Fegato

Digita le prime lettere dell'esame che stai cercando nella casella di ricerca qui sopra, filtrerai così gli esami fino a trovare quello che cerchi.

  • Acidi biliari totali:

    Cosa sono gli acidi biliari? Gli acidi biliari (più comunemente detti sali biliari) sono una delle componenti della bile, una sostanza rilasciata nella prima porzione dell’intestino (duodeno) al fine di facilitare la digestione e quindi l’assorbimento di: grassi, vitamine liposolubili. A cosa servono gli acidi biliari? Gli acidi biliari contenuti nella bile esibiscono un’azione biologica (Continua a leggere)

  • Albumina:

    L’albumina è una proteina plasmatica sintetizzata dal fegato. È la proteina più abbondante nel plasma (la parte fluida del sangue), tanto che da sola rappresenta circa i due terzi del contenuto proteico totale. Proprio in virtù della sua abbondante concentrazione, quando questa diminuisce (a prescindere che la causa di una diminuzione della sintesi o un’aumentata escrezione) (Continua a leggere)

  • Anticorpi anti muscolo liscio:

    Gli anticorpi sono proteine prodotte dal nostro sistema immunitario che vengono liberate in caso di aggressione da parte di minacce esterne, come per esempio microrganismi patogeni (batteri, virus, …). In alcuni casi vengono erroneamente prodotti anticorpi in grado di attaccare il nostro stesso organismo, interpretando la presenza di alcune utili proteine con un pericolo da (Continua a leggere)

  • Bilirubina:

    L’esame della bilirubina misura il livello di questa sostanza nel sangue; si tratta di un pigmento di colore giallastro che è per la maggior parte un prodotto di scarto della normale disgregazione della dell’emoglobina (proteina presente nei globuli rossi) ed è uno dei costituenti della bile. A seguito della sua produzione la sostanza arriva nel (Continua a leggere)

  • Bilirubina:

    La bilirubina è una sostanza di scarto prodotta dal fegato a seguito del processo di smaltimento dei globuli rossi giunti a fine vita (pari a circa 120 giorni): è un componente della bile, il liquido che il fegato secerne nell’apparato digerente per contribuire alla digestione. In alcune malattie del fegato, ad esempio nell’ostruzione biliare o (Continua a leggere)

  • Cirrosi epatica: sintomi, cause e prospettive:

    Introduzione Cause Sintomi Complicazioni Diagnosi Quando chiamare il medico Terapia Introduzione La cirrosi epatica è un processo cicatriziale del fegato, causato da lesioni o malattie di lunga durata. Le cicatrici sostituiscono progressivamente il tessuto epatico sano e ostacolano così il normale flusso di sangue attraversol’organo. Un fegato sano è necessario in quanto: produce proteine, aiuta (Continua a leggere)

  • Epatite A: sintomi, trasmissione e contagio, pericoli e vaccino:

    Introduzione Trasmissione e contagio Sintomi Diagnosi Cura Vaccino e prevenzione Introduzione L’epatite A (HAV) è un’infezione sistemica che interessa principalmente il fegato; è una malattia ubiquitaria, sporadica, che tuttavia può avere diffusione epidemica all’interno di comunità chiuse o in aree a basso sviluppo igienico-sanitario. È una condizione autolimitante che non provoca infezione cronica e che (Continua a leggere)

  • Epatite C: sintomi, cura, trasmissione, vaccino:

    Introduzione Trasmissione e contagio Sintomi Periodo d’incubazione Periodo prodromico Periodo conclamato Periodo di risoluzione Complicazioni Diagnosi Terapia Epatite acuta Epatite cronica Prevenzione Introduzione L’epatite C è un’infezione a carico del fegato, sostenuta dal virus HCV, caratterizzata da necrosi delle cellule epatiche ed infiltrato infiammatorio nel fegato. Il virus dell’epatite C è un virus a RNA a (Continua a leggere)

  • Fibrosi epatica: cause, sintomi e cura:

    Introduzione Cause Sintomi Complicazioni Diagnosi Cura Fonti e bibliografia Introduzione Un processo di guarigione definito “fibrosi epatica” si verifica nel fegato in seguito a stimoli dettati da fenomeni infiammatori, come quelli dovuti a patologie croniche o ad altri tipi di danneggiamento dell’organo (come l’abuso di alcol) perpetuati nel corso del tempo. In presenza di queste (Continua a leggere)

  • Fosfatasi alcalina (ALP):

    Fosfatasi è un termine che indica una classe di enzimi capaci di favorire e velocizzare specifiche reazioni biochimiche all’interno del nostro organismo (defosforilazioni, ossia quando sia necessario rimuovere gruppi fosfato). In relazione al pH in cui operano, si distinguono in: fosfatasi acida (ACP), fosfatasi alcalina (ALP). Della ALP si conoscono poi quattro varianti che operano (Continua a leggere)

  • Gamma GT:

    La gammaglutamil transferasi (GGT, o Gamma GT) è un enzima che si trova principalmente in rene, fegato e nelle cellule pancreatiche, mentre altri tessuti ne contengono quantità decisamente inferiori; la presenza nel sangue della molecola sembra tuttavia essere legata prevalentemente al sistema epatobiliare (fegato e vie biliari). In condizioni fisiologiche è presente in bassa quantità (Continua a leggere)

  • Ittero e occhi gialli: cause, sintomi, pericoli e cura:

    Introduzione Definizione Cause Ittero pre-epatico Ittero epatico Ittero post-epatico (ostruttivo) Sintomi Diagnosi Cura Introduzione Per ittero si intende la colorazione giallastra assunta da cute, mucose e sclere (parte bianca degli occhi) causata dall’innalzamento dei livelli di bilirubina nel sangue. Le possibili cause di ittero sono numerose, ma i sintomi che possono accompagnarla in genere si (Continua a leggere)

  • Proteine totali:

    Le proteine (o protidi) sono grandi molecole formate da lunghe catene di amminoacidi, che attraverso sofisticati meccanismi si piegano su sé stesse fino a formare complicate strutture tridimensionali. Si tratta di uno dei più importanti mattoni per la Vita come la conosciamo, perché coinvolte in un numero quasi infinito funzioni: coadiuvano le reazioni chimiche che (Continua a leggere)

  • Sindrome di Gilbert: sintomi, cause, conseguenze e cura:

    Introduzione Bilirubina Cause Sintomi Diagnosi Prognosi e complicazioni Cura Dieta e alimentazione Introduzione La sindrome di Gilbert è una malattia benigna del fegato, cronica, caratterizzata da aumento del valore di bilirubina nel sangue e conseguente ittero. Se la bilirubina nel sangue si innalza di poco il paziente non manifesta alcun sintomo; di contro, se il (Continua a leggere)

  • Steatoepatite non alcolica (NASH): cause, sintomi e cura:

    Introduzione Cause Sintomi Complicanze Diagnosi Cura Fonti e bibliografia Introduzione La steatoepatite non alcolica (Non-alcoholic Steatohepatitis, NASH) è considerata una complicanza della steatosi epatica (o fegato grasso, NAFLD) e si caratterizza per un’alterazione della funzionalità dell’organo causata da processi infiammatori, cicatriziali o di necrosi (morte) del tessuto sano, conseguenti all’accumulo di lipidi a livello epatico; questa (Continua a leggere)

  • Steatosi epatica (fegato grasso): cause, sintomi e pericoli:

    Introduzione Cause Sintomi Complicazioni Diagnosi Cura Fonti e bibliografia Introduzione Con il termine “steatosi epatica non alcolica” (NAFLD) si fa riferimento ad una condizione clinica caratterizzata da un accumulo eccessivo di grasso (prevalentemente in forma di trigliceridi) a livello delle cellule del fegato (epatociti); viene popolarmente indicata come fegato grasso. È importante sottolineare che un quantitativo (Continua a leggere)

  • Transaminasi:

    Le transaminasi sono enzimi che si occupano di favorire e velocizzare reazioni biochimiche sugli amminoacidi; pur essendo una famiglia decisamente numerosa, i più utilizzati in medicina a scopo diagnostico sono due alanina aminotransferasi (ALT), chiamata anche glutammato-piruvato transaminasi (GPT). aspartato aminotransferasi (AST), anche conosciuta come glutammato-ossalacetato transaminasi (GOT), Entrambe le molecole sono presenti in grande (Continua a leggere)

  • Urobilinogeno:

    L’urobilinogeno è una sostanza che deriva dalla bilirubina, una molecola di rifiuto prodotta dal fegato; la trasformazione avviene principalmente nell’intestino ad opera di batteri intestinali ed infatti la maggior parte della sostanza viene eliminata attraverso le feci. Circa il 20% dell’urobilinogeno viene invece riassorbito e torna in circolo e, di questo, una piccola frazione viene (Continua a leggere)