Diabete

Digita le prime lettere dell'esame che stai cercando nella casella di ricerca qui sopra, filtrerai così gli esami fino a trovare quello che cerchi.

  • Calo di zuccheri (ipoglicemia reattiva): cause, sintomi e rimedi:

    Introduzione Cause Sintomi Diagnosi Cura e rimedi Fonti e bibliografia Introduzione Nell’immaginario collettivo le alterazioni significative della glicemia, ossia della quantità di zucchero nel sangue, sono frequentemente associate alla patologia diabetica; nonostante il legame sia sicuramente molto stretto, esistono anche altre condizioni in grado di determinare temporanee ma significative variazioni dei valori, e tra le (Continua a leggere)

  • Chetoni:

    I chetoni (anche detti corpi chetonici) sono dei sottoprodotti del metabolismo dei grassi, delle sostanze di rifiuto che l’organismo produce quando non ha a disposizione il glucosio (o quando non riesce a utilizzarlo), ma necessita comunque di energia. Se i grassi vengono bruciati  a scopo energetico in elevata quantità i chetoni si accumulano nel sangue provocando uno (Continua a leggere)

  • Chetoni:

    In condizioni normali l’organismo brucia soprattutto glucosio (zucchero) per produrre l’energia di cui necessita, ma se le quantità disponibili non sono sufficienti (per carenze alimentari, diete non equilibrate, …) si trova costretto ad utilizzare i grassi. I meccanismi biochimici che consentono di estrarre energia dai grassi producono come sostanza di scarto i chetoni, molecole di (Continua a leggere)

  • Curva glicemica in gravidanza:

    Il diabete gestazionale si sviluppa durante la gravidanza (gestazione). Come le altre forme di diabete (per esempio di tipo 1 e 2), anche quello gestazionale riguarda il modo in cui le cellule dell’organismo usano gli zuccheri (il glucosio), la nostra principale fonte di energia; più nel dettaglio si rileva un aumento della quantità di zucchero (Continua a leggere)

  • Diabete gestazionale (in gravidanza): valori, sintomi e dieta:

    Introduzione Perché alcune pazienti sviluppano il diabete gestazionale? Diagnosi e valori di glicemia Complicazioni Dieta Cura Introduzione Il diabete gestazionale è una patologia endocrinologica della donna che si manifesta come un aumento dei valori medi di glicemia (quantità di zucchero nel sangue) durante o subito dopo una gravidanza. La maggiore incidenza si rileva nel secondo trimestre, (Continua a leggere)

  • Diabete mellito tipo 1: sintomi iniziali e avanzati, valori e cura:

    Introduzione Cause Fattori di rischio Sintomi Fase 1 Fase 2 Fase 3 Complicazioni Diagnosi Cura e dieta Introduzione Il diabete è una condizione medica definita da un’elevata concentrazione di glucosio nel sangue (glicemia superiore a 126 mg/dl), che comporta un’alterazione generalizzata del metabolismo (glucidico, lipidico e proteico) e che a lungo termine può essere responsabile (Continua a leggere)

  • Diabete mellito tipo 2: sintomi, valori e dieta:

    Introduzione Cause Sintomi Complicazioni Diagnosi Cura Introduzione Il diabete mellito è una patologia in cui i livelli ematici di glucosio, il principale zucchero del sangue, sono eccessivamente elevati. Le cause possono variare a seconda che si tratti di: diabete mellito di tipo 1, diabete mellito di tipo 2 (che tratteremo in questo articolo), diabete mellito (Continua a leggere)

  • Emoglobina glicata:

    Il diabete mellito è una malattia cronica legata ad un disturbo del metabolismo dei carboidrati (zuccheri); in assenza di trattamento è caratterizzato da una costante iperglicemia, ossia da elevate quantità di zucchero nel sangue. È una delle malattie croniche più diffuse al mondo e colpisce più di 3 milioni di persone solo in Italia (fonte (Continua a leggere)

  • Fruttosaminemia:

    La fruttosamina è una proteina glicata, ossia una molecola frutto della combinazione tra il glucosio e una proteina. Questo esame si rivela utile nella gestione del paziente diabetico, anche se in realtà è poco usato; si tratta infatti di un esame simile alla molto più comune emoglobina glicata, in grado di fornire un’approssimazione della glicemia (Continua a leggere)

  • Glicemia:

    In campo medico la quantità di glucosio (zucchero) nel sangue prende il nome di glicemia ed è in genere il primo esame che viene richiesto quando si sospetta la presenza di diabete. Il glucosio rappresenta la principale fonte di energia per la maggior parte delle cellule del corpo, comprese quelle del cervello. I carboidrati (o (Continua a leggere)

  • Glucosio nelle urine:

    In condizioni normali il glucosio (a volte chiamato semplicemente zucchero) non è presente nell’urina, perché il rene si occupa di riassorbirlo durante il processo di filtrazione del sangue (per una quantità di circa 180 g di glucosio ogni giorno). I trasportatori di glucosio nel tubulo prossimale renale garantiscono che venga escreta nelle urine una quantità (Continua a leggere)

  • Insulina:

    Durante la digestione nell’intestino le lunghe catene di carboidrati assunte con la dieta (per esempio attraverso pane e pasta) vengono frammentate in in glucosio, una piccola molecola di zucchero in grado di essere assorbita e passare così nel sangue. Quando i livelli di glucosio nel sangue aumentano dopo un pasto, il pancreas rilascia insulina nel (Continua a leggere)

  • Insulino-resistenza: sintomi, cause, rimedi e dieta:

    Cos’è l’insulino-resistenza? Cause Sintomi Diagnosi Complicazioni Cura Dieta onti e bibliografia Cos’è l’insulino-resistenza? L’insulina è un ormone prodotto dal pancreas che viene rilasciato nel sangue dopo i pasti, soprattutto quelli ricchi di glucosio (uno zucchero), ma non solo. La sua azione consiste nel permettere al glucosio di entrare nelle cellule dell’organismo per essere poi utilizzato (Continua a leggere)

  • Peptide C:

    Quando mangiamo il nostro intestino si occupa di rompere le catene di zuccheri complessi contenute nel cibo in singole molecole di glucosio, che vengono poi assorbite e passano in circolo; in risposta a questo processo il pancreas produce insulina, un ormone che permette alle cellule muscolari di prelevare il glucosio dal sangue, abbassandone così la (Continua a leggere)

  • Proteine:

    Il termine proteinuria indica una presenza eccessiva di proteine nelle urine. Trovare concentrazioni minime è del tutto normale ed occasionali livelli più elevati non devono spaventare (soprattutto in caso di febbre od esercizio fisico), ma quando il riscontro è continuo diventa necessario approfondire la causa ed intervenire per curarla. Normalmente il rene è un efficace (Continua a leggere)