Chetoni alti, bassi e valori normali

Valori Normali

  • Inferiore a 0.6 mmol/l: Valori normali
  • Compreso tra 0.6 e 1.5 mmol/l: Chetosi
  • Superiore a 1.5 mmol/l: Rischio chetoacidosi per i pazienti diabetici, nel caso in cui la glicemia superi i 300 mg/dl
  • Superiore a 3.0 mmol/l: Situazione che richiede un immediato intervento medico

Fonte: diabetes.co.uk

(Attenzione, gli intervalli di riferimento possono differire da un laboratorio all'altro, fare quindi riferimento a quelli presenti sul referto in caso di esami del sangue ed urina.)

Descrizione

I chetoni (anche detti corpi chetonici) sono dei sottoprodotti del metabolismo dei grassi, delle sostanze di rifiuto che l’organismo produce quando non ha a disposizione il glucosio (o quando non riesce a utilizzarlo), ma necessita comunque di energia. Se i grassi vengono bruciati  a scopo energetico in elevata quantità i chetoni si accumulano nel sangue provocando uno stato di chetosi, che può trasformarsi in chetoacidosi (una forma di acidosi metabolica).

L’acidosi metabolica è una possibile conseguenza tipica del diabete di tipo 1 non controllato e che può richiedere un intervento medico di emergenza.

  • L’esame nel sangue, oggetto del presente articolo, indica quanti chetoni circolano nel sangue al momento della raccolta del campione.
  • L’esame nelle urine, invece, permette di farsi un’idea dello stato dei chetoni in un arco di tempo più ampio. Quest’ultimo è eseguito molto più frequentemente rispetto a quello nel sangue, ad esempio contestualmente agli esami della glicemia o agli esami delle urine di routine.

Bambini

L’acetone dei bambini (anche chiamato acetonemia o in alcune zone d’Italia “vermi“, anche se non esiste alcun legame con i parassiti intestinali) è un disordine metabolico che si verifica in assenza di zuccheri sufficienti a garantire la richiesta di energia; in questa condizione l’organismo inizia a utilizzare i grassi, producendo come sostanze di rifiuto i chetoni che si accumulano nel sangue e vengono eliminati attraverso le urine e la respirazione (ecco il motivo del caratteristico odore fruttato dell’alito).

Si tratta di un disturbo passeggero, che di norma si risolve senza conseguenze con piccole accortezze alimentari (consumo di zuccheri); può essere favorito da

  • febbre,
  • stress,
  • digiuno prolungato,
  • alimentazione disordinata (eccesso di grassi e carenza di carboidrati, tipica di un abuso di junk-food).
Fotografia di una provetta di sangue e una delle urine appoggiate su una richiesta di analisi

iStock.com/angelp

Interpretazione

Se i chetoni sono presenti in quantità inferiore al limite significa che il paziente ne produce la quantità corretta, che l'organismo riesce quindi a smaltire correttamente.

Se i chetoni sono più alti del normale significa che il paziente soffre di chetosi; la presenza di corpi chetonici nel paziente diabetico può portare all'acidosi.

La caratteristica triade

  1. chetosi,
  2. iperglicemia,
  3. acidosi

è una condizione che nel paziente diabetico prende il nome di chetoacidosi diabetica e tipicamente può manifestarsi se

  • la glicemia è molto più alta del normale,
  • il paziente è malato,
  • soffre di infezioni gravi,
  • si trova in gravidanza.

La chetoacidosi diabetica può interessare anche pazienti affetti da diabete di tipo 2, e non solo quelli che soffrono di diabete di tipo 1, in caso di infezione o di malattia grave.

Un valore elevato di chetoni nell'urina del bambino altrimenti sano è invece in genere associato alla diagnosi di acetonemia.

Valori Bassi

Valori Alti
(Chetosi (acetonemia))

  • Abuso di Alcool
  • carbo
  • Chetosi
  • Dieta (eccesso di grasso)
  • Digiuno

(Attenzione, elenco non esaustivo. Si sottolinea inoltre che spesso piccole variazioni dagli intervalli di riferimento possono non avere significato clinico.)

Fattori che influenzano l'esame

La chetosi e la chetoacidosi nel paziente non diabetico possono essere connesse a

  • digiuno prolungato,
  • alcolismo,
  • diete ricche di grassi e povere di carboidrati (come molte diete low-carb, in cui s'induce volontariamente uno stato controllato di chetosi).

Ricerche recenti, che tuttavia affondano le radici all'inizio del secolo scorso, hanno dimostrato che una condizione di chetosi indotta attraverso una specifica dieta può essere utile nei pazienti epilettici con frequenti episodi di convulsioni che non rispondono ai farmaci né alle altre terapie.

Quando viene richiesto l'esame

Nei pazienti non diabetici l’esame dei chetoni nel sangue di norma viene prescritto nel caso di presenza di sintomi suggestivi di chetosi/chetoacidosi; i due disturbi possono avere sintomi molto lievi, che tuttavia diventano sempre più evidenti man mano che i chetoni si accumulano.

Paziente diabetico

L’esame dei chetoni nel sangue può essere prescritto se il paziente diabetico presenta dei sintomi connessi alla chetoacidosi diabetica o quando sia esposto ad un elevato rischio di svilupparla (quando ad esempio oltre al diabete soffra di un'altra malattia o la paziente sia in gravidanza).

Tra i sintomi della chetoacidosi ricordiamo:

Esame dei chetoni nelle urine

L’esame dei chetoni nelle urine è prescritto con maggior frequenza rispetto a quello dei chetoni nel sangue, soprattutto nei bambini quando sussista il dubbio di acetone in presenza dei seguenti sintomi (tipici della chetoacidosi):

  • alito fruttato,
  • nausea e vomito,
  • confusione (raro).

Può essere eseguito anche in casa, attraverso strisce reattive acquistabili in farmacia.

Preparazione richiesta

Il campione di sangue viene prelevato da una vena del braccio o pungendo un dito, senza la necessità di preparazioni specifiche.

Anche per l’esame delle urine non serve nessuna preparazione.

Altre informazioni

Cosa fare in caso di acetone nei bambini?

Per ridurre la formazione di acetone e favorirne lo smaltimento sarà sufficiente una dieta ricca di zuccheri e acqua (spesso alcuni pediatri consigliano per esempio bevande a base di cola, possibilmente senza caffeina, o succhi di frutta). Più raramente è necessario ricorrere all'infusione endovenosa di soluzioni glucoelettrolitiche (zuccheri e minerali) in ospedale.

Per prevenire il disturbo è sufficiente una dieta sana, varia, ricca di frutta e verdura e in cui la quota di grassi non sia eccessiva; sono quindi da limitare

  • latticini (latte intero, burro, formaggi, ...),
  • alimenti fritti,
  • carni grasse,

ma soprattutto cioccolato, merendine, prodotti industriali da forno e junk-food in genere.

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro (fonti principali utilizzate per le analisi http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill).

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.
  1. Anonimo -

    Mia figlia ha 4 anni e dalle analisi delle urine risulta avere i corpi chetonici a 10,00 ed i leucociti a 75. Cosa significa ? Grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Valori di riferimento?
      Perchè sono stati prescritti gli esami?

  2. Anonimo -

    Valori di riferimento:corpi chetonici 0-5 e mia figlia ha 10, leucociti 0-25 e mia figlia ha 75. Gli esami sono stati prescritti perché aveva la topolino arrosata

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      A meno che non senta bruciore mentre fa pipì probabilmente questi valori non verranno considerati un problema.

    2. Anonimo -

      Grazie

  3. Anonimo -

    Buonasera dott Cimurro sono una ragazza di 26anni e la settimana scorsa ho fatto le analisi del sangue più urine e urinocultura…tutti i valori sono nella norma tranne nelle urine dove il pH che e 5.0 e nei valori di riferimento e tra i 5.5 e i 6.5,e i corpi chetonici che sono 10 e nei valori di riferimento dovrebbero essere assenti…ho fatto le analisi per problemi di meteorismo e intestino irritabile con gonfiore e dolori addominali…e per controllo generale…dovrei preoccuparmi di questi 2 valori che sono segnati da una stellina???spero di essermi spiegata…. grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      La sua dieta è normale?

    2. Anonimo -

      Prima non mangiavo quasi mai frutta e verdura,ora da più o meno 2 mesi cerco di mangiarla ogni giorno,il mio medico mi ha prescritto benefibra sempre per quanto riguarda l’intestino irritabile…e devo dire che i gonfiori e dolori addominali sono diminuiti…ma per quanto riguarda l’andare in bagno (se così si può dire) e un dramma…quei valori “alterati” sono collegati a tutto questo?

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      No, avevo solo il dubbio che prediligesse le proteine ai carboidrati, ma probabilmente non è il suo caso; credo che il medico le suggerirà semplicemente di ripetere l’esame tra qualche tempo.

    4. Anonimo -

      Grazie per la risposta…ne parlerò con il medico…

  4. Anonimo -

    Salve vorrei un consiglio ho 45 anni e ho preso tre pillole di naemis alla terza pillola oggi sono stata male mi sono recata al PS mi anno fatto gli esami del sangue vanno tutti BN tranne un po di sangue nel l urina ora ho deciso di sospendere il naemis penso che sia la causa mal di gambe girame ti di testa .non so se faccio BN o no ?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Ci sono stati rapporti non protetti?

  5. Anonimo -

    Un servizio di “traduzione” e spiegazione per noi profani veramente apprezzabile, grazie !

  6. Anonimo -

    Buonasera,ho effettuato esami del sangue ed urine tutto nella norma tranne corpi chetonici a 10 nelle urine mentre dovrebbero essere assenti. É un periodo che avverto un senso di peso sotto il torace a destra e sono un po stitico.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Ha una dieta varia e sana?

    2. Anonimo -

      Ammetto di mangiare pochissima verdura,in compenso mangio molta frutta,per il resto un po di tutto.

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Pane e pasta ne mangia regolarmente?

    4. Anonimo -

      Si la pasta la mangio sempre a pranzo,mentre a cena solo carne e pane im modiche quantità.

    5. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Se è l’unico valore fuori norma probabilmente non verrà considerato un problema.

    6. Anonimo -

      Grazie mille dott.Cimurro é stato gentilissimo. Un’ultima cosa,ultimamente le mie urine hanno uno strano odore di muffa,può essere un problema al fegato anche se gli esami del sangue sono a posto? Grazie di nuovo e buona domenica.

    7. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Beve a sufficienza durante il giorno?

    8. Anonimo -

      Generalmente bevo circa due litri d’acqua al giorno.

    9. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Più che sufficiente; senta il medico e mi tenga al corrente, ma non credo che ci sia nulla di cui preoccuparsi.

    10. Anonimo -

      Grazie mille,le farò sapere.

  7. Anonimo -

    Mio padre ha i corpi chetonici nelle urine valore10 invece di glicemia ha 86,0 cosa significa?grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Valori riferimento chetoni?
      Glicemia nel sangue, giusto? Questa va benissimo.

  8. Anonimo -

    Dott.salve le volevo chiedere, ho fatto l’esame di urina e sangue e nelle urine c’è il valore chetoni 40 cosa potrebbe essere? La ringrazio anticipatamente

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Valori di riferimento?

    2. Anonimo -

      Dovrebbero essere assenti analisi del sangue ottime analisi urine : aspetto :limpido, colore giallo oro, peso specifico 1,025 riferimento 1,005-1,030, pH 5,0 riferimento 5,5-6,5…..glucosio assente, bilirubina assente, chetoni 40….sangue assente, proteine assenti, urobilinogeno 0,2 riferimento<=2 nitriti assenti , leucociti assenti

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      La dieta è varia e bilanciata?

    4. Anonimo -

      Da un mese circa ho eliminato pasta pane e patate e ho iniziato a frequentare la palestra…..sono alto 1,76 e peso 68 kg

    5. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      La causa è questa, non consuma sufficienti carboidrati ed è andato in chetosi.

  9. Anonimo -

    Sono diabetico di tipo 1 e visto che vado in palestra, pesando 68kg, consumo 2g circa di proteine x kg, con carboidrati attorno ai 90g (70 pranzo, pasta integrale o patate +frutta) e 20 cena (pane)per giornata, spesso anche se la glicemia è nella norma trovo varie tracce di chetoni nelle urine, a cosa è dovuto? E poi, le patate possono sostituire pasta e pane o sono loro a darmi problemi? Grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Non credo che siano le patate, ma onestamente non sono in grado di fare ipotesi sulle cause. Il medico cosa ne pensa?

    2. Anonimo -

      Sono diabetico anch’io e pressapoco lo stesso peso!mi sono fatto una gran cultura sul diabete e so per certo che associare pane e patate…non è positivo!se mangi pane non dovresti mangiare patate e viceversa!se vai nella guida alimentare accu check ne avrai conferma!

  10. Anonimo -

    Salve dottore io sono in attesa di una bambina da 29 settimane ieri ho ritirato i risultati delle urine dove ce scritto albumina tracce notevoli e corpi chetonici presenti + cosa significa? Grazie in anticipo

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Segnali il risultato (soprattutto dell’albumina) al medico.

      La pressione è a posto?
      Ha preso molto peso?
      Gonfiore delle caviglie?

  11. Anonimo -

    Salve Dottore,
    Ho fatto gli esami del sangue e delle urine. Esami del sangue tutto ok invece le urine: aspetto – limpido; ph – 5,5 (riferimento 4,8 – 7,4); glucosio 0 (riferimento 0-30); proteine – 20 (riferimento 0-10); emoglobina 0 (riferimento 0-0,03); corpi chetonici 40(rifermento 0-5); nitriti assenti; leucociti 0; densità relativa 1031 (1005-1030) ; esame microscopico del sedimento: cellule rare epiteliari squamose. Muco tracce. Mi devo preoccupare? Grazie in anticipo

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Segue una dieta particolare?

    2. Anonimo -

      No nessuna dieta … 3/4 giorni prima delle analisi ho assunto meno carboidrati ma non eliminati.

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Questo potrebbe spiegare i chetoni aumentati, ma rimangono le proteine; non è un valore altissimo, potrebbe quindi essere un caso, ma va segnalato al medico ed approfondito (o verificato nuovamente fra qualche settimana).

  12. Anonimo -

    Il mio compagno ha corpi chetonici 5 nelle urinarie non fa diete è molto magro e ha spesso l urina cosa può essere???

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Valori di riferimento del suo laboratorio?

  13. Anonimo -

    Salve dottore ho fatto gli esami del sangue e delle urine…alcuni valori mi preoccupano…..come rimediare?
    chetoni 5 cholestérol hdl 43 cholestérol totale 248 glucosio 151 scesa adesso sotto100….sono diabetico di tipo2…quale consiglio posso ricevere da lei?grazie!

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Età, peso ed altezza?

  14. Anonimo -

    anni 48….1,80m.87kg..grazie!

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Il sovrappeso è la chiave per migliorare tutti i valori fuori norma, che vanno comunque segnalati al medico.

  15. Anonimo -

    Salve dottore, ho 27 anni e sono alla 18°settimana di gravidanza. Il mio ginecologo , da circa un mese fa , mi fa seguire una dieta per far abbassare il livello di glicemia nel sangue. Il 18 giugno la mmia glicemia era 102,adesso ho fatto la curva da carico di glucosio e a digiuno è risultata 91. In seguito a questa dieta ( ammetto che mangio meno della dieta )ho perso in un mese 8kg. La sera in genere nn ceno. Comunque dopo questa lunga premessa volevo chiederle un consiglio.
    Ho fatto l’esame delle urine ed il risultato dei corpi chetonici è 80 ( valore riferimento 0-5),inoltre sono presenti alcuni ossalati di calcio Diidrato. Devo preoccuparmi? La ringrazio

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      1. È un errore mangiare meno di quanto previsto, sotto diversi punti di vista; il più importante è che il feto potrebbe soffrire di carenze.
      2. Ha ridotto od eliminato tutti i carboidrati oltre che gli zuccheri?

    2. Anonimo -

      Mangio 50gr di pane a colazione
      Pranzo un secondo più verdura +50g di pane +200g di frutta e di pomeriggio e a cena mangio 200g di frutta. Questa è la mia giornata tipo a livello alimentare.
      Pasta non ne mangio quasi mai.

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Davvero troppo poco.
      I corpi chetonici alti sono a mio avviso un primo segnale, carenza di carboidrati e l’organismo va in chetosi.

    4. Anonimo -

      Quindi cosa mi consiglia? Devo preoccuparmi?

    5. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Si attenga scrupolosamente alla dieta che le ha consigliato il ginecologo, né più, né meno.

  16. Anonimo -

    ho sempre seguito la dieta dissociata (il primo a pranzo con contorno verdure) e la sera il secondo con contorno verdura e frutta ( a volte solo frutta senza verdura) Non fumo e faccio attività sportiva non eccessiva e vado in bicicletta.
    Mi hanno diagnosticato il reflusso gastoesofageo e dovrei invertire nella mia dieta la cena con il pranzo.
    Crede potrei,con il tempo,avere maggiori problemi con l’insulino resistenza? Al momento evitando di mangiare molta pasta e pane e mi pare vada abbastanza bene.
    Può essere stato lo stress? E’ stato un anno difficilissimo e mi sono accorta di questo problema perché la mattina sono senza voce e sentivo come un filo in gola

  17. Anonimo -

    Volevo fare i compilimenti per il sito che mi pare chiaro. Mi sono espressa male. Ho un valore basso di insulina dalle analisi che ho fatto e quindi devo evitare di esagerare con gli zuccheri.
    Mangiando la sera la pasta, complicherei la cosa? I legumi, le patate lesse, il miglio o zuppe da preparare oltre alla pasta possono andrare bene?
    I dadi vegetali si possono usare? Questo per me è importante perché nel minestrone li uso. Consigliano i formaggi magri ma non sono molto indicati per la questione insulinica.
    Ringrazio per le risposte perché sono in vacanza e la diagnosi l’ho avuta dall’otorino

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      1. Lo stress sicuramente può influire, ma può peggiorare il problema, non causarlo.
      2. Non vedo come un problema consumare il primo alla sera, meglio ancora se passasse alla pasta/pane integrale (anche solo alcune volte alla settimana).
      3. Non vedo problema per il dado, senza esagerare per il contenuto in sale.

      Ulteriori indicazioni:

      http://www.farmacoecura.it/alimentazione/dieta-reflusso-gastroesofageo-gastrite-cosa-mangiare/

  18. Anonimo -

    La ringrazio per la cortese risposta. Avevo trovato l’elenco degli alimenti ad alto, medio e basso rischio e sto seguendo le indicazioni riportate.
    La domanda che devo farle è la seguente: anche i fagioli, lenticchie e ceci sono a basso rischio? L’insalata? Mi scuso ma sono in vacanza e devo organizzare la cena della famiglia. La frutta può essere consumata a cena? Spesso ceno solo con i legumi e qualche frutto.
    Complimenti per il sito.
    Un saluto

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      In genere non danno problemi, attenzione solo agli agrumi che vanno evitati.

  19. Anonimo -

    Salve dottore mi scuso per il disturbo ma volevo chiederle una cosa…sono molto preoccupata…ho 27 anni e assumo loette ho fatto i regolari controlli di sangue e urine e mi preoccupano questi risultati:
    eGFR (velocità filtrazione glomerulare)il mio valore è 74.
    Poi S-creatinina 1.0mg/dl 4 e i valori di riferimento sono 0.51-0.95.
    S-bilirubina diretta 0.22mg/dl val.riferimento.0-0
    20.
    S-aspartato amminotransferrasi (AST)11 mg/dl val.rif.15-37.
    Negli esami delle urine invece ph 5 e chetoni 10mg-dl val.rif.0-4.
    Sono abbastanza preoccupata …attendo con ansia 1 sua risposta.
    Grazie mille.e mi scuso per il disturbo.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      La sua dieta è normale? Mangia carboidrati regolarmente?

    2. Anonimo -

      Salve dottore grazie per la risposta…non seguo una corretta dieta …e non mangio molti carboidrati. .tipo pasta e pane niente.

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Il suo corpo sembra in chetosi (chetoni alti nelle urine) e viene qualche dubbio sulla funzionalità renale (sicuramente la dieta che sta seguendo NON aiuta in questo senso); sottoponga i risultati al medico facendogli presente anche l’alimentazione.

      Mi tenga al corrente.

  20. Anonimo -

    Salve ho 16 anni e ho fatto le analisi delle urine dai cui è risultata la presenza di corpi chetonici pari a 5 (valore di riferimento: negativo). Inoltre la sera in cui ho fatto gli esami ho vomitato e sono andata a diarrea,da allora ho costantemente nausea e mal di pancia (sono passate quasi due settimane). Devo preoccuparmi?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Il risultato trovato è probabilmente legato al malessere che manifesta; la sua dieta è normale? Ne ha già parlato con il medico?

    2. Anonimo -

      Il medico ha detto che le analisi sono a posto. Non mangio le verdure e mangio pochissima frutta. Per il resto mangio tutto: pasta a pranzo e carne o pesce la sera.

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Quando hai sentito il medico l’ultima volta?

  21. Anonimo -

    Buonasera sono a 34 settimane di gravidanza e ho il diabete gestazionale sta mattina ho fatto le analisi glicemia a digiuno nella norma 93 solo che ho l acetone nelle urine a 45 che può essere? Grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Mangia regolarmente pasta e pane?

    2. Anonimo -

      Pane di pasta solo 3 volte al giorno la posso mangiare il pane pranzo e cena 50gr può essere quello?

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Probabilmente sì, in ogni caso senta anche il parere del ginecologo, perchè una leggera variazione in gravidanza è normale.

  22. Anonimo -

    Buongiorno Dottore sono incinta di 10 settimane fivet con ovodonazione. Da circa 5 gg ho dolorini ai reni pancia fitte all inguine… tachipirina da 1000 mg non mi è contata. Il bimbo sta bene. Sono ancora sotto farmaci progynova e progeffik. Il mio ginecologo mi ha detto che potrebbero essere i reni o un infezione alle vie urinarie… siccome ieri i dolori erano aumentati e non passavano sono stata al pronto soccorso dove hanno riscontrato: giordano negativo bilateralmente. nn riscontrate alterazioni riguardanti la gravidanza. Non perdite ematiche in atto. Profilo D: hb 12,6 g/dl, esami urine corpi chetonici 15 mg/dl, u- emoglobina +. Mi hanno orudis flebo ma il dolore nn è passato e mi hanno consigliato esami di approfondimento in ambito urologico. Cosa ne pensa posso essere? Continuo a stare poco bene….

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Accusa fastidio mentre urina?
      Diarrea?
      Stitichezza?

    2. Anonimo -

      No nessun disturbo a urinare né diarrea né stitichezza ho solo molta sete di notte e anche adesso un dolore come un peso sopra l inguine.

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Onestamente sono in difficoltà nell’esprimere giudizi, ma se non sono dolori forti potrebbero anche essere piccoli fastidi del tutto normali da gravidanza.

    4. Anonimo -

      Dottore buonasera allora dall esito dell uricoltura è risultato il battere escherichia coli carica batterica 1000000. Ecco perché mi sentivo male. Il ginecologo mi ha dato augmentin x 6 gg … speriamo bene… sono solo di 10 settimane…mi avrebbe detto che questo antibiotico non farebbe niente ma io sono molto preoccupata. Grazie mille.

    5. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Sono felice che sia stata trovata la causa; le confermo che Augmentin è assolutamente sicuro in gravidanza, l’aveva usato anche mia moglie.

    6. Anonimo -

      Davvero Dottore grazie mille allora di cuore questo che fornisce è un ottimo servizio. Buona serata.

  23. Anonimo -

    Dottore le volevo chiedere un consiglio cone malattie infettive ho già avuto rosolia e varicella domani avrei un pranzo a casa di un amica e ci saranno dieci bambini e siamo tutti chiusi dentro una stanza e sono sotto antibiotico augmentin posso stare tranquilla? O potrei prendere raffreddore influenza da un qualche bambino?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      È incinta?

    2. Anonimo -

      Si sono la signora di ieri sono incinta di dieci settimane e siccome dall urinocultura mi hanno trovato escherichia coli sto prendendo augmentin….

    3. Anonimo -

      Ho paura per citolomegavirus scarlattina ecc… ma se ho paura di tutto dovrei stare chiusa in casa giuato?

    4. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Se fosse suscettibile al CMV onestamente qualche dubbio viene anche a me, anche se di fatto mia moglie in gravidanza ha sempre fatto più o meno tutto.

    5. Anonimo -

      Gentile dottore per essere suscettibile cosa intende? Il 10/09 l esame era negativo. Ho 40 anni e una gravidanza avuta con ovodonazione e mi sento sempre stanca e fon l affanno anche solo a fare una rampa di scale.

    6. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      “Suscettibile” significa non immune, cioè a rischio.

      Se è stata una gravidanza non banale da ottenere a maggior ragione vale la pena prendere qualche cautela in più, ma consideri comunque che io sono un po’ fissato su queste cose.

  24. Anonimo -

    Buonasera dottore,
    Ho ritirato alcune analisi del sangue prescrittemi dal nutrizionista e, mentre per quanto riguarda il sangue, l’unico valore sballato sono i ggt (48 su valore max 36, problema che mi porto avanti da anni), per quanto concerne l’esame delle urine risultano chetoni (15 su valori 0-10) e rare emazie. Devo preoccuparmi? Secondo lei a cosa può essere dovuto? Ho 33 anni, normopeso, seguo una dieta varia (carboidrati, proteine e verdure), anche se da tre settimane ho tolto i latticini per curare un problema di reflusso gastrico. Assumo anche 15 gocce al giorno di nux vomica e una pastiglia di gerdoff la sera.
    La ringrazio per la cortesia…

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Beve alcolici?

  25. Anonimo -

    buonasera!
    chiedo un consiglio: ho 33 anni, alta 1.60, peso 53kg e sono vegetariana da sempre. ho deciso di far delle analisi ‘base’ perche’ non mi sento molto in forma nell’ultimo periodo, che e’ stato comunque difficile e stressante per me per svatiate circostanze: qualche malditesta, tensione, giro di testa, spossatezza e stati confusionali.. oggi ho ritirato il referto delle analisi sangue+ urine ed ho tutto nella norma, meno dei chetoni nelle urine. valori di riferimento ‘assente’, sul mio referto c’e’ scritto ‘tracce’.
    credo di aver una dieta sana ed equilibrata, assumo molti carboidrati e qualche giorni di far le analisi ho provato per un paio di giorni la spirulina in polvere, che ho sospeso due giorni prima del prelievo.
    ho comprato un tester in strisce per i chetoni che faro’ domani.. nel mentre volevo un consiglio su cosa fare e soprattutto su quanto preoccuparmi 🙂 !
    grazie!

    manuela

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Senta il medico, ma non credo che sarà considerato un problema; vegetariana o vegana? Ha verificato anche ferro e B12?

    2. Anonimo -

      buonasera! grazie mille per la
      risposta.
      il ferro e vitamine ok.
      ho sentito il mio medico e mi ha detto che il valore e’ assolutamente trascurabile.
      ho comunque fatto il test casalingo con le
      striscie.. e su 5 volte, 4 e’ risultato negativo, nessuna presenza. soltanto una volta e’ risultato positivo con il livello minimo e la
      sera prima avevo bevuto un drink alcolico.
      mi pare di capire che sia un valore facilmente variabile ed il valore di riferimento ‘assente’ potrebbe non essere forse cosi’ categorico.. o sbaglio?

    3. Anonimo -

      sono vegetariana ma non amo molto i latticini e le uova, quando posso li evito, ma purtroppo lavorando e mangiando fuori, ne mangio almeno 2/3 volte a settimana.

    4. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      1. Esatto.
      2. Chiedevo se vegana perchè il rischio è una carenza di B12 in assenza di integrazioni.

  26. Anonimo -

    Buona sera Dottore. Ho riscontrato dalle analisi delle urine tracce di corpi chetonici. I giorni prima ho limitato zuccheri e carboidrati, credo sia dovuto proprio a questo. Ultimamente ho assunto molti zuccheri e carboidrati, ma non ho rifatto le analisi. Spero che il problema si possa risolvere reintroducendo la giusta dose di zuccheri ( non eccedere come mi era solito) e carboidrati. Per il resto le analisi vanno bene. Certo, mi sento un poco spossata e sono dimagrita (non volutamente) di qualche chiletto in due anni (stress ed ansia eccessiva, poche ore di sonno). Vorrei ricevere consigli su come solitamente si risolve una situazione di chetosi in soggetti non diabetici (dunque con colpa da dare a qualche giorno di dieta differente). Grazie.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Si risolve esattamente come ha deciso di fare, ossia ripristinando una corretta alimentazione con particolare attenzione all’equilibrio tra i nutrienti.

  27. Anonimo -

    Salve dottore,
    Sono una ragazza di quasi 21 anni, quest’anno estate ho avuto due episodi di cistite con ematuria curati prima con monuril e poi, vista la persistenza, con antibiotico ciprofloxacina per 10 giorni. Dopo due settimane ho eseguito esame delle urine che ha rivelato la presenza di numerosi cristalli di ossalato di calcio e cellule epiteliali, mentre l’urinocoltura é risultata negativa. Su indicazione del medico ho evitato di assumere cibi contenenti calcio per un mese e ho iniziato a bere acqua sant’anna (prima bevevo quella di casa). Ad oggi continuo ad avere problemi in quanto sento il bisogno di urinare frequentemente, spesso sento bruciore e, A volte, dopo aver urinato, quando mi alzo sento una fitta al basso ventre. Ho rifatto settimana scorsa analisi delle urine e urinocultura (negativa): il ph é di 5.5 (non ci sono valori di confronto), sono presenti corpi chetonici che dovrebbero essere assenti ma accanto c’è scritto “valore controllato” (che significa?) e sono sempre presenti cellule. Che dovrei pensare? Tengo a precisare che bevo da 1.5 a 3 litri al giorno, non bevo alcolici e non fumo.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Da questi esami sembra tutto in ordine, verificherei quindi con l’aiuto di un urologo.

    2. Anonimo -

      Salve i referti del esame delle urine hanno i corpo chetonici:
      150.0 valore riferimento massimo 5.0
      La S-Tireotropina: 0.183
      Valore riferimento 0.200/4200
      Avrebbe per cortesia un parere
      Grazie

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      La tiroide sembra lavorare un po’ troppo.

      L’alimentazione è varia?

    4. Anonimo -

      L’alimentazione e’ regolare sono vegano mangio alle 12 e alle 18:30 regolarmente qualche spuntino ma sono abbastanza regolare

    5. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Pochi carboidrati?

    6. Anonimo -

      Carboidrati ne consumo
      Regolarmente
      E da 2 mesi circa soffro di
      Polydipsia e polyuria

    7. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      È stata verificata anche la glicemia a digiuno?

    8. Anonimo -

      Esame sanguigno
      S/P Glucosio 81
      riferimento 60/100
      S/P Urea 15
      riferimento <50
      Esame chimico urine
      Ph 7.0
      riferimento 4,5/8.0
      peso specifico 1,021
      riferimento 1.005-1030

    9. Anonimo -

      Il glucosio e’ arrivato anche a 98 ovvero alla soglia del limite di riferimento massimo che è 100

    10. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Mi dispiace, ma non mi sento di fare ipotesi, raccomando tuttavia di segnalare i valori al medico e soprattutto i sintomi.

    11. Anonimo -

      Grazie mille

    12. Anonimo -

      Salve sono Federico abbiamo parlato qualche giorno fa circa i valori alti dei corpi chetonici e forte polidipsia + poliuria.Ho appeno fatto altri esami in particolare l’esame della Corticotropina ACTH ed è il seguente: 4,9 i valori di riferimento sono:7,2-63.3
      Il cortisolo è il seguente:121 valori di riferimento:62-180

    13. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Purtroppo ci stiamo spostando su esami su cui non mi sento in grado di esprimere giudizi, mi dispiace, ma se mi tiene al corrente mi fa piacere (onestamente mi sembrano comunque buoni).

    14. Anonimo -

      D’accordo la terrò informata,mercoledi li consegnero’ all endocrinologo e non appena saprò qualcosa glielo comunichero’
      a presto

    15. Anonimo -

      Salve,
      Per tenerla aggirnato ho svolto alcuni esami del sangue e i seguenti valori sono leggermente alterati:MCV 97.0 valori di riferimento 80.0-95.0
      MCH 33.0 valori di riferimento 27.0-32.0
      RDW SD 50.2 valori di riferimento 39.0-48.0
      Cordiali saluti

    16. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Questi valori non credo che verranno considerati un problema.

    17. Anonimo -

      Salve,
      Ho appena fatto una visita dall’endocrinologo che mi ha
      detto che il calcolo dell’osmolalita plasmatica 300 è elevato purtroppo non so i riferimenti.
      Mi ha anche detto che è necessario un breve ricovero in ospedale per eseguire ulteriori accertamenti

    18. Anonimo -

      Dimenticavo
      Ha poi scritto: è possibile che tale dato sia da ricondurre a diabete insipido nefrogenico o polidipsia psicogena

      Cordiali saluti

    19. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Mi dispiace moltissimo sapere che dovrà verificare con un ricovero… Per approfondire questo esame le segnalo questa scheda:

      http://www.labtestsonline.it/tests/osmolalit.html?tab=3

      300 non è un valore elevatissimo (in genere il limite è 295), quindi ho ancora speranza che sia un falso allarme (polidipsia psicogena), ma purtroppo ormai siamo su un terreno che non padroneggio.

      La ringrazio per l’aggiornamento.

  28. Anonimo -

    La mia bambina di 4 anni ha fatto gli esami della urine ed è risultato che i corpi chetonici sono45,0 con valore di riferimento Assenti. Mi devo preoccupare? È reduce da una varicella e da qualche giorno di febbre non particolarmente alta. Grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      A mio avviso non è assolutamente preoccupante, a maggior ragione con la passata varicella. Raccomando ovviamente di verificare anche con il pediatra.

  29. Anonimo -

    Salve dottore, sono incinta da 14 settimane ho il diabete gestazionale e sono sotto controllo glicemia facendo l’analisi del sangue per i chetoni esce negativo anche tramite le strisce delle urine ma l’altro giorno ho fatto l’esame delle urine ed è uscito corpo chetonici 10 valori di riferimento 0-0. cosa significa? mi devo preoccupare? grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      L’esame in laboratorio è più preciso e rileva quindi anche tracce molto piccole; non dovrebbe essere considerato un problema, ma ovviamente lo verifichi anche e soprattutto con il ginecologo.

  30. Anonimo -

    Buonasera
    Ho 50 anni e ritirato gli esami del sangue\urine fatti x un normale controllo.
    chetoni 10
    Proteine 50
    Nelle urine. Cosa puo’ significare?
    Tutti gli altri valori nella norma.
    Pratico molto sport,peso regolare (80 kg x 1.90) anche se ho perso circa 15 kg in un anno.
    Mangio poca pasta\pane…molti vegetali e carne 2 volte a settimana.
    Grazie
    S.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      La dieta povera di carboidrati (che le consiglio di correggere) può spiegare i due valori, ma raccomando di verificarli anche con il medico.

  31. Anonimo -

    Buongiorno Dottore,
    sono Simone ho 37 anni, ho fatto gli esami del sangue e delle urine,
    in linea di massima i valori rientrano nei parametri indicati, quello che è fuori è la CREATININEMIA 0,79 mg/dL valori di riferimento 0,84 – 1,25
    COLESTEROLO TOTALE 205 mg/dL valori di riferimento < 200 desiderabile
    e per l'esame delle urine
    Corpi chetonici 20,0 +1 mg/dL valori di riferimento Assenti

    Vorrei avere un suo parere,
    è diverso tempo che ho eliminato dalla dieta il pane, o meglio lo mangio magari il sabato e la domenica ma mai in settimana, insieme anche a pizza il sabato o domenica, mentre in settimana mangio poca pasta (un paio di volte a settimana), mangio prevalentemente carne e verdura e frutta.

    Inoltre ultimamennte ho un po' di alitosi
    Grazie del suo parere.
    Simone

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Alitosi e chetoni nelle urine sono spiegati dalla dieta carente di carboidrati (che onestamente non condivido).

      Il colesterolo credo che verrà giudicato più che accettabile dal medico.

      Una creatininemia più bassa del normale in genere non è un problema, in quanto la sostanza è un prodotto di scarto.

      Raccomando di verificare comunque ciascun valore con il medico.

    2. Anonimo -

      La ringrazio,
      il problema potrebbe risolversi aumentando i carboidrati?
      A cosa puo’ portare questo valore un po’ alto di corpi chetonici?
      Grazie

  32. Anonimo -

    Buonasera volevo farle una domanda sono alla 33 sett.e per avere il glucosio basale a 92 mi è stata indicata una dieta…con le analisi delle urine mi sono usciti i chetoni con un valore di 10 premetto che la mattina mi alzo con lo stomaco che borbotta. Ho provato a ripetere a digiuno l’esame con le strisce e è tutti ok mi devo preoccupare???

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      A mio avviso no, ma ovviamente verifichi con il diabetologo che la segue.

  33. Anonimo -

    Ce il mio figlio da 8 anni ce chetoni 40 mg/dl voleva saper cosa sinificha

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      È un principio di chetosi (quello che talvolta si chiama acetone); limiti drasticamente i grassi per qualche giorno e gli faccia bere qualche sorso di the zuccherato, coca cola o altra bevanda zuccherata.

      Ovviamente senta prima il pediatra.

  34. Anonimo -

    Salve sono incinta di 31 settimane.ho diabete gestazionale sto seguendo la dieta e mi controllo .la mattina a digiuno ho la glicemia sopra i 95 e quindi dovrò comincia re l insulina.. sto controlando anche i chetoni nel sangue che fino ad ora erano tra 0,2-0,4 oggi invece li ho trovato a 0,6 da cosa dipende la salita di questi chetoni ?grazie dottore !

  35. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo) -

    Salve, è un valore che potrebbe suggerire un momentaneo calo di glicemia o un eccesso di consumo di lipidi. Ma è un valore a mio avviso ancora nei limiti a cui non dare particolare peso. Ovviamente deve continuare a monitorare la situazione . Saluti

    1. Anonimo -

      La diabetologa dice che i chetoni devono essere assenti ma è impossibile..mentre volevo chiederle a secondo lei è necessaria l insulina considerando che al mattino a digiuno i mio valori vanno da un minimo di 93 a un Max di 103? Mi ha prescritto 5 unità la sera prima di andare a dormire io sono contraria non so che fare..

    2. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Proceda con fiducia, durante la gravidanza è indispensabile per il bene e la sicurezza di entrambi che il controllo della glicemia sia ottimale.

  36. Anonimo -

    Salve, sono un ragazzo di 21 anni. Dalle analisi delle urine svolte due giorni fa ho notato il valore dei corpi chetonici fuori posto: 2,3 (<0,5 mmol/l). Vorrei sapere se è necessario approfondire. Premetto che sono affetto da più di 10 anni da Morbo di Still e faccio settimanalmente una puntura da 10 mg di Methotrexate. Altra cosa, sono in dieta da un mese e mezzo, pasta ne sto mangiando anche se in quantità minime e pane quasi tolto del tutto, sostituito da un paio di fette biscottate la sera sporadicamente. Vi ringrazio in anticipo per il servizio che offrite.

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Una dieta povera di carboidrati è una spiegazione assolutamente plausibile, ma raccomando comunque di verificare con il medico.

  37. Anonimo -

    Buongiorno dottore,sono.alla 7 settimana e dalle analisi risulta presenza d chetoni nelle urine(premetto che non mangio pane e poca pasta e riso)può essere per questo? Inoltre ho il valore pdw a 11.6 e i valori d riferimento sono 15_ 17…. mi devo preoccupare? La ringrazio

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Sì, è per questo.

      Perchè non mangia carboidrati?

    2. Anonimo -

      Ne mangio pochi e il pane l.ho elininato ma.lo reintegro sucuramente. Le pongo un altra domanda…se ho la glicemia a 90 è diabete gestazionale?? Mio padre è diabetico…grazie

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      90 non è ancora diabete gestazionale, ma anche il paziente diabetico DEVE assumere carboidrati; rivaluti la dieta con il suo ginecologo, anche e soprattutto per la sicurezza del feto.

    4. Anonimo -

      Si adesso li mangerò sicuramente…di solito prediligo carne e pesce e riso e pasta una volta la settimana,cercherò di mangiarne di piu..cosi puo andare?? Grazie mille della sua disponibilità e gentilezza

    5. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Ovviamente ne parli con il ginecologo, mi raccomando, ma cerchi di consumarne ogni giorno (meglio se integrali).

  38. Anonimo -

    Buonasera, ho fatto le analisi di sangue e urine, tutto ok tranne la presenza di corpi chetonici (valore 5 sul valore di riferimento “assenti”) la sera prima ho bevuto qualche birra in più a digiuno il che ha portato a dare di stomaco (sono un cretino e lo so) può essere dovuto a questo?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo) -

      Sì, se non ha altre patologie è molto probabile che la causa sia quella, le ripeta nella situazione più consona.

  39. Anonimo -

    Salve dott. Io ho fatto esamen del sangue e urine e i valori vano bn gulcosio assente glicemia 69 pero c’è scritto chetoni trace sono preoccupata la dottoressa a messo una stella grazie infinite aspetto risposta

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista) -

      Chetoni nelle urine?
      La sua dieta è equilibrata?

  40. Anonimo -

    Buonasera,
    sono una ragazza di 28 anni. Recentemente ho effettuato un esame delle urine completo ed una urinocoltura in quanto riferivo i seguenti sintomi: bisogno frequente di urinare (senza bruciori ma anche fino a 12-13 volte al giorno, soprattutto dopo pranzo, dopo cena e durante la notte) e lieve dolore ai lati della schiena (in basso) durante la visita dal mio medico curante. I risultati sembrano essere tutti nella norma ad eccezione del valore del PH (pari a 7, quando secondo i valori di riferimento dovrebbe essere compreso fra 5,5 e 6,5) e della presenza dei corpi chetonici, pari a 10,0 quando dovrebbero essere assenti. Tra l’altro, quest’ultimo valore, pur essendo fuori dalla norma, è privo di asterisco (a differenza del PH, chiaramente segnalato). L’urinocoltura evidenzia una assenza di crescita. Mesi fa avevo eseguito anche degli esami del sangue dai quali emergeva una situazione di anemia da carenza di ferro le cui cause sono ancora da accertare; la glicemia era nella norma. Non ho effettuato di nuovo tali esami in quanto il mio medico non lo ha reputato necessario. Aggiungo che soffro da anni di insonnia, di dolori gastrici la cui causa non è purtroppo stata ancora scoperta e di stitichezza (dalla nascita, anche se ultimamente è nettamente peggiorata); non fumo, non consumo alcolici, bevo circa due litri di acqua al giorno, non seguo diete particolari (nel senso che mangio più o meno un po’ di tutto: pasta o riso e/o pane, carne, pesce, verdure, poca frutta – non riesco a farmela piacere molto -, frutta secca, yogurt ecc.) ed ho uno stile di vita piuttosto sedentario. Il rapporto peso/altezza è nella norma. Sulla base di tutto questo, a cosa potrebbero essere dovute le anomalie del PH e dei corpi chetonici nelle urine? Grazie mille in anticipo per la risposta e per il sevizio offerto.

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo) -

      Buongiorno, in mancanza di problematiche diabetiche, i corpo chetonici nelle urine possono essere presenti anche a causa di un prolungato digiuno. Per il Ph leggermente aumentato le cause sono molto aspecifiche ( rialzo termico, disidratazione, infezione). potrebbe essere utile ripetere l’esame. saluti

La sezione commenti è attualmente chiusa.