Valori Normali

  • IgM: negativo
  • IgG negativo

(Attenzione, gli intervalli di riferimento possono differire da un laboratorio all'altro, fare quindi riferimento a quelli presenti sul referto in caso di esami del sangue ed urina.)

Descrizione

L’esame per l’herpes simplex viene eseguito per identificare l’infezione in fase acuta (cioè in corso) o per capire se il paziente in passato sia stato esposto al virus; virus che può interessare principalmente due zone del corpo,

Più raramente il virus può colpire gli occhi, la pelle o altre parti del corpo; in genere non causa grosse complicazioni oltre al fastidio dovuto ai sintomi, ma fanno eccezione i neonati e le persone con sistema immunitario indebolito, che sono possono andare incontro a complicazioni più serie.

Esistono due tipi di HSV:

  • HSV di tipo 1, che più comunemente provoca l’herpes labiale.
  • HSV di tipo 2 che è la causa usuale dell’herpes genitale.

Come conseguenza della diffusione dei rapporti oro-genitali negli ultimi decenni questa distinzione è tuttavia sempre meno netta.

L’HSV si diffonde attraverso il contatto diretto; alcune persone non mostrano alcun sintomo, mentre nella maggior parte dei casi si manifestano vescicole dolorose nella zona di infezione.

La maggior parte dei pazienti colpiti manifesta recidive più volte durante l’anno, anche se con il tempo in genere la frequenza tende a diminuire.

Il virus è altamente contagioso e può essere facilmente trasmesso da persona a persona attraverso il contatto diretto; purtroppo non è possibile guarire in modo definitivo da quest’infezione una volta contratta, anche se resta inattiva (dormiente) per la maggior parte del tempo.

Periodicamente può venire riattivato in seguito ad alcuni eventi specifici:

  • esposizione prolungata alla luce solare,
  • infortunio nella zona d’infezione,
  • freddo intenso,
  • mestruazioni,
  • stress,

In alcuni soggetti che contraggono l’infezione, che manifestano quindi la presenza degli anticorpi, i sintomi non compariranno mai.

Il virus dell’herpes simplex si può trasmettere attraverso il contatto cutaneo quando le lesioni sono aperte o stanno guarendo, ma a volte anche quando non ci sono lesioni visibili. L’HSV-2 in molti casi è una malattia sessualmente trasmessa, ma anche l’HSV-1 può essere trasmesso tramite i rapporti orali e colpire la zona genitale.

In rari casi il virus può causare l’herpes neonatale, se la mamma trasmette il virus al neonato durante un parto naturale. I sintomi dell’herpes neonatale compaiono nel primo mese di vita del bambino e, se non vengono curati, possono causare problemi di salute sul lungo periodo. Le gestanti a cui è stato diagnosticato l’herpes devono essere controllate regolarmente prima del parto, per capire se l’infezione si è riattivata: in questo caso, per evitare il contagio del bambino, potrebbe essere necessario il parto cesareo.

Ricostruzione grafica dell'herpes virus

iStock.com/Dr_Microbe

Herpes genitale

Quando si manifesta a livello genitale l’infezione risultante è considerata una malattia sessualmente trasmessa; il contagio avviene attraverso il contatto con lesioni, mucose, secrezioni genitali, o secrezioni orali (quando l’infezione è presente a livello labiale).

Purtroppo la trasmissione può avvenire anche in assenza di vescicole.

Diagnosi

I test HSV più usati per i pazienti con ulcere genitali presenti al momento della prescrizione sono

  • la coltura virale
  • e il rilevamento del DNA virale mediante reazione a catena della polimerasi (PCR).

La coltura richiede la raccolta di un campione dalla vescicole e inoculato in cellule presenti nel terreno di coltura; a seguito della replicazione virale si potrà verificare se sia presente il virus ed eventualmente di che tipo (HSV-1 o HSV-2). La sensibilità di questa metodologia è purtroppo bassa e strettamente dipendente dalla fase in cui avviene il prelievo (con la progressiva guarigione si riduce la sensibilità dell’esame). Ci possono quindi essere risultati falsi negativi se il campione non contiene una quantità sufficiente di virus attivo, ad esempio perché la coltura viene effettuata dopo più di 48 ore dalla comparsa dei sintomi.

La PCR è sicuramente più sensibile, consente di ottenere risultati più rapidi e precisi e per questo viene sempre più richiesta; questo metodo individua il materiale genetico del virus dell’HSV in un campione di fluido delle vesciche, di sangue o di altri fluidi, ad esempio di liquido spinale. L’esame del DNA di norma viene eseguito se la coltura è negativa, ma il medico sospetta che il paziente abbia l’herpes, oppure se il paziente ha già fatto una cura per l’herpes. Questo tipo di esame individua il virus e il suo tipo. È più sensibile rispetto alla coltura, quindi è utile se il virus è presente in minime quantità (ad esempio nel caso dell’encefalite virale) o se il paziente presenta i sintomi già da alcuni giorni. Questo metodo è il più utile per individuare la meningite, l’encefalite o la cheratite (infiammazione della cornea) provocata dal virus dell’herpes.

Poichè la diffusione virale è intermittente nel tempo, un eventuale risultato negativo non esclude al 100% che il paziente sia portatore dell’infezione.

I test sierologici sono esami del sangue in grado di rilevare gli anticorpi diretti conto il virus dell’herpes. Alcuni vecchi esami non erano in grado di distinguere con precisione il virus HSV-1 dal virus HSV-2, ma i test più recenti e specifici sono in grado di fornire risposte più precise e affidabili.

Gli anticorpi anti-HSV sono proteine specifiche che l’organismo produce e mette in circolo per combattere l’infezione. La produzione delle immunoglobuline M anti-HSV (IgM) inizia diversi giorni dopo la prima esposizione al virus e questi anticorpi sono individuabili nel sangue per diverse settimane. Dopo la produzione delle immunoglobuline M, inizia quella delle immunoglobuline G (IgG). La concentrazione di queste ultime nel sangue continua ad aumentare per alcune settimane, poi diminuisce gradualmente e alla fine si stabilizza. Tutti i pazienti contagiati dal virus dell’herpes simplex, quindi, continuano a produrre minime quantità di immunoglobuline G, che viene cioè considerato un anticorpo di memoria (un paziente infetto avrà per sempre livelli misurabili di IgG, mentre solo in occasione delle riattivazioni sarà possibile rilevare gli anticorpi IgM). L’esame degli anticorpi è in grado di individuare sia l’herpes simplex sia di tipo 1 sia di tipo 2.

La sensibilità dei test sierologici specifici per il tipo per HSV-2 (che più frequentemente colpisce a livello genitale) variano tra l’80-98%; i risultati falsi-negativi potrebbero essere più frequenti nelle prime fasi dell’infezione, mentre eventuali falsi positivi possono verificarsi in caso di di risultati numericamente bassi e possono richiedere conferma con un altro test, come Biokit o il Western Blot.

Interpretazione

  • Il risultato positivo della coltura o dell’esame del DNA dell’HSV da un campione prelevato da una vescica indica che è in corso un’infezione da HSV-1 o da HSV-2.
  • Il risultato negativo indica soltanto che il virus dell’herpes simplex non è stato individuato, ma non esclude definitivamente la presenza del virus. Se il campione non contiene una quantità sufficiente di virus attivo (che si replica) o se il campione non è stato conservato in condizioni ottimale, il virus può non essere individuato, cioè l’esame può dare un risultato falso negativo.

La presenza nel sangue delle immunoglobuline M (di uno qualunque dei due tipi di virus) indica un’infezione attiva o recente. Le immunoglobuline G indicano che il paziente è stato contagiato in passato. Un aumento significativo delle immunoglobuline G, misurato confrontando un campione prelevato durante la fase acuta e uno prelevato durante la convalescenza, indica un’infezione attiva o recente.

IgM IgG Valutazione
Negativo Positivo Infezione passata
Negativo Negativo Nessuna esposizione
Positivo Negativo Infezione molto recente
Positivo Positivo Infezione in atto

Il risultato negativo nell’esame degli anticorpi indica che è improbabile che il paziente sia stato esposto all’HSV oppure che l’organismo non ha ancora iniziato a produrre gli anticorpi.

Quando viene richiesto l'esame

Quest’esame viene richiesto se il medico sospetta che il paziente sia stato contagiato dall’herpes oppure se presenta i sintomi dell’herpes, in particolare:

  • pazienti con sintomi genitali ricorrenti o sintomi atipici;
  • pazienti con una diagnosi clinica di herpes genitale, ma nessuna conferma di laboratorio;
  • pazienti che riferiscono di avere un partner con l'herpes genitale;
  • pazienti che richiedono una valutazione per le principali malattie sessualmente trasmesse.

Preparazione richiesta

  • Il medico o l’infermiere prelevano il campione per l’esame con un tampone o praticando una piccola incisione direttamente su una vescica.
  • Se l'esame viene richiesto in seguito ad un sospetto di meningite o encefalite si può prelevare un campione di liquido spinale dalla colonna vertebrale.
  • Per l’esame degli anticorpi, il campione di sangue viene prelevato da una vena del braccio.

Per quest’esame non è necessaria nessuna preparazione particolare.

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro (fonti principali utilizzate per le analisi http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill).

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.
  1. Anonimo scrive il

    buon giorno doctore oggi o avuto il resultati dei referti del herpes e e il seguente, Ab HERPES SIMPLEX VIRUS 1-2 Ig G metodo CLIA presete assente è il Ig M assente assente cosa significa è il herpes labial o genitale e presente o lo avuto in pasado visto che o sintomi y herpes vulvares pero del tampone locale de la vulva mi risulta negativo grazie è scusi

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Non sappiamo se l’esito si riferisca al tipo labiale o vaginale, ma quello che emerge dall’esame è che al momento NON c’è alcuna infezione in corso.

    2. Anonimo scrive il

      la ringrazio, ma si el exito e cosi e io o lesioni in questo momento è probabile che si trate di cualcosa altro mi scusi ancora, o il valori de la diabetis glicada en 41 e il valori di la vitamina D3 un po carente , aparte questo tutti li altri risultati sono normali, po dirme altro, il apuntamento de mio medico è la pròxima setimana, mie saluti

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Se ci sono lesioni sono probabilmente dovute ad altro, se fossero herpes gli IgM sarebbero stati positivi.

  2. Anonimo scrive il

    Nel dicembre 2014 ho avuto una forma di varicella. Attualmente ho fatto degli esami di
    Laboratorio per determinare il rischio di herpes zoster e quindi ricorrere eventualmente alla vaccinazione. I valori sono:
    Herpes1-2 abs igm 2,60
    Herpes tipo1 abs igg 42,10 !!!!!!
    Herpes tipo 2 abs igg 1,30
    Sono a rischio herpes zoster???? Grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Valori di riferimento?

      Mi permetto tuttavia di segnalare che gli esami fatti non riguardano l’herpes zoster, ma l’herpes simplex.

    2. Anonimo scrive il

      D’accordo, comunque quel valore cosi alto che cosa sta a significare?
      Quale esame devo fare per verificare se sono a rischio per l’herpes zoster.
      Mi interessa poiché’ in caso positivo ricorrerei alla vaccinazione.
      Grazie ancora.

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Per rispondere alla domanda sui risultati avrei bisogno dei valori di riferimento.

      Per quanto riguarda lo zoster se ha fatto la varicella non c’è bisogno di alcuna analisi, lei è a rischio come tutti i soggetti che abbiano fatto la malattia.

  3. Anonimo scrive il

    Salve,

    a seguito di controllo con prelievo relativo alla trasmissione di malattie sessualmente trasmissibili, ho rilevato i seguenti valori dell’herpes 1-2.

    HERPES VIRUS 1-2 ANTICORPI IgM: 0,6

    HERPES – 2 IgG : 1,2

    I restati esami hanno tutti esito negativo

    Vi chiedo cortesemente un parere medico.

  4. Anonimo scrive il

    Buongiorno dottore, da un mese e mezzo soffro di dolori cominciati come un pugnale piantato nella scapola dx. Ho preso di tutto, naturalmente prescritto dai medici che ho consultato: dagli antinfiammatori vari, miorilassanti, cortisone, antidolorifici. Ora vengo curata per la situazione della spalla con antinfiammatori naturali. Due neurologhe in base alla mia descrizione del dolore ormai pregresso mi hanno fatto una diagnosi di herpes zoster sine herpete. È trascorso un mese dalla fase acuta. Ora sto meglio ma non sto bene. Mi piacerebbe sapere se ho avuto un episodio di herpes zoster anche se nessuno dei medici mi ha prescritto l’esame, perché dicono che si tratta di ricerca priva di un senso a questo punto. Che valori troverei se si fosse trattato di herpes zoster? La ringrazio per la risposta che vorrà darmi

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo) scrive il

      Salve, se ha avuto la varicella da piccola ha comunque gli anticorpi, quindi pur trovandoli non ci darebbero diagnosi di herpes zoster (il virus è lo stesso che causa anche la varicella al primo contatto, rimane poi latente nei nervi, ci conviviamo, non va mai via, ma si può riattivare in caso per esempio di stress, calo della difese immunitarie, infiammazioni), per cui concordo col fatto che non abbia senso fare il dosaggio anticorpale. Saluti.

  5. Anonimo scrive il

    salve sono malata de herpes genitale e sono incinta e sono preocupata per il bambino,,ho letto tutto e per non prendere la malatia il bambino devo partorire cesario,sono preocupata perche al ginecologo non ho detto niente,,,,,per sapere se e a rischio alora devo faee le analize….grazie mille, sono contenta che sono rimasta incinta perche aspetavamo da tanto ma quando penso ala malatia sto male.grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo) scrive il

      Salve, deve assolutamente dirlo al suo ginecologo, è pericoloso per il bambino, e comunque probabilmente il ginecologo lo scoprirà da solo, ma lo deve avvisare subito. Saluti.

    2. Anonimo scrive il

      Buonasera dottore, ho eseguito il test del sangue per valutare l’ esistenza dell’ herpes simplex e volevo avere una lettura più chiara degli esami, vi posso spedire i resul.via emeil?

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Se possibile preferirei risponderle qui, in modo che il suo caso possa essere eventualmente utile anche ad altri lettori.

  6. Anonimo scrive il

    Buonasera dottore, ho eseguito il test del sangue per valutare l’ esistenza dell’ herpes genitale e volevo avere una lettura più chiara degli esami, questo è il risultato:
    -TREPONEMA AB TOTALI IgM (LUMINESCENZA) <0.10 RIF. 1.1 reattivo
    -ANTIC.ANTI HERPES VIRUS I IgG 0.25 RIF. 1.0 ICO REATTIVO
    -ANTIC.ANTI HERPES VIRUS II IgG 0.08 RIF. 1.0 ico reattivo
    -ANTIC.ANTI HERPES VIRUS I/2 IgM 1.62 (confermato) Rif. 1.1 index positivo

    premetto che è da qualche mese che ho quasi sempre un fastidio/prurito anale… cosa mi consiglia di fare? l’ ultimo valore più alto a cosa fa riferimento? grazie in anticipo

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      A mio avviso non si tratta di herpes, perchè se lo fosse essendo presenti i sintomi da diversi mesi sarebbero presenti anche gli IgG (e peraltro gli IgM sono sì positivi, ma numericamente parlando lo sono in modo trascurabile).

      Come sempre l’ultima parola spetta al suo medico.

    2. Anonimo scrive il

      la ringrazio dottore, quali ulteriori esami potrei fare per avere qualche certezza in più? grazie

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Ne parli al medico che ha richiesto l’esame, non credo che riterrà necessario sottoporla a ulteriori approfondimenti per quanto riguarda l’herpes.

  7. Anonimo scrive il

    buongiorno, sono affetta da herpes genitale e il mio medico mi ha prescritto degli esami del sangue per stabilire se il virus è di tipo 1 o 2 ma dai referti risulta
    Ac anti HSV-1/HSV-2 IgG Presenti
    Ac anti HSV-1/HSV-2 IgM Assenti
    e nient’altro è scritto sul referto. Significa che sono affetta da entrambi i tipi?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Da questi esami non è possibile stabilire il topo di virus; gli esami sono stati fatti mentre aveva la manifestazione?

    2. Anonimo scrive il

      Si sono stati fatti durante la guarigione di una recidiva, perchè?
      In quel caso non si può stabilire? non capisco se nel condurre gli esami abbia sbagliato a scrivere il mio medico nell’impegnativa o abbiano sbagliato le analisi.

    3. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Da queste analisi deduciamo che:

      1. Lei è venuto in contatto con un herpes virus, ma non sappiamo con certezza quale dei due perchè sia IgM e che IgG non distinguono i due casi.
      2. In genere l’herpes genitale è il tipo 2, ma negli ultimi anni la distinzione non è più così netta.

    4. Anonimo scrive il

      Ho capito.. quindi non è stato possibile rilevarli perchè non sono più distinguibili nel mio sistema? Se lo ripeto tra una recidiva e l’altra è possibile che venga identificato il tipo?
      Era giusto per capire se è un problema tecnico dato da questo fattore o se l’impegnativa era sbagliata e devo ripetere l’esame.

    5. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      C’è stato un errore, o da parte del medico, o da parte del laboratorio, perchè di norma si riescono a distinguere.

      Ritengo che possa essere interessante farlo durante la fase acuta, in modo da avere conferma cerca che si tratti di herpes.

  8. Anonimo scrive il

    Buongiorno dottore vorrei avere delle delucidazioni sul virus dell’herpes simplex 1. Ho una bambina di quasi 2 anni, noi spesso in famiglia soffriamo di herpes e ci è capitato più volte di averlo avuto in questi due anni, fortunatamente senza averlo trasmesso (credo) alla bambina. Ho letto che l’infezione primaria di questo virus può portare la stomatite erpetica, ma è una condizione prevalente in caso di infezione primaria oppure può essere anche asintomatica.
    Da una settimana la nonna con cui sta frequentemente ha un herpes labiale, e nonostante sia molto attenta a non baciarla ecc, ho paura del contagio. Quanti giorni sarebbe l’incubazione?

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      1. Può anche non verificarsi.
      2. In genere tra i due e i 12 giorni.

  9. Anonimo scrive il

    Herpes Simplex 1/2 IgG valori 3.70
    Herpes Simplex 1/2 IgM valori 3.50
    Valori di riferimento: Negativo 20
    Quindi il risultato e negativo??

  10. Anonimo scrive il

    Anticorpi herpes 1 igg 3.4
    Anticorpi herpes 2 igg 0.2
    Anticorpi herpes 1-2 0.5

    Valori di riferimento
    1.1 positivo

    Vuol dire che ho avuto un’infezione da herpes labiale giusto?
    Mentre da herpes di tipo sessuale nn son mai venuto in contatto? Grazie

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo) scrive il

      Salve, si l’esito delle analisi sembra dire che lei ha avuto l’herpes di tipo 1 (associato alle zone orali) , mentre non pare abbia mai avuto infezione da herpes 2 che è più spesso associato alle zone intime. saluti

  11. Anonimo scrive il

    buongiorno
    le mie analisi ritirate oggi mi danno i seguenti valori

    IgG 1-2 = >30
    IgM 1-2 negativo
    IgG 2 negativo

    mi preoccupa il valore 30 , visto che nella tabella leggo che fino a 0,9 è negativo, da 1,9 a 1,1 è dubbio, 1,1 è positivo (mentre io ho addirittura >30)
    mi consigliate di fare altre analisi? qui di fianco leggo Chemiluminescenza e penso che sia il tipo di analisi fatto…

    grazie della risposta

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Significa solo che in passato è entrato in contatto con il virus di tipo 1 (quello che di solito colpisce il labbro).

    2. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      No, è semplicemente positivo a indicare una passata infezione.

  12. Anonimo scrive il

    Salve dottore sono preoccupatissima ho ritirato gli esami per la fecondazione assistita tutti perfetti tranne questo e non ho nessun problema quindi non capisco.
    anticorpi anti Herpes 2 IgG 1,06
    anticorpi anti Herpes 1-2 IgM > 3,50
    Herpes Simplex 1 IgG positivo
    mi aiuti che significa l’ho contratta in passato o ancora la ho?
    in passato ho avuto un herpes ad un occhio poi curata

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Valori di riferimento dei primi due valori?
      Possibile che abbia confuso il simbolo relativo agli IgM e sia invece “< 3.50"?

    2. Anonimo scrive il

      No dottore fa anche a me molto strano anticorpi anti Herpes 2 – igG 1,06
      anticorpi anti Herpes 1-2 IgM > 3,50
      ma cosa vuol dire?il mese scorso ho subito una miomectomia possibile mi sia venuto in seguito all’operazione?grazie

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo) scrive il

      Salve, servirebbero i valori di riferimento del laboratorio per valutare, non credo sia dovuto all’intervento; comunque sottoponga il tutto al ginecologo.

    4. Anonimo scrive il

      SALVE SONO ALESSIA I VALORI DI RIFERIMENTO NON SONO COMPLETI cmq per il primo 1,10
      del secondo 1,10
      ALESSIA

  13. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
    Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo) scrive il

    Dalle analisi sembrerebbe che sia venuta a contatto recentemente con il virus Herpes 1 o 2 in quanto gli IgM sono positivi. Ne parli con il ginecologo. saluti

  14. Anonimo scrive il

    Buongiorno Dottore,
    a seguito di un presunto contagio di herpes, mi sono comparse delle vescicole nella zona genitale con anche ingrossamento dei linfonodi inguinali. Ho così iniziato ad assumere aciclovir come probabile prima infezione del virus….a distanza di 6 giorni dalla comparsa delle vescicole e dall’assunzione di compresse di aciclovir, ho fatto gli esami del sangue per capire se stavo facendo la giusta terapia ma i risultati sono i seguenti: Anticorpi 1 IgG 6,20, Anticorpi 2IgG 1,71, Anticopri 1-2 IgM 6,60 Valori di riferimento < 8,5 Negativo. Per caso l'assunzione di Aciclovir può aver influito sulla negatività degli esami??? Cosa può capitare se ho assunto Aciclovir senza aver contratto l'herpes??? Grazie mille per la risposta!!!

La sezione commenti è attualmente chiusa.