Introduzione

La tosse è un atto riflesso che ha lo scopo di liberare le vie respiratorie, irritate da corpi estranei in esse incidentalmente penetrati o da materiali patologici (il tipico catarro o espettorato) in esse raccolti.

È preceduta da una veloce e profonda inspirazione e si manifesta con una rapida espirazione a glottide chiusa. Rappresenta quindi un meccanismo di difesa che permette di allontanare gli agenti irritanti dalle vie aeree che conducono ai polmoni.

Quando si parla di tosse è importante sapere che non viene definita come una malattia in sé, ma è un fenomeno che si può presentare in più forme (tosse secca o grassa) e a causa di diversi fattori.

La tosse può essere classificata anche in base alla sua durata:

  • acuta, se inizia improvvisamente e dura non più di 2-3 settimane, tipicamente a seguito di raffreddore, influenza o bronchite acuta;
  • cronica, se dura più di tre settimane (in genere causata da una patologia cronica sottostante, oppure da fattori come il fumo).
Donna che tossisce

iStock.com/Highwaystarz-Photography

Cause

Le principali cause della tosse sono:

  • Infiammazione delle vie aeree, per infezioni virali o batteriche, come ad esempio:
  • Allergie, talvolta accompagnate da rinite allergica e/o asma bronchiale. Entrano in gioco diverse componenti, dagli acari della polvere ai pollini delle piante primaverili, oppure anche i peli degli animali domestici e altro.
  • Sostanze irritanti che vengono inalate (polveri, smog, fumo di sigaretta, aria fredda) o corpi estranei, come pezzi di cibo (anche il reflusso gastroesofageo è spesso causa di tosse, secca e stizzosa).
  • Alcuni farmaci hanno la tosse come effetto indesiderato: in particolare è il caso dei farmaci per l’ipertensione arteriosa ACE-inibitori e del Metotrexato, utilizzato per l’artrite reumatoide e la psoriasi.

Tosse grassa (o umida)

In condizioni normali nelle vie respiratorie si produce soltanto un’esigua quantità di muco, che risale lungo i bronchi fino alla faringe dove viene deglutito.

L’espettorato (o escreato, più comunemente catarro) è un materiale patologico che proviene da un processo infiammatorio a livello dei bronchi o dei polmoni.

La tosse grassa è caratterizzata dalla produzione di questo catarro e assume massima frequenza e intensità nelle prime ore del mattino; durante il sonno, infatti, l’assopimento del riflesso della tosse consente l’accumulo di catarro nelle vie respiratorie che sarà massivamente espulso al risveglio.

Le cause della tosse grassa si possono ricondurre ad alcune malattie:

  • raffreddore, infiammazione del rinofaringe,
  • bronchite, infiammazione dei bronchi,
  • bronchiectasie, dilatazioni dei bronchi,
  • polmonite, eventualmente con ascesso polmonare,
  • tubercolosi, che forma un processo infettivo nel polmone.

L’espettorato (catarro) si può presentare sotto diversi aspetti:

  • sieroso, si riscontra nell’edema polmonare: è fluido, schiumoso, a volte tinto di rosa per la presenza di sangue;
  • mucoso: è trasparente, per lo più gelatinoso e si osserva nelle fasi iniziali della bronchite
  • muco-purulento: è frequente nelle bronchiti;
  • purulento: è abbastanza fluido e presenta un colore giallo-verdastro;
  • fibrinoso: si riscontra in certe bronchiti ed è costituito da masse di fibrina spesso sotto forma di stampi;
  • emorragico, con striature di sangue o sangue puro: si riscontra in svariate condizioni come ad esempio tubercolosi, bronchiectasie, infarto del polmone, polmoniti,
  • nero: si trova nell’antracosi polmonare, una malattia che colpisce principalmente i minatori di carbone e i ferrovieri.

Normalmente l’espettorato è inodore, tuttavia può assumere un odore nauseabondo se si sviluppano batteri.

Talvolta la tosse grassa può presentarsi con particolari caratteristiche:

  • Vomica, cioè con brusca emissione di una grande quantità di catarro e liquidi, che insorgono in determinate posizioni del corpo e attestano l’esigenza di espellere il materiale raccolto in cavità come ascessi.
  • Tosse con perdita di sangue (emottisi), che indica l’improvviso passaggio nelle vie respiratorie di sangue proveniente dai bronchi o dai polmoni.
  • Tosse con escreato schiumoso, tipico dell’edema polmonare acuto.

Infine possono verificarsi degli episodi di tosse seguiti da vomito (tosse emetizzante), ma non è chiaro il fattore che lega due sintomi di appartenenza a sistemi diversi (apparato respiratorio e apparato digerente); è probabile che piccole particelle di catarro possano rappresentare una componente che resta attaccata all’epiglottide o ad altre zone della faringe sensibili al riflesso del vomito.

Tosse secca

La tosse secca è caratterizzata dall’assenza della produzione di catarro o altro tipo di espettorato; può esprimere una numerosa serie di condizioni patologiche, anche molto differenti fra loro:

  • inalazione accidentale di polveri o di sostanze irritanti,
  • penetrazioni di corpi estranei nelle vie respiratorie, come può succedere con pezzi di cibo durante un pasto (i più frequenti sono briciole di pane e lische di pesce),
  • tracheite, con il frequente fastidioso dolore al torace dietro allo sterno,
  • laringite, con il caratteristico timbro abbaiante della tosse,
  • asma bronchiale, caratterizzata dal fiato corto e dalla tipica respirazione con sibili,
  • pertosse: cinque o più colpi successivi di tosse non interrotti l’uno dall’altro vengono poi successivamente seguiti da una profonda e stridula inspirazione con timbro abbaiante (non a caso viene definita “tosse canina”),
  • sovraccarico del circolo sanguigno polmonare dovuto a patologie delle valvole del cuore, come la stenosi mitralica (la tosse si manifesta più di sovente durante la notte o durante sforzi fisici) o per insufficienza del ventricolo sinistro, dove la tosse appare inizialmente secca e stizzosa,
  • tumore della laringe, dove è caratteristica la tosse “silenziosa” con un timbro afono per il danneggiamento delle corde vocali,
  • tumore del polmone (cancro broncogeno), nel quale la tosse è inizialmente irritativa e pertanto squassante, continua e secca per poi diventare produttiva e caratterizzata dall’emissione di sangue, di un colore rosso simile a gelatina di lampone,
  • pleurite e pericardite, che stimolano il riflesso della tosse attraverso il nervo vago.

La tosse può infine essere volontariamente provocata, come nel caso della tosse psicogena da isterismo o da simulazione.

La mancata emissione di catarro non è necessariamente sinonimo di tosse secca. Vi sono infatti delle condizioni per le quali, pur in presenza di abbondante catarro nelle vie respiratorie, la tosse non è produttiva e le ragioni vanno ricercate nell’estrema debolezza dei muscoli espiratori. Questo fenomeno si può individuare nei gravi pazienti allettati, che soffrono di patologie del sistema nervoso o muscolari, per esempio paralisi faringea e miastenia gravis.

Tosse nei bambini

La tosse nel periodo dell’infanzia è un sintomo molto comune ed è una della ragioni più frequenti che spingono i genitori a recarsi dal pediatra per una visita; le cause della tosse nel bambino sono diverse rispetto a quelle dell’adulto e la più comune è un’infezione virale che determina una tosse non complicata che si risolve spontaneamente in pochi giorni.

Una tosse che si prolunga per più di un mese deve essere invece valutata attentamente per individuare le cause, che possono talvolta comprendere diverse malattie polmonari.

L’esposizione al fumo di sigaretta o altri inquinanti atmosferici rappresenta un fattore scatenante per la tosse nel bambino ed è sempre consigliabile, per quanto possibile, tenere i piccoli lontani dal fumo passivo e da fonti di inquinamento come gli scarichi delle automobili.

Non vi sono evidenze scientifiche per giustificare nei bambini l’utilizzo dei prodotti da banco come sciroppi antitussivi o mucolitici e pertanto non dovrebbero essere assunti, dal momento che potrebbero causare seri effetti collaterali.

Se la causa della tosse è un’infezione batterica (tonsillite o polmonite), questa può essere contrastata con l’assunzione di un antibiotico. Anche l’aerosolterapia può essere utilizzata come trattamento su raccomandazione del pediatra.

Quando rivolgersi al medico

Si raccomanda di rivolgersi al medico se la tosse:

Rimedi

L’acqua può contribuire ad alleviare la tosse in almeno due modi diversi:

  • bevendo e idratando così direttamente le mucose,
  • umidificando l’aria.

Secondo alcuni autori gli antistaminici (antiallergici), in caso di raffreddore o influenza, potrebbero funzionare meglio dei classici sciroppi per la tosse in caso di forme stizzose e secche, tuttavia la letteratura non sembra confermare questa posizione.

Al miele, associato a bevande calde come tè, tisane o latte, è riconosciuta la capacità di ridurre l’irritazione delle alte vie respiratorie (faringe); si raccomanda di non somministrare miele ai bambini di età inferiore a un anno, per il rischio di botulino infantile.

E i famosi sciroppi per la tosse? Ad oggi la letteratura non ha ancora dato risposte definitive, almeno relativamente ai farmaci da banco, non individuando con certezza prove di reale efficacia, nonostante siano in commercio numerose formulazioni:

  • Sciroppi mucolitici (per la tosse grassa), che rendono il catarro meno denso e quindi più facilmente eliminabile. Sono i prodotti a base di bromexina, ambroxolo, N-Acetil-Cisteina e carbocisteina.
  • Sciroppi antitussivi (per la tosse secca), di cui i più importanti sono quelli a base di codeina, che frena il riflesso della tosse direttamente a livello dell’”interruttore” centrale. Si tratta di destrometorfano, butamirato
  • Espettoranti naturali: olio essenziale di eucalipto, di lavanda, niaouli, attraverso l’inalazione di aria calda e molto umida (fumenti e suffumigi).

Molto spesso il beneficio percepito a seguito dell’assunzione dello sciroppo è da ricercare nella presenza di eccipienti in grado di offrire un sollievo temporaneo e limitato, come ad esempio miele, glucosio o altri zuccheri, in grado di idratare o “lubrificare” le alte vie aeree.

Nel caso di tosse cronica si raccomanda di valutare il trattamento per la patologia a monte con l’aiuto del medico.

Come precedentemente anticipato, infine, nel caso dei bambini e ancor più nei neonati si raccomanda di evitare la somministrazione di sciroppi e altri farmaci se non espressamente prescritti dal medico.

 

A cura del Dottor Tommaso Casotti, medico chirurgo

Fonti e bibliografia

  • Nuti R. Semeiotica Medica – Metodologia Clinica, IX Edizione. Minerva Medica, Torino, 2010.
  • Lamas A, Ruiz de Valbuena M, Máiz L. Cough in Children. Arch Bronconeumol. 2014 Jul;50(7):294-300.

Articoli ed approfondimenti

Link sponsorizzati

Importante:

Revisione a cura del Dr. Guido Cimurro (fonti principali utilizzate per le analisi http://labtestsonline.org/ e Manual Of Laboratory And Diagnostic Tests, Ed. McGraw-Hill).

Le informazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente; si raccomanda di chiedere il parere del proprio dottore prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.


Commenti, segnalazioni e domande

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

La sezione commenti è attualmente chiusa.