Marker tumorali

Digita le prime lettere dell'esame che stai cercando nella casella di ricerca qui sopra, filtrerai così gli esami fino a trovare quello che cerchi.

  • Alfafetoproteina:

    L’alfa-feto proteina (AFP) è una proteina prodotta soprattutto dal fegato del feto (prodotto del concepimento) e, nelle donne in gravidanza, dal sacco vitellino, la parte dell’embrione paragonabile al tuorlo delle uova degli uccelli. Nell’uomo e nelle donne non incinte l’AFP è presente nel sangue solo in quantità minime, mentre nelle donne in gravidanza i livelli (Continua a leggere)

  • Beta HCG:

    La gonadotropina corionica umana (hCG) è un ormone glicoproteico composto da 2 sub-unità, in cui una delle due (sub-unità alfa) è sostanzialmente identica a quella di ormone luteinizzante (LH), ormone follicolo-stimolante (FSH), ormone stimolante la tiroide (TSH). Gli esami del sangue comunemente usati per la gravidanza cercano invece la sub-unità beta, in quanto nei diversi (Continua a leggere)

  • CA 15-3:

    Il carcinoma mammario è il tumore più comune nelle donne, tanto che ogni anno viene diagnosticato a più di un milione di donne nel mondo e nei soli Stati Uniti è causa di 40000 morti l’anno circa. Con l’uso della mammografia come strumento di screening e un continuo miglioramento delle cure disponibili, i tassi di mortalità sono (Continua a leggere)

  • CA 19-9:

    Il CA 19-9 (antigene carboidratico 19-9 o GICA) è una proteina presente sulla superficie di alcune cellule tumorali. Il CA 19-9 non causa la comparsa di tumore, ma è presente nelle cellule tumorali, quindi è utile come marcatore per seguire il decorso della malattia. Di per sé non è sufficientemente specifico per poter essere utilizzato (Continua a leggere)

  • CA 125:

    Il CA-125 è una proteina che viene utilizzata come marker tumorale per la diagnosi e la prognosi di alcuni tipi di cancro; non si sa con certezza quale sia la funzione fisiologica, ma è stato dimostrato che si trova sia nei tessuti benigni sia in quelli maligni. L’esame ne misura la quantità nel sangue e un eventuale aumento (Continua a leggere)

  • CEA:

    Un marcatore tumorale è una sostanza che può essere isolata nel sangue o nell’urina di un paziente affetto da tumore, perchè prodotta del tumore stesso, oppure prodotta dall’organismo in risposta alla presenza delle cellule cancerose. Sono sostanze che, a seconda dei casi , possono essere prescritte con scopi diversi: screening e diagnosi del cancro, stadiazione (Continua a leggere)

  • DHEA:

    Il DHEA (diidroepiandrosterone) è un ormone steroideo a 19 atomi di carbonio ed è uno dei tre androgeni (DHEA, DHEA-S, androstenedione) prodotti dalle ghiandole surrenali. Nel sangue è presente anche sotto forma di solfato come riserva circolante, mentre nei tessuti periferici viene convertito in un altro androgeno (testosterone, o diidrotestosterone) oppure in un estrogeno. Negli (Continua a leggere)

  • HE4:

    L’HE4 (Human Epididymis Protein 4) è una proteina identificata per la prima volta nell’epididimo, la parte del testicolo che funge da serbatoio per gli spermatozoi. Ricerche successive hanno tuttavia scoperto che l’HE4 è prodotto anche nell’apparato riproduttore femminile, in presenza di alcuni tipi di tumore all’ovaio, da cui poi raggiunge il sangue. Il tessuto ovarico (Continua a leggere)

  • HER2/neu:

    In caso di diagnosi di tumore al seno, lo specialista potrebbe decidere di ordinare diversi esami di laboratorio per caratterizzare la malattia e poter quindi valutare meglio percorso terapeutico e prognosi. Tra i test più comunemente richiesti in questi casi troviamo il test HER2/neu, il cui risultato permette di decidere la cura più efficace. Prima (Continua a leggere)

  • Inibina:

    L’inibina B è un ormone prodotto nell’uomo dalle cellule del Sertoli dei testicoli, nella donna, in particolare durante l’età fertile, dalle cellule della membrana granulosa delle ovaie; in entrambi i sessi inibisce la produzione dell’ormone follicolostimolante (FSH) secreto dall’ipofisi: se il livello dell’inibina B diminuisce, aumenta quello dell’ormone FSH, e viceversa. L’ormone FSH è molto (Continua a leggere)

  • Leucemia acuta e cronica: sintomi, cause e sopravvivenza:

    Introduzione Cause Sintomi Diagnosi Prognosi e sopravvivenza Cura Prevenzione Introduzione La leucemia è una malattia tristemente nota nell’immaginario collettivo per due caratteristiche: la tendenza a colpire le prime età della vita, le scarse probabilità di sopravvivenza. Questa visione, pur parzialmente corrispondente al vero, è solo la semplificazione di una realtà clinica ben più complessa; il (Continua a leggere)

  • Linfoma di Hodgkin: sintomi, sopravvivenza, cause e cura:

    Introduzione Fattori di rischio Classificazione Sintomi Sopravvivenza Diagnosi Stadiazione Cura Tossicità Introduzione Il linfoma di Hodgkin è un tumore che interessa i tessuti linfoidi dell’organismo, principalmente deputati alla difesa del nostro corpo dalle infezioni e dalle malattie, di cui fanno parte: vasi linfatici, in cui circola la linfa (costituita principalmente da linfociti B e T), (Continua a leggere)

  • Linfoma non-Hodgkin: sintomi, cause, sopravvivenza:

    Introduzione Cause e fattori di rischio Sintomi Diagnosi Tipologie Stadiazione Sopravvivenza Terapia Tossicità Trapianto Follow-up Introduzione Con il termine di linfomi non-Hodgkin (LNH) si indica un gruppo di tumori maligni del sistema linfatico, complesso facente parte del sistema immunitario e deputato alla difesa del nostro organismo (insieme al midollo osseo, tonsille, timo e milza). Si (Continua a leggere)

  • Melanoma della pelle: sintomi, sopravvivenza e cura:

    Introduzione Causa Fattori di rischio Sintomi Diagnosi Linfonodo sentinella Cura Prevenzione Introduzione Il melanoma è un tumore maligno che origina dai melanociti, cellule della pelle che si trovano nello strato più profondo della cute e producono la melanina, un pigmento scuro responsabile della diversa pigmentazione della pelle di ognuno di noi. Quando ci esponiamo al (Continua a leggere)

  • NSE:

    L’enolasi è un enzima glicolitico che catalizza diverse reazioni chimiche relative alla produzione di energia; i livelli risultano aumentati in presenza di alcuni tipi di cancro, il che lo rende un utile marker per queste condizioni, nonché in caso di specifici disordini neurologici L’enolasi neurone specifica (NSE) è il tipo di enolasi più diffuso nei tessuti neuronali (Continua a leggere)

  • PAP-test:

    Quasi tutti i casi di tumore al collo dell’utero sono causati dalla presenza del papilloma virus (HPV); esistono molti ceppi di questo virus, ma i principali responsabili di questo grave problema di salute sono i 12 ad alto rischio. Questi virus sono inoltre responsabili, seppure più raramente, di tumori all’ano, vaginali, al pene e alcuni (Continua a leggere)

  • Prolattina:

    La prolattina è un ormone secreto dall’ipofisi dietro stretto controllo dell’ipotalamo. È chimicamente simile all’ormone della crescita (GH), ma ha effetti quasi completamente diversi. La produzione è regolata da diversi stimoli, ma tra i più importanti ricordiamo la dopamina, che opera riducendone la produzione. I principali e meglio studiati effetti dell’ormone consistono nella regolazione della (Continua a leggere)

  • PSA free e ratio:

    Di norma richiesto insieme al PSA totale, il free PSA (o PSA libero o fPSA) rappresenta una frazione della quantità totale di antigene prostatico specifico circolante, in particolare la parte che non risulta essere legata a proteine di trasposto. L’utilità di questo test nasce dall’osservazione per cui in condizioni benigne, come l’ipertrofia prostatica, aumenta prevalentemente (Continua a leggere)

  • PSA totale:

    Il test del PSA è un esame usato principalmente come screening per il tumore della prostata, una ghiandola propria solo degli uomini che si trova sotto la vescica. Obiettivo del test è la misurazione della quantità di antigene prostatico specifico nel sangue, una proteina prodotta dalla prostata e presente soprattutto nello sperma, con la funzione (Continua a leggere)

  • Sangue occulto nelle feci:

    In condizioni normali lo stomaco e l’intestino perdono una quantità di sangue minima durante la digestione, quindi la presenza nelle feci è trascurabile e non è rilevabile dall’esame del sangue occulto. Quando sono presenti polipi, cioè le piccole sporgenze simili a dita all’interno dell’intestino o del retto, questi possono essere fragili e sanguinare, ad esempio (Continua a leggere)

  • Sintomi di tumore: a cosa prestare attenzione?:

    Introduzione Segni e sintomi Manifestazioni generalizzate: Manifestazioni localizzate Conclusioni Introduzione I tumori maligni rappresentano la seconda causa di morte in Italia dopo le malattie cardiovascolari e la loro incidenza è in continuo aumento. Nonostante ciò è importante ricordare che negli ultimi anni sono stati fatti dei passi da gigante per quanto riguarda la diagnosi e (Continua a leggere)

  • TPA:

    Il TPA (antigene polipeptidico tissutale) è una proteina che si trova nel sangue, prodotta dalla placenta e da altri tipi di tessuti, sia durante la fisiologica proliferazione cellulare che in caso di proliferazione tumorale. Questa molecola è quindi usata come marcatore tumorale per il controllo e il monitoraggio di diversi tipi di tumore che si (Continua a leggere)

  • Tumore al cervello: sintomi, cause e sopravvivenza:

    Introduzione Causa Sintomi Diagnosi Trattamento Prevenzione Introduzione La paura di un “tumore del cervello” è sicuramente tra le principali che possano interessare oggigiorno la popolazione. La grande diffusione che tale timore riveste è probabilmente dovuta alla grande aspecificità dei sintomi con cui può presentarsi, come ad esempio cefalea, stanchezza e faticabilità precoce, riduzione della vista, (Continua a leggere)

  • Tumore al colon-retto: sintomi, sopravvivenza e cause:

    Introduzione Causa Fattori non modificabili Fattori modificabili Sintomi Complicazioni Sopravvivenza Diagnosi Cura Prevenzione Bibliografia Introduzione Il colon è l’ultima parte dell’apparato digerente; forma una sorte di cornice attorno alla massa dell’intestino tenue e si suddivide da destra a sinistra in: colon ascendente, colon trasverso, colon discendente, sigma e retto. Questi ultimi due segmenti sono contenuti all’interno (Continua a leggere)

  • Tumore al fegato: sintomi, sopravvivenza, metastasi, cure:

    Introduzione Cause Fattori di rischio Classificazione Tumori benigni Tumori maligni Sintomi Diagnosi Cura Sopravvivenza e prognosi Prevenzione Introduzione Il tumore al fegato (o tumore epatico) è una neoplasia che ha origine nel fegato e che si può presentare con forme molto diverse tra loro. La principale classificazione del tumore epatico prevede una suddivisione in: tumore (Continua a leggere)

  • Tumore al pancreas: sintomi, cause, sopravvivenza:

    Introduzione Anatomia Cause Sintomi Diagnosi Stadiazione Cura Prevenzione Introduzione Quando parliamo di cancro del pancreas intendiamo generalmente l’adenocarcinoma del pancreas (tumore originato dalla trasformazione maligna delle cellule epitelio-ghiandolari di questo organo), poiché esso da solo rappresenta il 95% delle neoplasie maligne pancreatiche. Oggigiorno tale patologia rimane ancora una grande interrogativo della medicina, poiché a 5 (Continua a leggere)

  • Tumore al polmone: sintomi, metastasi, sopravvivenza:

    Introduzione Diffusione Fattori di rischio Classificazione Metastasi Sintomi Diagnosi Sopravvivenza e stadiazione Cura Prevenzione Introduzione Con il termine di tumore al polmone si intende l’insieme delle neoplasie che interessano le cellule che costituiscono polmoni, bronchi, bronchioli, alveoli, ossia le strutture presenti nella gabbia toracica e deputate alla respirazione e agli scambi di ossigeno ed anidride (Continua a leggere)

  • Tumore al seno: sintomi, prevenzione, sopravvivenza e cura:

    Introduzione Sopravvivenza Cause e fattori di rischio Sintomi Diagnosi Terapia e cura Prevenzione Introduzione In Italia il carcinoma della mammella è il tumore maligno più comune nella popolazione femminile, rappresentando il 29% di tutti quelli che colpiscono le donne, ed è la prima causa di decesso per cause oncologiche (17% delle morti). La mammella è costituita (Continua a leggere)

  • Tumore alla prostata: sintomi, sopravvivenza e cura:

    Introduzione Cause e fattori di rischio Sintomi Sopravvivenza Diagnosi Terapia Introduzione La prostata è una ghiandola a forma di castagna, la cui funzione è quella di produrre la parte liquida dell’eiaculato; si trova appena al di sotto della vescica e davanti al retto, con cui è in contatto. In Italia un uomo su 8 sviluppa il (Continua a leggere)

  • Tumore alla tiroide: cause, sintomi, cura e sopravvivenza:

    Introduzione Cause Classificazione Fattori di rischio Sintomi Diagnosi Cura Introduzione Il tumore della tiroide origina dall’omonima ghiandola, situata a livello della linea mediana del collo davanti alla trachea. Il tumore alla tiroide rappresenta il 2-3% dei tumori e si sviluppa soprattutto nei giovani adulti e negli over 60. Nelle donne l’incidenza ha un rapporto di (Continua a leggere)

  • Tumore dell’utero: sintomi, cura e sopravvivenza:

    Introduzione Anatomia dell’utero Cause e classificazione Sopravvivenza Sintomi Diagnosi Cura Prevenzione Introduzione Il tumore dell’utero, o tumore endometriale (poiché nella maggior parte dei casi esso origina dalla trasformazione delle cellule che costituiscono l’endometrio), è a oggi il tumore “ginecologico” maligno più frequente al mondo ed al contempo la quarta causa di tumore maligno più comune (Continua a leggere)

  • Tumore della vescica: sintomi, cause, cura e sopravvivenza:

    Introduzione Fattori di rischio Sintomi Diagnosi Trattamento Introduzione La vescica è un organo cavo deputato alla raccolta dell’urina che viene prodotta dai reni in seguito alla filtrazione del sangue. L’urina viene quindi trasportata fino alla vescica mediante due condotti, che sono gli ureteri, e si accumula in questa sede fino al momento in cui, in (Continua a leggere)