Valori Normali

Proteine totali

  • 6,4-8,3 grammi per decilitro (g/dl) o 64-83 grammi per litro (g/l)

Albumina

  • 3,5-5,0 g/dl o 35-50 g/l

Alfaglobulina-1

  • 0,1-0,3 g/dl o 1-3 g/l

Alfaglobulina-2

  • 0,6-1,0 g/dl o 6-10 g/l

Betaglobuline

  • 0,7-1,1 g/dl o 7-11 g/l

Fonte: Pagana KD, Pagana TJ (2010). Mosby’s Manual of Diagnostic and Laboratory Tests, 4th ed. St. Louis: Mosby Elsevier.

(Attenzione, gli intervalli di riferimento possono differire da un laboratorio all'altro, fare quindi riferimento a quelli presenti sul referto in caso di esami del sangue ed urina.)

Descrizione

Le proteine (o protidi) sono grandi molecole formate da lunghe catene di amminoacidi, che attraverso sofisticati meccanismi di piegano su sé stesse fino a formare complicate strutture tridimensionali.

Si tratta di uno dei più importanti mattoni per la Vita come la conosciamo, perché capaci di svolgere un’infinito numero di funzioni:

  • coadiuvano le reazioni chimiche che avvengono nell’organismo,
  • sono essenziali alla replicazione del codice genetico,
  • sono implicate nella gestione degli stimoli,
  • fungono da vettori per trasportare altre molecole,
  • svolgono funzioni di supporto,

Il dosaggio delle proteine totali del siero misura le quantità complessive presenti nel sangue, misurando anche le quantità specifiche dei due principali gruppi proteici del sangue:

  • albumine,
  • globuline.

L’albumina è principalmente prodotta dal fegato e aiuta a trattenere il sangue all’interno dei vasi sanguigni. Può anche servire a trasportare alcune medicine e altre sostanze attraverso il sangue; è importante per la proliferazione e la guarigione dei tessuti.

Le globuline includono un insieme di diverse proteine, dette alfa, beta e gamma.

  • Alcune globuline sono prodotte dal fegato,
  • altre dal sistema immunitario.
  • Alcune globuline si legano all’emoglobina.
  • Altre trasportano metalli (ad esempio il ferro) nel sangue e aiutano a combattere le infezioni.

Le globuline del siero possono venire separate in diversi sottogruppi tramite l’elettroforesi proteica del siero.

L’esame delle proteine totali riporta valori distinti per

  • proteine totali,
  • albumina,
  • globuline.

Interpretazione

I risultati dell'esame sono in genere valutati in un contesto più generale, prendendo in considerazione sintomi, stato di salute e soprattutto gli esiti degli altri esami richiesti, al fine di trarre informazioni sulla condizione del paziente e sulla salute di alcuni organi in particolare (fegato e reni su tutti).

Quando i risultati sono anormali diventano in genere necessari altri esami per riuscire a diagnosticare la malattia all'origine dei livelli proteici alterati, ad esempio ma non solo:

  • transaminasi,
  • esami della funzionalità renale,
  • elettroforesi delle proteine,
  • indagini specifiche per malattie intestinali.

Un basso livello di proteine totali può essere indicatore di problemi renali e/o epatici, oppure di un disturbo in cui le proteine non vengono assorbite e/o digerite in modo corretto, ad esempio

oppure anche in caso di emorragia, ustioni, disidratazione, ...

Un valore di proteine elevato viene di norma rilevato in caso di stati infiammatori (conseguenti a HIV, epatite B/C, mieloma multiplo, ...).

Un basso rapporto albumina/globuline (A/G) può indicare una sovrapproduzione di globuline, come succede nel caso di mieloma multiplo o nelle malattie autoimmunitarie, o una sottoproduzione di albumina, come può accadere nella cirrosi, o una perdita selettiva di albumina dal circolo, come può accadere in alcune malattie renali (sindrome nefrotica).

Un alto rapporto A/G evoca invece una sovrapproduzione di immunoglobuline, come accade in alcune carenze genetiche e in alcune leucemie.

Con proteine totali basse conseguenti ad un'espansione del plasma (diluizione del sangue), il rapporto A/G sarà tipicamente normale perché sia l'albumina che le globuline subiranno lo stesso fenomeno di diluizione.

Valori Bassi

  • Agammaglobulinemia
  • Danno epatico
  • Emorragia
  • Enteropatia con perdita di proteine
  • Glomerulonefrite
  • Malassorbimento
  • Malnutrizione
  • Sindrome nefrotica
  • Ustioni

Valori Alti

  • AIDS
  • Epatite
  • Infezioni
  • Infiammazione
  • Mieloma multiplo
  • Morbo di Waldenstrom

(Attenzione, elenco non esaustivo. Si sottolinea inoltre che spesso piccole variazioni dagli intervalli di riferimento possono non avere significato clinico.)

Fattori che influenzano l'esame

Motivi che possono impedire l'esame o renderne inutilizzabili i risultati sono:

  • Assunzione di farmaci come corticosteroidi, estrogeni, ormoni sessuali maschili (androgeni), ormoni della crescita o insulina.
  • Lesioni o infezioni.
  • Riposo a letto prolungato, come una lunga ospedalizzazione.
  • Una malattia cronica, specie se la malattia interferisce con la capacità di alimentarsi.
  • Gravidanza.

Quando viene richiesto l'esame

L'albumina viene misurata per:

  • Controllare la funzionalità epatica e renale.
  • Verificare che la dieta contenga sufficienti proteine.
  • Aiutare a stabilire le cause di un gonfiore delle caviglie (edema) o dell'addome (ascite) o di raccolte di liquidi nei polmoni che possono causare affanno (edema polmonare).

Le globuline vengono misurate per:

  • Determinare il rischio di infezioni.
  • Stabilire la presenza di eventuali malattie del sangue, come il mieloma multiplo o la macroglobulinemia.

Preparazione richiesta

Non è richiesta alcuna preparazione particolare.

Altre informazioni

Una dieta ad alto contenuto proteico può far aumentare il livello totale di proteine?

No, un maggior apporto proteico non aumenterà le proteine totali del sangue, perché l'eventuale eccesso verrà rapidamente smaltito attraverso le urine (causando tuttavia un potenziale affaticamento dei reni).

Alimenti fonte di proteine (carne, pesce, uova, latticini, frutta secca a guscio, legumi).

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro (fonti principali utilizzate per le analisi http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill).

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

La sezione commenti è attualmente chiusa.