Valori Normali

  • Uomo
    • Bambini: 0,3-6,0 mIU/ml
    • Adulti: 1,8-12,0 mUI/ml
  • Donna
    • Età prepubere: 0-4,0 mIU/ml
    • Pubertà: 0,3-31,0 mUI/ml
    • Età fertile
      • fase follicolare: 1-18 mIU/dl
      • metà ciclo: 20-105 mIU/ml
      • fase luteale: 0,4-20,0 mUI/ml
    • Menopausa: 15,0-62,0 mIU/ml

(Attenzione, gli intervalli di riferimento possono differire da un laboratorio all'altro, fare quindi riferimento a quelli presenti sul referto in caso di esami del sangue ed urina.)

Descrizione

L’ormone luteinizzante (LH) una glicoproteina prodotta dall’adenoipofisi che ha la funzione di regolare le gonadi (rispettivamente ovaie e testicolo in uomini e donne). È costituito da due sub-unità ed una delle due è in comune anche ad altri ormoni (TSH, FSH, HCG), mentre l’altra è quella responsabile dell’azione specifica.

Tanto negli uomini quanto nelle donne è essenziale ai fini dei delicati meccanismi coinvolti nella riproduzione.

Nel corpo femminile il ciclo mestruale è caratterizzato da un forte impulso che si verifica circa a  metà ciclo sotto forma di improvviso ed importante aumento delle concentrazioni nel sangue sia di LH che FSH e segna pressapoco il passaggio dalla fase follicolare a quella luteale, stimolando di fatto l’ovulazione.

Oltre a provocare lo scoppio del follicolo ed il rilascio dell’ovulo pronto per essere fecondato, lo stesso picco ormonale stimola la trasformazione del follicolo residuo in un corpo luteo che, a sua volta, inizierà a produrre progesterone per preparare l’endometrio per un possibile impianto.

LH è inoltre necessario per mantenere la funzionalità del corpo luteo per le prime 2 settimane, in caso di gravidanza dopo questi 14 giorni sarà quindi affiancato dalla produzione di HCG.

Nell’uomo agisce invece a livello testicolare per la regolazione della produzione di testosterone.

Scritta LH di fronte a una provetta di sangue

iStock.com/Shidlovski

Interpretazione

Donne

Nelle donne i livelli di LH (insieme all'FSH, che è strettamente correlato) permettono di individuare l'origine dei disturbi di insufficienza ovarica (ossia l'incapacità di svolgere la normale funzione, ovulazione compresa);

  • Si parla di insufficienza ovarica primaria (quando cioè il problema va cercato nelle ovaie stesse) se il valore di LH è alto,
  • se invece il risultato individua un LH basso la causa è presumibilmente a livello ipotalamico o ipofisario, ossia nei centri di regolazione ormonale del cervello.

Un'insufficienza primaria può avere diverse cause:

  • Difetti di sviluppo
    • Mancato sviluppo delle ovaie
    • Malattie genetiche
    • Difetto nella produzione di ormoni da parte delle ovaie
  • Insufficienza ovarica prematura (menopausa precoce)
    • Chemioterapia e radioterapia
    • Malattia autoimmune
    • Fumo
    • Eccessiva stimolazione ormonale
  • Mancanza cronica di ovulazione (ciclo anovulatorio)

A prescindere dalla causa, una diagnosi di insufficienza ovarica è in genere legata ad assenza di ovulazione, quindi di ciclo mestruale, e relativa impossibilità di rimanere incinta (almeno naturalmente).

La menopausa è a sua volta una forma di insufficienza ovarica, quindi legata a valori di LH alti.

Basse concentrazioni di LH e FSH sono indice di insufficienza ovarica secondaria e indicano un problema a monte, tra cui:

  • tumori ipofisari,
    • prolattinoma, caratterizzato da un'eccessiva produzione di prolattina,
    • adenoma ipofisario, che può secernere ACTH e indurre così una sindrome di Cushing,
  • eccessivo esercizio fisico,
  • disturbo alimentare (anoressia, bulimia),
  • disturbi psicologici (stress, ansia, depressione, che possono interferire con la produzione dell'ormone GnRH).

Utile infine accennare al rapporto (ratio in alcuni testi, dall'inglese) tra LH ed FSH misurati al terzo giorno di ciclo; normalmente il rapporto tra i due valori è di circa uno, ossia le concentrazioni sono molti simili tra loro. Nel caso in cui il rapporto diventi due o più (cioè con un valore di LH doppio, triplo od anche più elevato rispetto ad FSH) è un segnale molto forte della possibile presenza di ovaio policistico.

Uomini

Negli uomini elevati concentrazione possono indicare insufficienza testicolare primaria, questo può essere dovuto a difetti dello sviluppo nella crescita testicolare o a danni testicolari.

Bambini

Un elevato livello dell'LH è in genere associato a pubertà precoce, una condizione più comune nelle bambine che nei bambini; le cause alla base di uno sviluppo anticipato possono essere:

  • tumore del sistema nervoso,
  • trauma cerebrale,
  • infiammazioni gravi del sistema nervoso (meningite, encefalite, ...),

mentre un valore di LH basso può indicare un ritardo nello sviluppo, per le stesse possibili ragioni viste prima nel caso della donna.

Valori Bassi

  • Anoressia nervosa
  • Disfunzione ipotalamica
  • Ipogonadotropismo
  • Ipopituitarismo
  • Malnutrizione
  • Prolattinoma
  • Sindrome di Sheehan

Valori Alti

  • Abuso di Alcool
  • Acrom
  • Amenorrea
  • Assenza congenita delle ovaie
  • Insufficienza ovarica
  • Iperpituitarismo
  • Ipogonadismo
  • Menopausa
  • Mestruazione
  • Ovaio policistico
  • Pubertà precoce
  • Sindrome di Klinefelter
  • Sindrome di Stein-Leventhal
  • Sindrome di Turner

(Attenzione, elenco non esaustivo. Si sottolinea inoltre che spesso piccole variazioni dagli intervalli di riferimento possono non avere significato clinico.)

Fattori che influenzano l'esame

Alcuni farmaci possono causare un aumento dei valori, come gli anticonvulsivanti, Clomid®, e naloxone, mentre altri come la digossina, la pillola anticoncezionale ed altri trattamenti ormonali sono causa di diminuzione delle concentrazioni.

Quando viene richiesto l'esame

Nella donna la misurazione dell'LH può essere richiesta quando

  • si hanno difficoltà a rimanere incinta,
  • si stanno avendo cicli mestruali irregolari od intensi;
  • si vuole verificare un'eventuale condizione di menopausa (precoce o meno),

Nei bambini è in genere richiesto in caso di dubbio sui tempi dello sviluppo, mentre nell'uomo è spesso richiesto in ambito andrologico (per esempio in caso di infertilità, calo del desiderio, ...).

Preparazione richiesta

Non è necessaria alcuna preparazione, ma la donna deve sottoporsi al prelievo in momenti specifici del ciclo mestruale indicati dal medico.

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro (fonti principali utilizzate per le analisi http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill).

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.
  1. Anonimo scrive il

    Buonasera dottore sono al 11 giorno di stimolazione. Siccome ho il picco dell LH che parte precocemente mi è stato introdotto per bloccare il picco , il cetrotide, quando il valore misurato nel sangue era di 25 , cioè al 7 giorno di stimolazione. Il giorno dopo il valore era di 4.3 . Non era un valore già un po’ troppo alto per introdurre cetrotide? Oggi lunedì ho dolori tipo ovulazione…..

  2. Anonimo scrive il

    Buongiorno
    utilizzando gli stick negli ultimi tre mesi non sono piu riuscita a rilevare la faccina sorridente
    sono comunque certa di aver notato tutti i cambiamenti del muco e la sensazione di bagnato
    secondo lei se non ho rilevato il picco di lh con gli stick non ho ovulato?
    Grazie

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      Il ciclo compariva sempre regolarmente?
      Soffre di ovaio policistico?

  3. Anonimo scrive il

    si ho un ciclo sempre regolare
    il mio endocrinologo (soffro di ipotiroidismo) xro’ ha visto un’ ecografia l’anno scorso e mi ha detto che ho l ovaio policistico
    ho ricontattato il mio ginecologoe lui mi ha detto di no

    1. Dr. Guido Cimurro (farmacista)
      Dr. Guido Cimurro (farmacista) scrive il

      In caso di ovaio policistico (probabilmente l’endocrinologo ha visto un valore di LH decisamente superiore all’FSH, mentre il ginecologo non ha visto microcisti con l’ecografia) possono manifestarsi cicli senza ovulazione e potrebbe essere il suo caso di questi mesi.

  4. Anonimo scrive il

    Salve dottore le posso chiedere un parere di seguito elenco i valori di fsh lh estradiolo e amh al 5 giorno di ciclo:
    ORMONE Anti MULLERIANO (AMH) 1,00 ng/ml valori rif 1,00 – 13,35;
    FSH 6,8 mUI/ml Fase Follicolare: 3,85-8,78 Fase Ovulatoria: 4,54-22,51
    Fase Luteinica: 1,79-5,12 Post Menopausa:16,74-113,59;
    LH 3,4 mUI/ml Fase Follicolare: 2,12-10,89 Fase Ovulatoria: 19,18-103,03
    Fase Luteinica: 1,20-12,86 Post Menopausa:10,87-58,64
    17-BETA ESTRADIOLO 27,0 ng/ml Fase Follicolare: 27-122
    Fase Ovulatoria: 95-433 Fase Luteinica: 49-291 Post Menopausa: Fino 40.
    Due domande ho 32 anni e stiamo alla ricerca di una gravidanza da due anni, ho speranze per una gravidanza naturale?
    Poi il valore del LH secondo lei è normale?
    Grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo) scrive il

      I valori di estradiolo sono ai limiti bassi come può vedere, e l’AMH anche, per cui sembrerebbe avere una scarsa riserva ovarica, difficile concepire in modo naturale con questa situazione; gli altri valori sono nella norma, ovviamente l’ultima parola spetta al ginecologo.

La sezione commenti è attualmente chiusa.