sono mediamente più colpiti delle donne),
  • stress, sia quello fisico (ad esempio febbre, privazione di sonno, carenze vitaminiche, abuso di alcol, …) che emotivo (ad esempio situazioni lavorative o familiari contingenti, episodi depressivi, …),
  • stimoli irritanti la cute, come detergenti aggressivi o un clima freddo e secco, possono peggiorare la dermatite (che infatti tende ad avere andamento stagionale con riacutizzazioni in inverno, mentre d’estate l’esposizione solare ha spesso effetto benefico),
  • malattie della pelle (come acne, psoriasi e rosacea),
  • malattie del sistema nervoso (morbo di Parkinson, epilessia o ictus),
  • HIV.

Sintomi

Le manifestazioni della dermatite seborroica cambiano in base all’età e variano nel corso del tempo.

In età pediatrica si manifesta soprattutto nei lattanti e in particolare la forma più nota e comune è quella del cuoio capelluto (o “crosta lattea”), caratterizzata dalla presenza di croste o squamo-croste giallastre che si risolvono spontaneamente in capo a un paio di mesi.

In altri neonati la dermatite si localizza al volto o nella regione inguinale (cosiddetta “dermatite da pannolino”). Più raramente l’evoluzione è sfavorevole,

  • perché la malattia si trasforma e diventa di tipo allergico,
  • oppure perché appare più diffusa e quindi allarmante fin dall’esordio.

Anche in quest’ultimo caso però l’eczema, nel lattante, si risolve quasi sempre, soprattutto quando trattato con scrupolo dietro la guida dello specialista dermatologo.

Nell’adolescente e nell’adulto, invece, la dermatite seborroica tende ad avere andamento ciclico, ricomparendo nei periodi di stress. In tali pazienti è possibile individuare macchie rosse e desquamanti, tendenti al giallastro e spesso unte, che possono colpire

  • cuoio capelluto,
  • volto (in particolare sopracciglia, orecchie, piega del mento e lati del naso),
  • parte centrale del petto e della schiena,
  • ascelle,
  • inguine.

Spesso non è accompagnata da altri sintomi, ma alcuni pazienti possono lamentare prurito (soprattutto al capo, all’orecchio o in seguito a stimoli irritanti come il contatto con indumenti di lana), o bruciore.

Generalmente l’eczema tende a risolversi spontaneamente, anche se può complicarsi cambiando aspetto: per esempio, in presenza di sovrapposizione infettiva da Candida (e questo può accadere soprattutto nelle pieghe cutanee), la pelle apparirà macera, più arrossata e potrebbero comparire ragadi, segno della necessità di cambiare o integrare la terapia in corso.

Diagnosi

La diagnosi di dermatite seborroica può essere formulata dal medico di famiglia autonomamente o con la consulenza dello specialista dermatologo, specialmente quando si pongono problemi di diagnosi differenziale con altre malattie della pelle (come la dermatite atopica o la psoriasi).

Semplicemente raccogliendo la storia della malattia e osservando la pelle, il clinico sarà in grado di formulare una diagnosi. Talvolta, a giudizio del medico, può essere necessario effettuare anche delle analisi del sangue per escludere altre condizioni associate.

Rimedi e cura

Purtroppo non esiste ad oggi cura per guarire definitivamente dalla dermatite seborroica, quindi l’obiettivo principale della terapia è alleviare e contenere i sintomi dell’infiammazione, come rossore, gonfiore, bruciore; la strategia terapeutica è variabile e strettamente legata a variabili quali età del paziente e localizzazione delle manifestazioni.

Nelle forme infantili spesso si lascia che la dermatite segua il suo corso, che tipicamente prevedere la scomparsa entro il primo anno di età, con la raccomandazione di porre attenzione nella scelta dei detergenti utilizzati, o al limite applicando lozioni emollienti che aiutino il distacco atraumatico delle croste.

Nell’adolescente e nell’adulto invece, la terapia prevede quasi sempre la prescrizione per le fasi di riacutizzazione di uno shampo antiforfora, piuttosto che una lozione o un olio emolliente spesso contenenti zolfo, antifungini o cortisonici in varie percentuali. In altri pazienti può essere necessaria anche una terapia preventiva, per ridurre al minimo la probabilità e la frequenza di riaccensione dei sintomi.

La collaborazione con il dermatologo è in ogni caso fortemente raccomandata, per poter ricevere consigli personalizzati sullo stile di vita o su un approccio diverso alla malattia, come ad esempio l’utilizzo frequente di bagni termali o attraverso l’esposizione alla luce solare (ricordando sempre di proteggere adeguatamente la pelle).

Di grande importanza è infine un’alimentazione sana e varia, modellata sulla classica dieta mediterranea.

 

A cura della Dott.ssa Sara Signorino Gelo

Fonti:

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro (fonti principali utilizzate per le analisi http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill).

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

La sezione commenti è attualmente chiusa.