Introduzione

La Sclerosi Laterale Amiotrofica, conosciuta anche come SLA o malattia di Lou Gehrig, è una patologia che colpisce il sistema nervoso e in particolare i motoneuroni, ovvero quelle cellule deputate al controllo della muscolatura.

I sintomi iniziali della SLA possono includere

  • spasmi muscolari,
  • crampi,
  • rigidità o debolezza,
  • disturbi del linguaggio,
  • difficoltà a masticare o deglutire.

Con il progredire della malattia il paziente diventa progressivamente più debole, fino a diventare dipendente dalla dalla sedia a rotelle; contemporaneamente la sensibilità rimane integra, poiché veicolata attraverso un diverso tipo di vie nervose che non vengono intaccate dalla patologia, così come funzionante rimane la motilità oculare ed il controllo cognitivo.

La diagnosi avviene molto spesso per esclusione, a seguito di una serie di indagini che studiano il sistema nervoso e che comprendono tra l’altro una elettromiografia di conferma.

Tra le principali metodiche utilizzate ricordiamo:

  • RMN (Risonanza Magnetica Nucleare), che deve risultare normale, escludendo altre patologie legate invece a lesioni in aree cerebrali/midollari adibite al controllo dei movimenti.
  • Analisi del liquor (per escludere eventuali processi, soprattutto infettivi come una meningite, il cui risultato potrebbe essere un’alterazione del movimento stesso).
  • Analisi di laboratorio (per analizzare eventuale uso di sostanze tossiche o specifici farmaci deprimenti l’attività del sistema nervoso).

La terapia attualmente a disposizione non ha purtroppo finalità curative (nel senso che non può “risolvere” la patologia di base); l’obiettivo è invece quello di ritardarne la progressione ed alleviarne ovviamente la sofferenza.

Il farmaco attualmente approvato è il Riluzolo, al quale si associano una serie di presidi di supporto quali ad esempio fisioterapia e riabilitazione, supporto ventilatorio, nutrizione parenterale se necessaria, …

La morte spesso deriva da insufficienza respiratoria entro un periodo di tempo compreso tra 2 e 10 anni dall’inizio dei sintomi; circa il 10% dei pazienti sopravvive più di 10 anni, mentre il 5 % raggiunge o supera i 20 anni dalla diagnosi.

Funzionamento dei motoneuroni e dei neuroni sensoriali

iStock.com/normaals

Cause

Per poter comprendere il danno reale alla base della SLA è prima necessario capire come viaggia il segnale nervoso (dalla corteccia cerebrale fino al muscolo in periferia) che consente lo svolgimento di un’azione.

I nostri muscoli volontari sono responsabili dei movimenti come camminare, respirare, masticare e parlare; le cellule nervose chiamate motoneuroni, che collegano cervello e midollo spinale al resto del corpo. L’impulso viene (volontariamente) generato nel nostro cervello, a livello di quello che chiamiamo “primo” motoneurone. Da qui viaggia verso il basso, arrivando fino al midollo spinale, dove incontra il “secondo” motoneurone. Quest’ultimo, tramite il suo prolungamento, raggiunge il muscolo e gli ordina di contrarsi.

Nella SLA la degenerazione colpisce tutti i motoneuroni, sia quelli posizionati a livello cerebrale che i secondi a livello midollare.

La lesione dell’uno o dell’altro genera sempre, in tutti i tipi di malattie “nervoso-motorie” e non soltanto nella SLA, dei sintomi caratteristici con il risultato comune di un deficit del movimento.

Quando i motoneuroni iniziano a degenerare e muoiono, non sono più in grado di inviare messaggi ai muscoli, che gradualmente si indeboliscono, si contraggono e non possono più essere gestiti dal cervello. I sintomi di solito si iniziano a notare a livello di:

  • braccia e nelle mani,
  • gambe,
  • deglutizione.

Fattori di rischio

Si ritiene che la maggior parte dei casi siano legati alla combinazione di fattori genetici e ambientali, questo significa che il paziente può ereditare una predisposizione genetica che aumentano il rischio di sviluppare la SLA, che tuttavia si manifesterà solo nel caso di esposizione a determinati fattori ambientali (ad oggi sconosciuti).

In tale popolazione sembra esserci una prevalenza maggiore per individui di sesso maschile (invecchiando la differenza tra uomini e donne scompare), con età d’esordio compresa prevalentemente tra 55 e 75 anni.

Le forme di SLA sono due:

  • SLA sporadica (la più frequente, oltre il 90% delle forme totali), per cui non si riconoscono veri e propri fattori di rischio associati;
  • SLA familiare, con ereditarietà autosomica dominante. I geni che sono stati associati all’insorgenza di tale patologia sono molti. Tra i più frequenti possiamo ricordare la mutazione a carico del gene SOD1 (superossido dismutasi, un enzima che serve proprio alla cellula nervosa per resistere allo stress ossidativo… ecco perché tende a diventare più suscettibile e degenerare facilmente).

Sintomi

Partendo dunque dalla periferia e risalendo, la degenerazione del secondo motoneurone (quello più in basso nella via di segnalazione) provoca:

  • debolezza con flaccidità muscolare, molto spesso riguardante un arto o la porzione più distale di esso (come ad esempio la mano);
  • fascicolazioni (contrazioni ritmiche ed incoordinate visibili anche a occhio nudo);
  • perdita dei riflessi;
  • atrofia e riduzione della massa muscolare.

Talvolta può essere colpita la muscolatura della regione cervico-facciale con insorgenza associata a:

  • disfagia (ovvero difficoltà nel deglutire);
  • disartria (difficoltà nell’articolazione del linguaggio);
  • alterazioni della mimica facciale (nonostante rimanga intatta la muscolatura oculare).

Quando a essere colpito è invece il neurone superiore, localizzato a livello centrale, quello che possiamo notare sarà:

  • contrazione spastica della muscolatura (sempre e comunque con una riduzione della capacità di movimento e perdita di forza);
  • ipereccitabilità muscolare ed aumento dei riflessi (che non risultano più controllati a livello del sistema nervoso centrale);
  • paralisi generalizzata coinvolgente distretti in questo caso più ampi;
  • dispnea (sensazione di mancanza d’aria e difficoltà respiratoria) per alterazione della muscolatura della gabbia toracica;

Nella SLA non esiste una sintomatologia d’esordio caratteristica, poiché le varie forme sono estremamente individuali e si manifestano come una commistione di sintomi correlati a degenerazione contemporanea di entrambi i livelli sopra citati.

Diagnosi

Il primo sospetto è quello clinico.

A seconda delle modalità d’esordio possiamo ovviamente avere forme più o meno marcate (che talvolta purtroppo spingono il paziente a contattare il medico in una fase di patologia già avanzata, ritardandone la diagnosi e la possibile terapia palliativa).

L’obiettivo principale è quello di escludere tutte le altre possibili cause di alterazione dell’attività motoria.

  • Una RMN solitamente è il primo approccio:
    1. A livello cerebrale permette di escludere processi degenerativi, neoplastici o infiammatori che potrebbero portare ad un’alterata trasmissione o generazione del segnale nervoso (ovvero potrebbero compromettere, proprio come la SLA, il primo motoneurone).
    2. La stessa, mirata invece allo studio del midollo spinale, potrebbe rilevare alterazioni a carico del secondo motoneurone dovute problematiche della colonna vertebrale (tumori, infezioni, compressioni esterne, dilatazioni cistiche, …).
  • Analisi del Liquido cefaloarachidiano, tramite puntura lombare, per evidenziare la presenza o meno di processi infettivo-infiammatori come meningiti, encefaliti, …
  • Analisi di laboratorio (su sangue o su urine) per escludere eventuali intossicazioni in grado di causare depressione dell’attività cerebrale (come nel caso di intossicazione da oppiodi, sedativi quali barbiturici o benzodiazepine, …).

Dopo aver eliminato ogni possibile altra spiegazione per la sintomatologia clinica, occorre dimostrare la propria ipotesi diagnostica attraverso un esame molto specifico quale l’elettromiografia, o EMG. Tale metodica permette di studiare l’innervazione del muscolo, andando nel nostro caso ad evidenziare proprio il contrario: la progressiva “denervazione” dei muscoli periferici.

I segni rilevabili all’EMG sono:

  • fibrillazioni (molto simili alle già descritte fascicolazioni, ma questa volta non sono visibili ad occhio nudo, bensì soltanto attraverso l’EMG);
  • fascicolazioni;
  • aumento delle dimensioni delle unità motorie (ovvero quei pochi nervi rimasti tendono a reclutare quante più fibre muscolari possibili, sperando di assicurare finché possibile una contrazione adeguata).

Terapia

Non esiste una vera terapia che possa risolvere la malattia, ma soltanto una serie di approcci che possano alleviare la sintomatologia e ritardare la progressione.

  • Riluzolo, è un antagonista del glutammato (neurotrasmettitore eccitatorio in grado di mediare il segnale tra cellula nervosa e motoneurone). Ha dimostrato un aumento della sopravvivenza in pazienti affetti da SLA.
  • Supporto ventilatorio, poiché la prima causa di morte per questi pazienti è solitamente l’arresto respiratorio.
  • Nutrizione ed idratazione, soprattutto in caso di disfagia.
  • Fisioterapia e approcci riabilitativi per facilitare l’esercizio muscolare e ritardare quanto possibile l’ipotrofia/atrofia muscolare.
  • Logopedia quando compare disartria.

Prevenzione

Non disponiamo ad oggi di approcci preventivi che permettano, in coloro con una naturale predisposizione per la patologia, di ridurne l’incidenza; questo è dovuto al fatto che non ci sono metodiche di screening per individuare tali soggetti in anticipo, né tanto meno controlli terapeutici per arrestare il danno.

Ciò che è in nostro potere è quindi solo diagnosticare quanto più possibile in anticipo la SLA, al manifestarsi della prima sintomatologia, cosicché la terapia permetta di ritardare per quanto possibile la progressione della patologia.

Fonti e bibliografia

 

A cura della dott.ssa Ergasti Raffaella, medico chirurgo

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro (fonti principali utilizzate per le analisi http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill).

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

La sezione commenti è attualmente chiusa.